ottobre 2017
  • domenica

    01/10/2017

  • lunedì

    02/10/2017

  • martedì

    03/10/2017

  • mercoledì

    04/10/2017

  • giovedì

    05/10/2017

  • venerdì

    06/10/2017

  • sabato

    07/10/2017


19.00
PROGRAMMAZIONE

La principessa e l’aquila – v.italiana

di Otto Bell, 2016, Regno Unito/Mongolia/USA, 87 Min - versione italiana

Versione doppiata con a voce di LODOVICA COMELLO

Tra le popolazioni nomadi della Mongolia l’addestramento delle aquile è una tradizione millenaria, ma è praticata esclusivamente dagli uomini. La giovane Aisholpan ha solo tredici anni, eppure ha già deciso di diventare la prima addestratrice di aquile del Paese. Sotto la guida esperta del padre, supererà ogni ostacolo che le si porrà di fronte, imparando ad accudire la sua aquila e a farla volare, fino a dimostrare tutto il suo talento al Festival annuale che mette in competizione i più grandi addestratori del Paese.

Di grande potenza visiva e ricco di sequenze di forte impatto, girato con tecniche innovative che mettono lo spettatore a contatto con la magica natura delle montagne e dei cieli della Mongolia, “La principessa e l’aquila” racconta un’incredibile storia vera, un’avventura emozionante per tutta la famiglia sull’amicizia, la ribellione e il coraggio necessario per spiccare il volo.


21.00
PROGRAMMAZIONE

La principessa e l’aquila – v.originale

di Otto Bell, 2016, Regno Unito/Mongolia/USA, 87 Min

Tra le popolazioni nomadi della Mongolia l’addestramento delle aquile è una tradizione millenaria, ma è praticata esclusivamente dagli uomini. La giovane Aisholpan ha solo tredici anni, eppure ha già deciso di diventare la prima addestratrice di aquile del Paese. Sotto la guida esperta del padre, supererà ogni ostacolo che le si porrà di fronte, imparando ad accudire la sua aquila e a farla volare, fino a dimostrare tutto il suo talento al Festival annuale che mette in competizione i più grandi addestratori del Paese.

Di grande potenza visiva e ricco di sequenze di forte impatto, girato con tecniche innovative che mettono lo spettatore a contatto con la magica natura delle montagne e dei cieli della Mongolia, “La principessa e l’aquila” racconta un’incredibile storia vera, un’avventura emozionante per tutta la famiglia sull’amicizia, la ribellione e il coraggio necessario per spiccare il volo.


21.00
PROGRAMMAZIONE

La principessa e l’aquila – v.italiana

di Otto Bell, 2016, Regno Unito/Mongolia/USA, 87 Min - versione italiana

Versione doppiata con a voce di LODOVICA COMELLO

Tra le popolazioni nomadi della Mongolia l’addestramento delle aquile è una tradizione millenaria, ma è praticata esclusivamente dagli uomini. La giovane Aisholpan ha solo tredici anni, eppure ha già deciso di diventare la prima addestratrice di aquile del Paese. Sotto la guida esperta del padre, supererà ogni ostacolo che le si porrà di fronte, imparando ad accudire la sua aquila e a farla volare, fino a dimostrare tutto il suo talento al Festival annuale che mette in competizione i più grandi addestratori del Paese.

Di grande potenza visiva e ricco di sequenze di forte impatto, girato con tecniche innovative che mettono lo spettatore a contatto con la magica natura delle montagne e dei cieli della Mongolia, “La principessa e l’aquila” racconta un’incredibile storia vera, un’avventura emozionante per tutta la famiglia sull’amicizia, la ribellione e il coraggio necessario per spiccare il volo.


17.00
PROGRAMMAZIONE

La principessa e l’aquila – v.originale

di Otto Bell, 2016, Regno Unito/Mongolia/USA, 87 Min

Tra le popolazioni nomadi della Mongolia l’addestramento delle aquile è una tradizione millenaria, ma è praticata esclusivamente dagli uomini. La giovane Aisholpan ha solo tredici anni, eppure ha già deciso di diventare la prima addestratrice di aquile del Paese. Sotto la guida esperta del padre, supererà ogni ostacolo che le si porrà di fronte, imparando ad accudire la sua aquila e a farla volare, fino a dimostrare tutto il suo talento al Festival annuale che mette in competizione i più grandi addestratori del Paese.

