ottobre 2017
  • giovedì

    05/10/2017

  • venerdì

    06/10/2017

  • sabato

    07/10/2017

  • domenica

    08/10/2017

  • lunedì

    09/10/2017

  • martedì

    10/10/2017

  • mercoledì

    11/10/2017


15.00
Florence as you have never seen it before

Destination Florence

25 min lenght, italian with english subtitles / multilingual audioguide in French, Spanish or Japanese

A short movie with an unconventional point of view of one of the most appreciated and visited cities in the world. A night tour with no crowd and spectacular images.

Close encounters with the beauty of this enchanting city. A first exciting approach to the Masterpieces of the Renaissance, and an ideal way to start your tour in Florence.


19.00
PROGRAMMAZIONE

La principessa e l’aquila – v.originale

di Otto Bell, 2016, Regno Unito/Mongolia/USA, 87 Min

Tra le popolazioni nomadi della Mongolia l’addestramento delle aquile è una tradizione millenaria, ma è praticata esclusivamente dagli uomini. La giovane Aisholpan ha solo tredici anni, eppure ha già deciso di diventare la prima addestratrice di aquile del Paese. Sotto la guida esperta del padre, supererà ogni ostacolo che le si porrà di fronte, imparando ad accudire la sua aquila e a farla volare, fino a dimostrare tutto il suo talento al Festival annuale che mette in competizione i più grandi addestratori del Paese.

Di grande potenza visiva e ricco di sequenze di forte impatto, girato con tecniche innovative che mettono lo spettatore a contatto con la magica natura delle montagne e dei cieli della Mongolia, “La principessa e l’aquila” racconta un’incredibile storia vera, un’avventura emozionante per tutta la famiglia sull’amicizia, la ribellione e il coraggio necessario per spiccare il volo.


21.00
PROGRAMMAZIONE

La principessa e l’aquila – v.italiana

di Otto Bell, 2016, Regno Unito/Mongolia/USA, 87 Min - versione italiana

Versione doppiata con a voce di LODOVICA COMELLO

Tra le popolazioni nomadi della Mongolia l’addestramento delle aquile è una tradizione millenaria, ma è praticata esclusivamente dagli uomini. La giovane Aisholpan ha solo tredici anni, eppure ha già deciso di diventare la prima addestratrice di aquile del Paese. Sotto la guida esperta del padre, supererà ogni ostacolo che le si porrà di fronte, imparando ad accudire la sua aquila e a farla volare, fino a dimostrare tutto il suo talento al Festival annuale che mette in competizione i più grandi addestratori del Paese.

Di grande potenza visiva e ricco di sequenze di forte impatto, girato con tecniche innovative che mettono lo spettatore a contatto con la magica natura delle montagne e dei cieli della Mongolia, “La principessa e l’aquila” racconta un’incredibile storia vera, un’avventura emozionante per tutta la famiglia sull’amicizia, la ribellione e il coraggio necessario per spiccare il volo.


17.30
Festival dei Popoli

Primary

di Robert Drew & Associates, USA, 1960, 60’

1960: i senatori americani Hubert Humphrey e John F. Kennedy concorrono alle Primarie del Partito Democratico. Sono gli anni in cui la politica si fa per le strade, stringendo mani, firmando autografi, sorriden-
do. Il primo dei quattro acclamati film di Robert Drew su JFK ne cattura la presenza carismatica, la frenesia
delle folle, la calma di Jackie Kennedy e il carisma populista di Humphrey. Rivelando per la prima volta le
personalità e la politica nel corso di una campagna, Primary offre un imponente sguardo sulla costruzione
dell’immagine presidenziale.


18.30
Festival dei Popoli

Campaign

di Kazuhiro Soda, USA, Giappone, 2007, 120’

Può un candidato privo sia di esperienza in politica sia di carisma vincere le elezioni solo perché sostenuto dal gigante politico Koizumi, primo ministro giapponese, e dal partito liberal-democratico? Questo documentario d’osservazione segue da vicino una campagna elettorale molto calda a Kawasaki in Giappone, rivelando così la vera natura della “democrazia”.


