agosto 2018
  • martedì

    21/08/2018

  • mercoledì

    22/08/2018

  • giovedì

    23/08/2018

  • venerdì

    24/08/2018

  • sabato

    25/08/2018

  • domenica

    26/08/2018

  • lunedì

    27/08/2018


15.00
PROGRAMMAZIONE

Visages, villages

di JR e Agnès Varda, 2017, Francia, 89 min.

Un’icona della Nouvelle Vague ora novantenne e un giovane artista parigino che si definisce un “photograffeur” (fotograffitaro). Cosa possono avere in comune? Semplice: sono due outsider dell’arte che condividono la passione e la curiosità per le immagini, per i volti e i villaggi – come recita il titolo -, per le persone e gli ambienti, e per i luoghi e i dispositivi che permettono di mostrarli, condividerli, esporli. Se Agnès ha scelto il cinema, JR ha scelto la street art.


INGRESSO: 6€ / ridotto 5€

versione originale con sott. ita.


17.00
PROGRAMMAZIONE

I am not alone anyway

Veronica Santi, 2017, Italia, 75 min

La storia di Francesca Alinovi, ricercatrice del DAMS di Bologna, uccisa barbaramente nel 1983. Una episodio inquietante ed estremamente attuale, che prende luogo nel capoluogo emiliano post-anni ’70, affascinante e morboso. Il racconto che la Santi decide di fare non si sofferma a indagare la morte della giovane critica d’arte quanto piuttosto la vita, la produzione artistica e la personalità travolgente che ha caratterizzato e reso celebre in tutto il mondo Francesca.


INGRESSO: 5€ / ridotto 4€


19.00
PROGRAMMAZIONE

Visages, villages

di JR e Agnès Varda, 2017, Francia, 89 min.

Un’icona della Nouvelle Vague ora novantenne e un giovane artista parigino che si definisce un “photograffeur” (fotograffitaro). Cosa possono avere in comune? Semplice: sono due outsider dell’arte che condividono la passione e la curiosità per le immagini, per i volti e i villaggi – come recita il titolo -, per le persone e gli ambienti, e per i luoghi e i dispositivi che permettono di mostrarli, condividerli, esporli. Se Agnès ha scelto il cinema, JR ha scelto la street art.


INGRESSO: 6€ / ridotto 5€

versione originale con sott. ita.


15.00
PROGRAMMAZIONE

Manifesto

di Julian Rosefeldt, 2015, Germania/Australia, 95'

Il manifesto del Partito Comunista raccontato da un senzatetto, i motti dadaisti interpretati da una vedova durante un’orazione funebre, Dogma 95 spiegato da una maestra ai suoi allievi. Dodici personaggi (più uno) celebrano i movimenti artistici all’interno di altrettanti ambienti, attraverso un sorprendente collage di famosi manifesti del Novecento scritto da Julian Rosefeldt e interpretato dall’attrice australiana Cate Blanchett, vincitrice dell’Oscar.

Tra gli autori citati nel film: Filippo Tommaso Marinetti, Tristan Tzara, Kazimir Malevich, André Breton, Claes Oldenburg, Yvonne Reiner, Sturtevant, Adrian Piper, Sol LeWitt e Jim Jarmusch.

 


INGRESSO: intero 6€ / ridotto 5€

versione originale con sott. ita.


17.00
PROGRAMMAZIONE

La principessa e l’aquila – v.italiana

di Otto Bell, 2016, Regno Unito/Mongolia/USA, 87 Min - versione italiana

Tra le popolazioni nomadi della Mongolia l’addestramento delle aquile è una tradizione millenaria, ma è praticata esclusivamente dagli uomini. La giovane Aisholpan ha solo tredici anni, eppure ha già deciso di diventare la prima addestratrice di aquile del Paese. Sotto la guida esperta del padre, supererà ogni ostacolo che le si porrà di fronte, imparando ad accudire la sua aquila e a farla volare, fino a dimostrare tutto il suo talento al Festival annuale che mette in competizione i più grandi addestratori del Paese.

Versione doppiata con a voce di LODOVICA COMELLO


INGRESSO: 6€ / ridotto 5€


19.00
PROGRAMMAZIONE

Manifesto

di Julian Rosefeldt, 2015, Germania/Australia, 95'

Il manifesto del Partito Comunista raccontato da un senzatetto, i motti dadaisti interpretati da una vedova durante un’orazione funebre, Dogma 95 spiegato da una maestra ai suoi allievi. Dodici personaggi (più uno) celebrano i movimenti artistici all’interno di altrettanti ambienti, attraverso un sorprendente collage di famosi manifesti del Novecento scritto da Julian Rosefeldt e interpretato dall’attrice australiana Cate Blanchett, vincitrice dell’Oscar.