Di grande potenza visiva e ricco di sequenze di forte impatto, girato con tecniche innovative che mettono lo spettatore a contatto con la magica natura delle montagne e dei cieli della Mongolia, “La principessa e l’aquila” racconta un’incredibile storia vera, un’avventura emozionante per tutta la famiglia sull’amicizia, la ribellione e il coraggio necessario per spiccare il volo.


19.00
PROGRAMMAZIONE

La principessa e l’aquila – v.italiana

di Otto Bell, 2016, Regno Unito/Mongolia/USA, 87 Min - versione italiana

Versione doppiata con a voce di LODOVICA COMELLO

Tra le popolazioni nomadi della Mongolia l’addestramento delle aquile è una tradizione millenaria, ma è praticata esclusivamente dagli uomini. La giovane Aisholpan ha solo tredici anni, eppure ha già deciso di diventare la prima addestratrice di aquile del Paese. Sotto la guida esperta del padre, supererà ogni ostacolo che le si porrà di fronte, imparando ad accudire la sua aquila e a farla volare, fino a dimostrare tutto il suo talento al Festival annuale che mette in competizione i più grandi addestratori del Paese.

Di grande potenza visiva e ricco di sequenze di forte impatto, girato con tecniche innovative che mettono lo spettatore a contatto con la magica natura delle montagne e dei cieli della Mongolia, “La principessa e l’aquila” racconta un’incredibile storia vera, un’avventura emozionante per tutta la famiglia sull’amicizia, la ribellione e il coraggio necessario per spiccare il volo.


21.00
PROGRAMMAZIONE

La principessa e l’aquila – v.originale

di Otto Bell, 2016, Regno Unito/Mongolia/USA, 87 Min

Tra le popolazioni nomadi della Mongolia l’addestramento delle aquile è una tradizione millenaria, ma è praticata esclusivamente dagli uomini. La giovane Aisholpan ha solo tredici anni, eppure ha già deciso di diventare la prima addestratrice di aquile del Paese. Sotto la guida esperta del padre, supererà ogni ostacolo che le si porrà di fronte, imparando ad accudire la sua aquila e a farla volare, fino a dimostrare tutto il suo talento al Festival annuale che mette in competizione i più grandi addestratori del Paese.

Di grande potenza visiva e ricco di sequenze di forte impatto, girato con tecniche innovative che mettono lo spettatore a contatto con la magica natura delle montagne e dei cieli della Mongolia, “La principessa e l’aquila” racconta un’incredibile storia vera, un’avventura emozionante per tutta la famiglia sull’amicizia, la ribellione e il coraggio necessario per spiccare il volo.


17.00
PROGRAMMAZIONE

La principessa e l’aquila – v.italiana

di Otto Bell, 2016, Regno Unito/Mongolia/USA, 87 Min - versione italiana

Versione doppiata con a voce di LODOVICA COMELLO

Tra le popolazioni nomadi della Mongolia l’addestramento delle aquile è una tradizione millenaria, ma è praticata esclusivamente dagli uomini. La giovane Aisholpan ha solo tredici anni, eppure ha già deciso di diventare la prima addestratrice di aquile del Paese. Sotto la guida esperta del padre, supererà ogni ostacolo che le si porrà di fronte, imparando ad accudire la sua aquila e a farla volare, fino a dimostrare tutto il suo talento al Festival annuale che mette in competizione i più grandi addestratori del Paese.

Di grande potenza visiva e ricco di sequenze di forte impatto, girato con tecniche innovative che mettono lo spettatore a contatto con la magica natura delle montagne e dei cieli della Mongolia, “La principessa e l’aquila” racconta un’incredibile storia vera, un’avventura emozionante per tutta la famiglia sull’amicizia, la ribellione e il coraggio necessario per spiccare il volo.


19.00
PROGRAMMAZIONE

La principessa e l’aquila – v.originale

di Otto Bell, 2016, Regno Unito/Mongolia/USA, 87 Min

Tra le popolazioni nomadi della Mongolia l’addestramento delle aquile è una tradizione millenaria, ma è praticata esclusivamente dagli uomini. La giovane Aisholpan ha solo tredici anni, eppure ha già deciso di diventare la prima addestratrice di aquile del Paese. Sotto la guida esperta del padre, supererà ogni ostacolo che le si porrà di fronte, imparando ad accudire la sua aquila e a farla volare, fino a dimostrare tutto il suo talento al Festival annuale che mette in competizione i più grandi addestratori del Paese.