21.30
Festival dei Popoli

Dancer

di Steven Cantor, UK, Russia, Ucraina, USA, 2016, 85’

La straordinaria storia della star della danza Sergei Polunin divenuto, a soli 19 anni, il più giovane primo
ballerino del Royal Ballet di Londra e considerato uno dei più geniali e controversi danzatori contemporanei. Definito dai media inglesi “il James Dean, il Bad Boy” della danza, il film ci mostra Polunin come un personaggio romantico e tormentato, che ha saputo rendere popolare la danza classica grazie al talento naturale, aiutato da un efficacissimo video virale, diretto da David LaChapelle, che lo vede danzare sulle note di Take Me to Church, di Hozier.


15.00
Festival dei Popoli

YVONNES

di Tommaso Perfetti, Italia, Francia, 2017, 60’

Vincenzo è un uomo che porta nel cuore un mondo perduto: Yvonnes, la figlia che non vede da tanti anni.
Forte è il desiderio di ritrovarla. Ma Vincenzo ha ancora intorno a sé la strada, la droga, le amicizie di una vita e, nei ricordi, i segni lasciati dalla prigione. Esiste una condizione perché Vincenzo – anima corpo e pensiero di questo viaggio intimo e universale – possa tornare di incontrare, dopo tanto tempo, Yvonnes?


16.30
Festival dei Popoli

OH BROTHER OCTOPUS

di Florian Kunert, Germania, 2017, 27’

La leggenda narra che, per ogni bambino che viene al mondo, nelle profondità del mare indonesiano compaia un polpo suo gemello. “Diventa il nostro compagno per tutta la vita. Per questo non possiamo uccidere né mangiare nessun polpo. Se rompiamo questa regola, dobbiamo chiedere perdono, oppure un polpo gigante emergerà dalle acque, portando sventura”. Tutti i grandi cambiamenti che stanno interessando l’Indonesia non sono così potenti e assoluti da cancellare le tradizioni e le leggende, esse rimangono a lungo sottaciute, per emergere all’improvviso nei luoghi più inaspettati.


A seguire
Festival dei Popoli

Boli Bana

di Simon Coulibaly Gillard, Belgio, 2017, 60’

Boli Bana è un film sulle tradizioni Fulani, sui riti di passaggio e sulle credenze di un gruppo etnico senza frontiere, diffuso in tutta la parte occidentale dell’Africa. È un’immersione sensoriale scandita dai ritmi della  natura e da rituali secolari. Un universo che ha per tetto il cielo stellato e per confine il cerchio del falò che riscalda di notte. Un mondo in cui tutti, uomini e animali, portano impresso sulla pelle il segno di un’appartenenza e di una identità.


18.30
Festival dei Popoli

Also Know As Jihadi

di Eric Baudelaire, Francia, 2017, 102’

La storia possibile di un uomo, Aziz, raccontata attraverso i luoghi in cui ha vissuto: la clinica dove nacque nel sobborgo parigino di Vitry, il quartiere in cui è cresciuto, le scuole che ha frequentato, i luoghi di lavoro. Poi la partenza verso l’Egitto, la Turchia e la strada verso Aleppo, dove è entrato nelle file del Fronte Nusra. Questo viaggio è raccontato anche attraverso quanto emerge dall’archivio giudiziario: interrogatori di polizia, intercettazioni, relazioni di sorveglianza. Documenti che si intrecciano con immagini e suoni per comporre un film che racconta tanto Aziz quanto i paesaggi architettonici, politici, sociali e giudiziari in cui la sua storia si è dipanata.


21.00
Festival dei Popoli

Find Fix Finish

di Sylvain Cruiziat, Mila Zhluktenko, Germania, 2017, 19’

Dall’alto qualcuno ci guarda. Costantemente. Per settimane, mesi, talvolta anni. È possibile, se viviamo in
paesi come Yemen o Iraq, che i nostri movimenti vengano ritenuti sospetti e il nostro nome inserito in una
lista di persone da sorvegliare. Questa è la prima fase del programma militare che prevede l’uso di droni atti a “trovare, mirare e terminare” specifici obiettivi umani.