Tra gli autori citati nel film: Filippo Tommaso Marinetti, Tristan Tzara, Kazimir Malevich, André Breton, Claes Oldenburg, Yvonne Reiner, Sturtevant, Adrian Piper, Sol LeWitt e Jim Jarmusch.

 


INGRESSO: intero 6€ / ridotto 5€

versione originale con sott. ita.


15.00
PROGRAMMAZIONE

La principessa e l’aquila – v.italiana

di Otto Bell, 2016, Regno Unito/Mongolia/USA, 87 Min - versione italiana

Tra le popolazioni nomadi della Mongolia l’addestramento delle aquile è una tradizione millenaria, ma è praticata esclusivamente dagli uomini. La giovane Aisholpan ha solo tredici anni, eppure ha già deciso di diventare la prima addestratrice di aquile del Paese. Sotto la guida esperta del padre, supererà ogni ostacolo che le si porrà di fronte, imparando ad accudire la sua aquila e a farla volare, fino a dimostrare tutto il suo talento al Festival annuale che mette in competizione i più grandi addestratori del Paese.

Versione doppiata con a voce di LODOVICA COMELLO


INGRESSO: 6€ / ridotto 5€


17.00
PROGRAMMAZIONE

Manifesto

di Julian Rosefeldt, 2015, Germania/Australia, 95'

Il manifesto del Partito Comunista raccontato da un senzatetto, i motti dadaisti interpretati da una vedova durante un’orazione funebre, Dogma 95 spiegato da una maestra ai suoi allievi. Dodici personaggi (più uno) celebrano i movimenti artistici all’interno di altrettanti ambienti, attraverso un sorprendente collage di famosi manifesti del Novecento scritto da Julian Rosefeldt e interpretato dall’attrice australiana Cate Blanchett, vincitrice dell’Oscar.

Tra gli autori citati nel film: Filippo Tommaso Marinetti, Tristan Tzara, Kazimir Malevich, André Breton, Claes Oldenburg, Yvonne Reiner, Sturtevant, Adrian Piper, Sol LeWitt e Jim Jarmusch.

 


INGRESSO: intero 6€ / ridotto 5€

versione originale con sott. ita.


19.00
PROGRAMMAZIONE

La principessa e l’aquila – v.italiana

di Otto Bell, 2016, Regno Unito/Mongolia/USA, 87 Min - versione italiana

Tra le popolazioni nomadi della Mongolia l’addestramento delle aquile è una tradizione millenaria, ma è praticata esclusivamente dagli uomini. La giovane Aisholpan ha solo tredici anni, eppure ha già deciso di diventare la prima addestratrice di aquile del Paese. Sotto la guida esperta del padre, supererà ogni ostacolo che le si porrà di fronte, imparando ad accudire la sua aquila e a farla volare, fino a dimostrare tutto il suo talento al Festival annuale che mette in competizione i più grandi addestratori del Paese.

Versione doppiata con a voce di LODOVICA COMELLO


INGRESSO: 6€ / ridotto 5€


15.00
PROGRAMMAZIONE

Manifesto

di Julian Rosefeldt, 2015, Germania/Australia, 95'

Il manifesto del Partito Comunista raccontato da un senzatetto, i motti dadaisti interpretati da una vedova durante un’orazione funebre, Dogma 95 spiegato da una maestra ai suoi allievi. Dodici personaggi (più uno) celebrano i movimenti artistici all’interno di altrettanti ambienti, attraverso un sorprendente collage di famosi manifesti del Novecento scritto da Julian Rosefeldt e interpretato dall’attrice australiana Cate Blanchett, vincitrice dell’Oscar.

Tra gli autori citati nel film: Filippo Tommaso Marinetti, Tristan Tzara, Kazimir Malevich, André Breton, Claes Oldenburg, Yvonne Reiner, Sturtevant, Adrian Piper, Sol LeWitt e Jim Jarmusch.

 


INGRESSO: intero 6€ / ridotto 5€

versione originale con sott. ita.


17.00
PROGRAMMAZIONE

La principessa e l’aquila – v.italiana

di Otto Bell, 2016, Regno Unito/Mongolia/USA, 87 Min - versione italiana

Tra le popolazioni nomadi della Mongolia l’addestramento delle aquile è una tradizione millenaria, ma è praticata esclusivamente dagli uomini. La giovane Aisholpan ha solo tredici anni, eppure ha già deciso di diventare la prima addestratrice di aquile del Paese. Sotto la guida esperta del padre, supererà ogni ostacolo che le si porrà di fronte, imparando ad accudire la sua aquila e a farla volare, fino a dimostrare tutto il suo talento al Festival annuale che mette in competizione i più grandi addestratori del Paese.