Di grande potenza visiva e ricco di sequenze di forte impatto, girato con tecniche innovative che mettono lo spettatore a contatto con la magica natura delle montagne e dei cieli della Mongolia, “La principessa e l’aquila” racconta un’incredibile storia vera, un’avventura emozionante per tutta la famiglia sull’amicizia, la ribellione e il coraggio necessario per spiccare il volo.


21.00
PROGRAMMAZIONE

La principessa e l’aquila – v.italiana

di Otto Bell, 2016, Regno Unito/Mongolia/USA, 87 Min - versione italiana

Versione doppiata con a voce di LODOVICA COMELLO

Tra le popolazioni nomadi della Mongolia l’addestramento delle aquile è una tradizione millenaria, ma è praticata esclusivamente dagli uomini. La giovane Aisholpan ha solo tredici anni, eppure ha già deciso di diventare la prima addestratrice di aquile del Paese. Sotto la guida esperta del padre, supererà ogni ostacolo che le si porrà di fronte, imparando ad accudire la sua aquila e a farla volare, fino a dimostrare tutto il suo talento al Festival annuale che mette in competizione i più grandi addestratori del Paese.

Di grande potenza visiva e ricco di sequenze di forte impatto, girato con tecniche innovative che mettono lo spettatore a contatto con la magica natura delle montagne e dei cieli della Mongolia, “La principessa e l’aquila” racconta un’incredibile storia vera, un’avventura emozionante per tutta la famiglia sull’amicizia, la ribellione e il coraggio necessario per spiccare il volo.


16.30
JAMES IVORY – 30 ANNI DI “CAMERA CON VISTA”

Mr&Mrs Bridge

USA, 1990, 126'

Tratto dall’omonimo romanzo di Evan S. Connel. Sullo sfondo di una Kansas City anni ‘40 i coniugi Bridge vivono un’esistenza tranquilla. La coppia sembra incastrarsi alla perfezione, l’avvocato Mr Bridge (Paul Newman) ha un carattere severo e autoritario, al contrario di Mrs Bridge ( Joanne Woodward), amorevole e remissiva. Ma qualcosa inizia a incrinarsi nel loro rapporto quando i 3 figli si ribellano al controllo del padre, scegliendo per loro una vita diversa.

Inspired by the novel by Evan S. Connell. Set in 1940s Kansas City, the Bridges live a quiet life. The couple seem to fit each other perfectly - Mr Bridge (Paul Newman) is a lawyer, with a severe, authoritarian character, the opposite of Mrs Bridge (Joanne Woodward), who is loving and submissive. But something starts to crack in their relationship when the three children rebel against their father's control, choosing a different life for themselves.


19.00
JAMES IVORY – 30 ANNI DI “CAMERA CON VISTA”

Casa Howard / Howards End

V. restaurata in 4k UK/Japan, 1992, 140'

ALLA PRESENZA DI JAMES IVORY  E HELENA BONHAM CARTER

Casa Howard racconta l’intreccio di tre famiglie molto diverse tra loro. I ricchi Wilcox, gli intellettuali borghesi Schlegel e i Bast, appartenenti alla lower class inglese. La signora Ruth Wilcox morendo lascia in eredità all’amica Margaret Schlegel il suo bene più prezioso: casa Howard. E’ proprio attorno a questa dimora che si intrecciano le trame dei protagonisti. Amore, amicizia, disonore e inganni in una pellicola tratta dall’omonimo romanzo di Edward Morgan Forster.

Howards End tells the story of three very different families: the well-off Wilcoxes, the bourgeois Schlegels and the Basts, from the English working class. When she dies, Ruth Wilcox leaves her most precious inheritance, Howards End, to her friend, Margaret Schlegel. It is precisely here, in this home, that the lives of the protagonists meet. Love, friendship, dishonesty and deception combine in a film taken from the Edward Morgan Forster novel . 