17.00
PROGRAMMAZIONE

La principessa e l’aquila – v.italiana

di Otto Bell, 2016, Regno Unito/Mongolia/USA, 87 Min - versione italiana

Versione doppiata con a voce di LODOVICA COMELLO

Tra le popolazioni nomadi della Mongolia l’addestramento delle aquile è una tradizione millenaria, ma è praticata esclusivamente dagli uomini. La giovane Aisholpan ha solo tredici anni, eppure ha già deciso di diventare la prima addestratrice di aquile del Paese. Sotto la guida esperta del padre, supererà ogni ostacolo che le si porrà di fronte, imparando ad accudire la sua aquila e a farla volare, fino a dimostrare tutto il suo talento al Festival annuale che mette in competizione i più grandi addestratori del Paese.

Di grande potenza visiva e ricco di sequenze di forte impatto, girato con tecniche innovative che mettono lo spettatore a contatto con la magica natura delle montagne e dei cieli della Mongolia, “La principessa e l’aquila” racconta un’incredibile storia vera, un’avventura emozionante per tutta la famiglia sull’amicizia, la ribellione e il coraggio necessario per spiccare il volo.


19.00
PROGRAMMAZIONE

La principessa e l’aquila – v.originale

di Otto Bell, 2016, Regno Unito/Mongolia/USA, 87 Min

Tra le popolazioni nomadi della Mongolia l’addestramento delle aquile è una tradizione millenaria, ma è praticata esclusivamente dagli uomini. La giovane Aisholpan ha solo tredici anni, eppure ha già deciso di diventare la prima addestratrice di aquile del Paese. Sotto la guida esperta del padre, supererà ogni ostacolo che le si porrà di fronte, imparando ad accudire la sua aquila e a farla volare, fino a dimostrare tutto il suo talento al Festival annuale che mette in competizione i più grandi addestratori del Paese.

Di grande potenza visiva e ricco di sequenze di forte impatto, girato con tecniche innovative che mettono lo spettatore a contatto con la magica natura delle montagne e dei cieli della Mongolia, “La principessa e l’aquila” racconta un’incredibile storia vera, un’avventura emozionante per tutta la famiglia sull’amicizia, la ribellione e il coraggio necessario per spiccare il volo.


21.00
PROGRAMMAZIONE

La principessa e l’aquila – v.italiana

di Otto Bell, 2016, Regno Unito/Mongolia/USA, 87 Min - versione italiana

Versione doppiata con a voce di LODOVICA COMELLO

Tra le popolazioni nomadi della Mongolia l’addestramento delle aquile è una tradizione millenaria, ma è praticata esclusivamente dagli uomini. La giovane Aisholpan ha solo tredici anni, eppure ha già deciso di diventare la prima addestratrice di aquile del Paese. Sotto la guida esperta del padre, supererà ogni ostacolo che le si porrà di fronte, imparando ad accudire la sua aquila e a farla volare, fino a dimostrare tutto il suo talento al Festival annuale che mette in competizione i più grandi addestratori del Paese.

Di grande potenza visiva e ricco di sequenze di forte impatto, girato con tecniche innovative che mettono lo spettatore a contatto con la magica natura delle montagne e dei cieli della Mongolia, “La principessa e l’aquila” racconta un’incredibile storia vera, un’avventura emozionante per tutta la famiglia sull’amicizia, la ribellione e il coraggio necessario per spiccare il volo.


16.30
JAMES IVORY – 30 ANNI DI “CAMERA CON VISTA”

Mr&Mrs Bridge

USA, 1990, 126'

Tratto dall’omonimo romanzo di Evan S. Connel. Sullo sfondo di una Kansas City anni ‘40 i coniugi Bridge vivono un’esistenza tranquilla. La coppia sembra incastrarsi alla perfezione, l’avvocato Mr Bridge (Paul Newman) ha un carattere severo e autoritario, al contrario di Mrs Bridge ( Joanne Woodward), amorevole e remissiva. Ma qualcosa inizia a incrinarsi nel loro rapporto quando i 3 figli si ribellano al controllo del padre, scegliendo per loro una vita diversa.