Versione doppiata con a voce di LODOVICA COMELLO


INGRESSO: 6€ / ridotto 5€


19.00
PROGRAMMAZIONE

Manifesto

di Julian Rosefeldt, 2015, Germania/Australia, 95'

Il manifesto del Partito Comunista raccontato da un senzatetto, i motti dadaisti interpretati da una vedova durante un’orazione funebre, Dogma 95 spiegato da una maestra ai suoi allievi. Dodici personaggi (più uno) celebrano i movimenti artistici all’interno di altrettanti ambienti, attraverso un sorprendente collage di famosi manifesti del Novecento scritto da Julian Rosefeldt e interpretato dall’attrice australiana Cate Blanchett, vincitrice dell’Oscar.

Tra gli autori citati nel film: Filippo Tommaso Marinetti, Tristan Tzara, Kazimir Malevich, André Breton, Claes Oldenburg, Yvonne Reiner, Sturtevant, Adrian Piper, Sol LeWitt e Jim Jarmusch.

 


INGRESSO: intero 6€ / ridotto 5€

versione originale con sott. ita.


15.00
PROGRAMMAZIONE

La principessa e l’aquila – v.italiana

di Otto Bell, 2016, Regno Unito/Mongolia/USA, 87 Min - versione italiana

Tra le popolazioni nomadi della Mongolia l’addestramento delle aquile è una tradizione millenaria, ma è praticata esclusivamente dagli uomini. La giovane Aisholpan ha solo tredici anni, eppure ha già deciso di diventare la prima addestratrice di aquile del Paese. Sotto la guida esperta del padre, supererà ogni ostacolo che le si porrà di fronte, imparando ad accudire la sua aquila e a farla volare, fino a dimostrare tutto il suo talento al Festival annuale che mette in competizione i più grandi addestratori del Paese.

Versione doppiata con a voce di LODOVICA COMELLO


INGRESSO: 6€ / ridotto 5€


17.00
PROGRAMMAZIONE

Manifesto

di Julian Rosefeldt, 2015, Germania/Australia, 95'

Il manifesto del Partito Comunista raccontato da un senzatetto, i motti dadaisti interpretati da una vedova durante un’orazione funebre, Dogma 95 spiegato da una maestra ai suoi allievi. Dodici personaggi (più uno) celebrano i movimenti artistici all’interno di altrettanti ambienti, attraverso un sorprendente collage di famosi manifesti del Novecento scritto da Julian Rosefeldt e interpretato dall’attrice australiana Cate Blanchett, vincitrice dell’Oscar.

Tra gli autori citati nel film: Filippo Tommaso Marinetti, Tristan Tzara, Kazimir Malevich, André Breton, Claes Oldenburg, Yvonne Reiner, Sturtevant, Adrian Piper, Sol LeWitt e Jim Jarmusch.

 


INGRESSO: intero 6€ / ridotto 5€

versione originale con sott. ita.


19.00
PROGRAMMAZIONE

La principessa e l’aquila – v.italiana

di Otto Bell, 2016, Regno Unito/Mongolia/USA, 87 Min - versione italiana

Tra le popolazioni nomadi della Mongolia l’addestramento delle aquile è una tradizione millenaria, ma è praticata esclusivamente dagli uomini. La giovane Aisholpan ha solo tredici anni, eppure ha già deciso di diventare la prima addestratrice di aquile del Paese. Sotto la guida esperta del padre, supererà ogni ostacolo che le si porrà di fronte, imparando ad accudire la sua aquila e a farla volare, fino a dimostrare tutto il suo talento al Festival annuale che mette in competizione i più grandi addestratori del Paese.

Versione doppiata con a voce di LODOVICA COMELLO


INGRESSO: 6€ / ridotto 5€


15.00
PROGRAMMAZIONE

Manifesto

di Julian Rosefeldt, 2015, Germania/Australia, 95'

Il manifesto del Partito Comunista raccontato da un senzatetto, i motti dadaisti interpretati da una vedova durante un’orazione funebre, Dogma 95 spiegato da una maestra ai suoi allievi. Dodici personaggi (più uno) celebrano i movimenti artistici all’interno di altrettanti ambienti, attraverso un sorprendente collage di famosi manifesti del Novecento scritto da Julian Rosefeldt e interpretato dall’attrice australiana Cate Blanchett, vincitrice dell’Oscar.