21.30
JAMES IVORY – 30 ANNI DI “CAMERA CON VISTA”

Calore e polvere / Heat and Dust

V. restaurata in 4k UK, 1982, 130'

Anna, giornalista della BBC, parte per l’India sulle tracce della sua prozia Olivia, emigrata assieme al marito negli anni Venti e rimasta incinta di un ricco signore del posto. L’attrazione per l’Oriente è così radicata nella sua famiglia che Anna si innamora a sua volta di un nababbo. Attraverso le rispettive storie d’amore scopriamo pagine importanti del British Raj, ovvero l’impero anglo-indiano.

Anna, a BBC journalist, sets off for India in the footsteps of her step-grandmother Olivia, who emigrated together with her husband in the 1920s and falls pregnant by a wealthy Indian gentleman. The attraction for the East is so strongly rooted in her family that Anna falls in love with a nabob. The respective love stories reveal the important moments of the British Raj.


16.30
JAMES IVORY – 30 ANNI DI “CAMERA CON VISTA”

The Golden Bowl

USA, 2000, 126'

In un’elegante Londra di inizio secolo Amerigo, giovane brillante e di nobili origini, si sposa con Maggie Verver, unica figlia del finanziere Adam Verver. Ma l’idillio si spezza alla vista della bella Charlotte Stant, amante di Amerigo durante il suo soggiorno in Italia e amica di Maggie. Charlotte e Amerigo non si sono mai dimenticati e i due iniziano una relazione adulterina, a complicare le cose il matrimonio di Charlotte con il padre di Maggie. Una grande passione arginata dal terrore dello scandalo e dal rispetto per le convenzioni sociali.

Set in an elegant early-20th century London, Amerigo, a brilliant, noble young gentleman, marries Maggie Verver, the only daughter of financier Adam Verver. The idyll is interrupted by the arrival of beauty Charlotte Stant, Amerigo's lover during his stay in Italy, and Maggie's friend. Charlotte and Amerigo have never forgotten each other, and begin an adulterous affair, further complicated by Charlotte's marriage to Maggie's widowed father. The story of a great passion, held back by the fear of scandal and respect for social conventions.


19.00
JAMES IVORY – 30 ANNI DI “CAMERA CON VISTA”

Maurice

UK, 1987, 140'

Tra le aulee di Cambridge due giovani studenti, Maurice e Clive, scoprono un amore proibito ma il secondo, timoroso della morale vittoriana, sceglie di sposarsi e di dimenticare il suo passato omosessuale. Maurice, sedotto e abbandonato, dopo lunghi tormenti riesce invece ad accettare la sua identità. Secondo, e più chiacchierato, adattamento di un romanzo di E.M. Forster.

In the halls of Cambridge, two young students, Maurice and Clive, discover an illicit love, but the latter, fearful of Victorian morals, chooses to marry and forget his homosexual past. Maurice, seduced and abandoned, after considerable torment succeeds in accepting his identity. The second, and more popular, adaptation of the novel by E.M. Forster.


21.30
JAMES IVORY – 30 ANNI DI “CAMERA CON VISTA”

Quel che resta del giorno / The remains of the day

USA, 1993, 134’

Negli anni della Seconda Guerra Mondiale James Stevens lavora come maggiordomo presso Lord Darlington, nobile conservatore con tendenze filonaziste. Capace di interpretare il suo ruolo con dedizione e fedeltà quasi inumane, vacilla solo quando la governante gli dichiara il suo amore. I tempi cambiano, la casa passa a un nuovo proprietario ma Stevens mantiene il suo rapporto distaccato, glaciale, con i sentimenti e la Storia.

During WW2, James Stevens works as a butler for Lord Darlington, an aristocratic Conservative with filo-Nazi tendencies. Able to interpret his role with almost inhuman dedication and loyalty, he only begins to doubt when the housekeeper declares her love for him. Times change, the house passes to a new owner, but Stevens continues his detached, glacial relationship with his feelings and history.


11.00
Florence Queer Festival

Queer Focus

Culture queer in Italia 1957-2017, un percorso

Enrico Salvatori. 

Culture queer in Italia 1957-2017, un percorso Contaminazioni dell'azione politica lgbt e queer e gusti camp nell'industria culturale italiana degli ultimi sessanta anni.


15.30
Florence Queer Festival

SCINTILLE. Firenze: Generazione Trend

di Bruno Casini e Carlo Gardenti (Italia, 2017, 54’) v.o. italiano

Anteprima italiana

Una full immersion nella moda e nell’estetica giovanile degli anni ottanta a Firenze. Moda, clubbing, musica, letteratura, tribù metropolitane ed editoria: il famigerato ed eclettico “Rinascimento Rock” raccontato attraverso le parole dei suoi protagonisti.