Inspired by the novel by Evan S. Connell. Set in 1940s Kansas City, the Bridges live a quiet life. The couple seem to fit each other perfectly - Mr Bridge (Paul Newman) is a lawyer, with a severe, authoritarian character, the opposite of Mrs Bridge (Joanne Woodward), who is loving and submissive. But something starts to crack in their relationship when the three children rebel against their father's control, choosing a different life for themselves.


19.00
JAMES IVORY – 30 ANNI DI “CAMERA CON VISTA”

Casa Howard / Howards End

V. restaurata in 4k UK/Japan, 1992, 140'

ALLA PRESENZA DI JAMES IVORY  E HELENA BONHAM CARTER

Casa Howard racconta l’intreccio di tre famiglie molto diverse tra loro. I ricchi Wilcox, gli intellettuali borghesi Schlegel e i Bast, appartenenti alla lower class inglese. La signora Ruth Wilcox morendo lascia in eredità all’amica Margaret Schlegel il suo bene più prezioso: casa Howard. E’ proprio attorno a questa dimora che si intrecciano le trame dei protagonisti. Amore, amicizia, disonore e inganni in una pellicola tratta dall’omonimo romanzo di Edward Morgan Forster.

Howards End tells the story of three very different families: the well-off Wilcoxes, the bourgeois Schlegels and the Basts, from the English working class. When she dies, Ruth Wilcox leaves her most precious inheritance, Howards End, to her friend, Margaret Schlegel. It is precisely here, in this home, that the lives of the protagonists meet. Love, friendship, dishonesty and deception combine in a film taken from the Edward Morgan Forster novel . 


21.30
JAMES IVORY – 30 ANNI DI “CAMERA CON VISTA”

Calore e polvere / Heat and Dust

V. restaurata in 4k UK, 1982, 130'

Anna, giornalista della BBC, parte per l’India sulle tracce della sua prozia Olivia, emigrata assieme al marito negli anni Venti e rimasta incinta di un ricco signore del posto. L’attrazione per l’Oriente è così radicata nella sua famiglia che Anna si innamora a sua volta di un nababbo. Attraverso le rispettive storie d’amore scopriamo pagine importanti del British Raj, ovvero l’impero anglo-indiano.

Anna, a BBC journalist, sets off for India in the footsteps of her step-grandmother Olivia, who emigrated together with her husband in the 1920s and falls pregnant by a wealthy Indian gentleman. The attraction for the East is so strongly rooted in her family that Anna falls in love with a nabob. The respective love stories reveal the important moments of the British Raj.


16.30
JAMES IVORY – 30 ANNI DI “CAMERA CON VISTA”

The Golden Bowl

USA, 2000, 126'

In un’elegante Londra di inizio secolo Amerigo, giovane brillante e di nobili origini, si sposa con Maggie Verver, unica figlia del finanziere Adam Verver. Ma l’idillio si spezza alla vista della bella Charlotte Stant, amante di Amerigo durante il suo soggiorno in Italia e amica di Maggie. Charlotte e Amerigo non si sono mai dimenticati e i due iniziano una relazione adulterina, a complicare le cose il matrimonio di Charlotte con il padre di Maggie. Una grande passione arginata dal terrore dello scandalo e dal rispetto per le convenzioni sociali.

Set in an elegant early-20th century London, Amerigo, a brilliant, noble young gentleman, marries Maggie Verver, the only daughter of financier Adam Verver. The idyll is interrupted by the arrival of beauty Charlotte Stant, Amerigo's lover during his stay in Italy, and Maggie's friend. Charlotte and Amerigo have never forgotten each other, and begin an adulterous affair, further complicated by Charlotte's marriage to Maggie's widowed father. The story of a great passion, held back by the fear of scandal and respect for social conventions.


19.00
JAMES IVORY – 30 ANNI DI “CAMERA CON VISTA”

Maurice

UK, 1987, 140'

Tra le aulee di Cambridge due giovani studenti, Maurice e Clive, scoprono un amore proibito ma il secondo, timoroso della morale vittoriana, sceglie di sposarsi e di dimenticare il suo passato omosessuale. Maurice, sedotto e abbandonato, dopo lunghi tormenti riesce invece ad accettare la sua identità. Secondo, e più chiacchierato, adattamento di un romanzo di E.M. Forster.