Tra gli autori citati nel film: Filippo Tommaso Marinetti, Tristan Tzara, Kazimir Malevich, André Breton, Claes Oldenburg, Yvonne Reiner, Sturtevant, Adrian Piper, Sol LeWitt e Jim Jarmusch.

 


INGRESSO: intero 6€ / ridotto 5€

versione originale con sott. ita.


17.00
PROGRAMMAZIONE

Visages, villages

di JR e Agnès Varda, 2017, Francia, 89 min.

Un’icona della Nouvelle Vague ora novantenne e un giovane artista parigino che si definisce un “photograffeur” (fotograffitaro). Cosa possono avere in comune? Semplice: sono due outsider dell’arte che condividono la passione e la curiosità per le immagini, per i volti e i villaggi – come recita il titolo -, per le persone e gli ambienti, e per i luoghi e i dispositivi che permettono di mostrarli, condividerli, esporli. Se Agnès ha scelto il cinema, JR ha scelto la street art.


INGRESSO: 6€ / ridotto 5€

versione originale con sott. ita.


19.00
PROGRAMMAZIONE

Manifesto

di Julian Rosefeldt, 2015, Germania/Australia, 95'

Il manifesto del Partito Comunista raccontato da un senzatetto, i motti dadaisti interpretati da una vedova durante un’orazione funebre, Dogma 95 spiegato da una maestra ai suoi allievi. Dodici personaggi (più uno) celebrano i movimenti artistici all’interno di altrettanti ambienti, attraverso un sorprendente collage di famosi manifesti del Novecento scritto da Julian Rosefeldt e interpretato dall’attrice australiana Cate Blanchett, vincitrice dell’Oscar.

Tra gli autori citati nel film: Filippo Tommaso Marinetti, Tristan Tzara, Kazimir Malevich, André Breton, Claes Oldenburg, Yvonne Reiner, Sturtevant, Adrian Piper, Sol LeWitt e Jim Jarmusch.

 


INGRESSO: intero 6€ / ridotto 5€

versione originale con sott. ita.


15.00
PROGRAMMAZIONE

Visages, villages

di JR e Agnès Varda, 2017, Francia, 89 min.

Un’icona della Nouvelle Vague ora novantenne e un giovane artista parigino che si definisce un “photograffeur” (fotograffitaro). Cosa possono avere in comune? Semplice: sono due outsider dell’arte che condividono la passione e la curiosità per le immagini, per i volti e i villaggi – come recita il titolo -, per le persone e gli ambienti, e per i luoghi e i dispositivi che permettono di mostrarli, condividerli, esporli. Se Agnès ha scelto il cinema, JR ha scelto la street art.


INGRESSO: 6€ / ridotto 5€

versione originale con sott. ita.


17.00
PROGRAMMAZIONE

Manifesto

di Julian Rosefeldt, 2015, Germania/Australia, 95'

Il manifesto del Partito Comunista raccontato da un senzatetto, i motti dadaisti interpretati da una vedova durante un’orazione funebre, Dogma 95 spiegato da una maestra ai suoi allievi. Dodici personaggi (più uno) celebrano i movimenti artistici all’interno di altrettanti ambienti, attraverso un sorprendente collage di famosi manifesti del Novecento scritto da Julian Rosefeldt e interpretato dall’attrice australiana Cate Blanchett, vincitrice dell’Oscar.

Tra gli autori citati nel film: Filippo Tommaso Marinetti, Tristan Tzara, Kazimir Malevich, André Breton, Claes Oldenburg, Yvonne Reiner, Sturtevant, Adrian Piper, Sol LeWitt e Jim Jarmusch.

 


INGRESSO: intero 6€ / ridotto 5€

versione originale con sott. ita.


19.00
PROGRAMMAZIONE

Visages, villages

di JR e Agnès Varda, 2017, Francia, 89 min.

Un’icona della Nouvelle Vague ora novantenne e un giovane artista parigino che si definisce un “photograffeur” (fotograffitaro). Cosa possono avere in comune? Semplice: sono due outsider dell’arte che condividono la passione e la curiosità per le immagini, per i volti e i villaggi – come recita il titolo -, per le persone e gli ambienti, e per i luoghi e i dispositivi che permettono di mostrarli, condividerli, esporli. Se Agnès ha scelto il cinema, JR ha scelto la street art.


INGRESSO: 6€ / ridotto 5€

versione originale con sott. ita.