16.45
Florence Queer Festival

Diamanti is forever

di Enrico Salvatori (Italia, 2017, 15’) v.o. italiano

Anteprima assoluta alla presenza del regista Enrico Salvatori

Omaggio a Vinicio Diamanti che ha lavorato in teatro e al cinema con Franco Enriquez, Enrico Maria Salerno, Giancarlo Cobelli, Manuela Kusterman, Giancarlo Nanni, Memè Perlini, Valeria Moriconi, Vittorio Gassman e Pippo Di Marca.


17.00
Florence Queer Festival

Videoqueer

concorso nazionale di cortometraggi dedicati all’universo gay, lesbico, bisex e transgender

Girl Night Stand di Jenna Laurenzo (USA, 2016, 9’) v.o. inglese sott. italiano Una giovane donna si interroga sui suoi gusti sessuali dopo una notte di passione con un’altra donna.

En aften (An evening) di Søren Green (Danimarca, 2016, 9’) v.o. danese sott. italiano Frederick ha la prima esperienza sessuale con Mathias, un compagno di classe. E le loro reazioni saranno molto diverse…

Queer Heroes – MS di Kate Jessop (Gran Bretagna, 2016, 5’) v.o. inglese sott. italiano. Quattordici animatori celebrano le figure queer più rappresentative dell’arte, scienza e politica fino ai nostri giorni.

Così vicini così lontani di Alessandro Varisco (Italia, 2017, 14’) v.o. italiano Alla presenza del regista Alessandro Varisco e dei protagonisti Matteo Rovedo e Endrit Avdijaj Andrea, Camilla, Aurora, Marco e Antonio hanno molte cose in comune: hanno 19 anni e sono all’ultimo anno di scuola superiore. E tutti e cinque, anche se per motivi differenti, finiscono col venire isolati dagli altri coetanei e sono spesso vittime di bullismo.

Medulla Oblongata di Roberto Nascimento (Usa, 2017, 7’) v.o. inglese sott. italiano Abraham Naim è uno studente delle Maldive conosciuto come Medulla Oblongata, il suo alter-ego di drag queen sfrontata per il quale è diventato famoso sulla scena LGBTQ di Auckland. Ma la vita di Abe non è stata sempre così.


17.45
Florence Queer Festival

Siebzehn

di Monja Art (Austria, 2017, 109’) v.o. tedesco, sott italiano

Anteprima italiana

La diciassettenne Paula è una studentessa superiore alla media, è innamorata della sua compagna di classe Charlotte. Charlotte però sta con Michael. Paula cerca distrazione con Tim, ma Tim prova veri sentimenti per Paula. Lei non sa che Charlotte spesso pensa a lei. Lilli provoca continuamente Paula e la sfida. Paula deve decidere se seguire i propri sentimenti o quelli degli altri.


19.30
Florence Queer Festival

Queer Books

“Il numero uno. Confessioni di un marchettaro” di Francesco Mangiacapra

Francesco Mangiacapra presenta il suo libro “Il numero uno. Confessioni di un marchettaro” (Iacobelli, 2017).

Francesco Mangiacapra, con Willy Vaira, presenta la sua storia di avvocato diventato prostituto. Francesco ha preferito “vendere il corpo a giusto prezzo piuttosto che svendere il cervello”. Una testimonianza nuda e cruda come il mondo che descrive.


21.00
Florence Queer Festival

After Louie

di Vincent Cagliostro (USA, 2017, 100’) v.o. inglese sott. Italiano

Sam (Alan Cumming), artista e attivista di ACT UP, ha vissuto i primi anni dell’epidemia dell’AIDS, un uomo che ancora lotta con il senso di colpa del sopravvissuto. Ancorato al passato, è sconcertato dalla generazione più giovane di uomini gay spensierati che usano senza inibizioni social media, sexting e dall’apparente indifferenza politica. Ma quando in un bar incontra il seducente e giovane Braeden (Zachary Booth), i pantaloni scendono rapidamente e, alla fine, anche la guardia di Sam. Tra di loro nasce un rapporto intergenerazionale capace di risvegliare l'anima artistica di Sam e di rianimare il suo cuore.