In the halls of Cambridge, two young students, Maurice and Clive, discover an illicit love, but the latter, fearful of Victorian morals, chooses to marry and forget his homosexual past. Maurice, seduced and abandoned, after considerable torment succeeds in accepting his identity. The second, and more popular, adaptation of the novel by E.M. Forster.


21.30
JAMES IVORY – 30 ANNI DI “CAMERA CON VISTA”

Quel che resta del giorno / The remains of the day

USA, 1993, 134’

Negli anni della Seconda Guerra Mondiale James Stevens lavora come maggiordomo presso Lord Darlington, nobile conservatore con tendenze filonaziste. Capace di interpretare il suo ruolo con dedizione e fedeltà quasi inumane, vacilla solo quando la governante gli dichiara il suo amore. I tempi cambiano, la casa passa a un nuovo proprietario ma Stevens mantiene il suo rapporto distaccato, glaciale, con i sentimenti e la Storia.

During WW2, James Stevens works as a butler for Lord Darlington, an aristocratic Conservative with filo-Nazi tendencies. Able to interpret his role with almost inhuman dedication and loyalty, he only begins to doubt when the housekeeper declares her love for him. Times change, the house passes to a new owner, but Stevens continues his detached, glacial relationship with his feelings and history.


16.30
JAMES IVORY – 30 ANNI DI “CAMERA CON VISTA”

La contessa bianca / The white countess

USA/UK, 2006, 135’

Nella caotica Shangai degli anni ‘30 trovano rifugio dal loro passato l’ex diplomatico americano Todd Jackson e la nobile contessa decaduta Sara. Lei è fuggita dalla rivoluzione sovietica e per mantenere la sua famiglia lavora come entraineuse in un night club. Lui ha perso la moglie e il figlio in un incendio, e in seguito perse la figlia in un tragico attentato che gli costò anche la vista. A Shangai Tom vuole realizzare il suo sogno di aprire il Contessa Bianca, un elegantissimo night club nel cuore della città e chi meglio di Sara saprà ispirarlo?

Ex-American diplomat Todd Jackson and noble ex-Countess Sara find refuge in the chaotic Shanghai of the 1930s. She has fled the Soviet Revolution and supports her family by working as an entertainer in a night club. He lost his wife and son in a fire, before losing his daughter in a tragic attack that also cost him his sight. In Shanghai, Tom wants to achieve his dream of opening the White Countess, an elegant nightclub in the heart of the city - and who better to inspire him than Sara?


19.00
JAMES IVORY – 30 ANNI DI “CAMERA CON VISTA”

Quella sera dorata / The city of your final destination

UK, 2009, 118’

Il 28enne Omar Razaghi vince una borsa di studio dell’università del Kansas per scrivere una biografia su Jules Gund, scrittore sudamericano morto suicida qualche anno prima. Arrivato in Uruguay, Omar incontra le uniche tre persone in grado di guidarlo dentro il passato di Gund e di dargli l’approvazione per la pubblicazione: il fratello, la vedova e l’amante.

28-year-old Omar Razaghi wins a grant from Kansas University to write a biography of Jules Gund, a South American writer who committed suicide a few years earlier. When he arrives in Uruguay, Omar meets the only three people capable of guiding him into Gund's past and granting him approval for publication: his brother, widow and lover


21.30
JAMES IVORY – 30 ANNI DI “CAMERA CON VISTA”

Camera con vista / A room with a view

UK, 1986, 115'

In gita a Firenze assieme alla cugina Charlotte, Lucy viene rapita dalle attenzioni del bel George, suo connazionale, che gli cede gentilmente la sua camera con vista nella pensione dove entrambi alloggiano. Tornata in Inghilterra si fidanza col noioso e altero Cecil prima di ritrovare il giovane conosciuto in Italia e innamorarsene nuovamente. Vincitore di tre premi Oscar: sceneggiatura, costumi e art direction.

On a trip to Florence together with her cousin Charlotte, Lucy gives in to the attentions of her handsome compatriot, George, who kindly allows her to take his room with a view in the boarding house where they are staying. Back in England, she becomes engaged to the boring and subdued Cecil, before once again meeting the young man she knew in Italy and falling in love again. The film was awarded three Oscars, for set, costumes and art direction