gennaio 2018
  • lunedì

    15/01/2018

  • martedì

    16/01/2018

  • mercoledì

    17/01/2018

  • giovedì

    18/01/2018

  • venerdì

    19/01/2018

  • sabato

    20/01/2018

  • domenica

    21/01/2018


15.00
PROGRAMMAZIONE

The Hate Destroyer

di Vincenzo Caruso, Italia, 2016, 52 Min.

Chi è Irmela Mensah-Schramm? Una signora berlinese di settantadue anni che una mattina del 1985, andando al lavoro, ha visto su un muro un adesivo razzista, e la sera ha preso le chiavi di casa e lo ha staccato. Da allora continua a cancellare ogni giorno dai muri scritte omofobe e razziste, dopo averle fotografate. È sola, rischia grosso: ma Irmela ha già sconfitto il cancro e un passato difficile, e rifiuta di piegarsi. Questa è la sua storia ed è anche la nostra: quella di un’Europa che si sveglia ogni giorno più violenta, ma in cui la caparbietà semplice e rivoluzionaria di chi si alza in piedi e dichiara il suo “no” può ancora fare la differenza.


INGRESSO: intero6 € / ridotto 5€
Oltre alle normali riduzioni, ingresso ridotto anche per gli studenti del Deutschs Institut Florenz


17.00
PROGRAMMAZIONE

Loving Vincent

di Dorota Kobiela, Hugh Welchman, 2017, Regno Unito/Polonia, 95'

Loving Vincent è il primo lungometraggio interamente dipinto a mano, realizzato da un nutrito team composto da 125 artisti che, fotogramma per fotogramma, ci raccontano la storia di Armand Roulin. Sì perché il protagonista delle vicende narrate non è il più famoso pittore della storia, ma un giovane scapestrato che è stato inviato dal padre a consegnare una lettera a Theo Van Gogh, fratello di Vincent.


Biglietto intero 8,00 € 


19.00
PROGRAMMAZIONE

Dancer

Steven Cantor, 2016, Gran Bretagna/Russia/Ucraina/USA, 85 Min

Diretto dal regista candidato all’Oscar Steven Cantor, Dancer racconta la vita e la carriera di Sergei Polunin, il James Dean della danza, partendo dalle immagini da bambino, passando per i tanti successi, i tatuaggi, l’amore con Natalia Osipova. Il ballerino più dotato della sua generazione secondo il New York Times, classe 1989, origini ucraine, di quell’est Europa dove la danza classica è più popolare del calcio anche tra i ragazzi, Polunin si colloca suo malgrado come diretto discendente del terzo millennio di quella stirpe di geniali, sensuali, mefistofelici danzatori che partendo da Nijinsky e passando per Nureyev, ha infiammato i palcoscenici dei teatri, i cuori di milioni di fan e le riviste di gossip ai livelli delle rockstar. Realizzato in quattro anni durante i quali la produzione ha seguito Polunin nei suoi molteplici spostamenti, è stato nominato come miglior documentario ai British Independent Film Awards 2016. Il fotografo e artista David LaChapelle, autore del video di Take Me to.


21.00
PROGRAMMAZIONE

Alla ricerca di Van Gogh

di Yu Haibo, Yu Tianqi Kiki, 2017, Cina/Paesi Bassi, 82 min

Un esercito di Van Gogh cinesi. È il paesaggio umano del quartiere di Dafen, nella metropoli cinese di Shenzhen, dove si lavora a ritmi incessanti per fabbricare riproduzioni esatte dei quadri di Van Gogh, molto richieste sul mercato internazionale. Ma a Zhao Xiaoyong, ex contadino divenuto pittore, questa dimensione oggettivante, che sottrae alla forma il suo contenuto, non basta più. Vuole capire meglio Van Gogh, toccare il cuore di ciò che non può essere riprodotto: l’anima di un artista e della sua opera. E vuole conquistare la propria.

Il suo viaggio dalla Cina ad Amsterdam è la storia di una scoperta di sé nella scoperta dell’Arte e una metafora potente dei travagli di una Cina in profonda transizione e di un Occidente che rischia di sperperare il tesoro della propria identità.


INGRESSO: intero 8€, ridotto 6€
v.o. Mandarino con sottotitoli in italiano


15.00
PROGRAMMAZIONE

All These Sleepless Nights

di Michal Marczak, Polonia / Regno Unito, 2016, 100 Min.

Tutti noi ci ricordiamo cosa significa avere vent’anni - liberi da responsabilità, convinti di essere immortali, alla continua ricerca di modi per reinventarci.
Il film evoca visceralmente questo sentimento, documentando un’estate a Varsavia di due compagni di classe della scuola d’arte, Kris e Michal, pronti a spingere le loro vite al limite. Chi incontreranno e cosa impareranno sulle relazioni e su loro stessi? Quali dilemmi esistenziali li ostacoleranno?

INGRESSO: €8intero /6€ ridotto
v. o. sot ita.


17.00
PROGRAMMAZIONE

Alla ricerca di Van Gogh

di Yu Haibo, Yu Tianqi Kiki, 2017, Cina/Paesi Bassi, 82 min

Un esercito di Van Gogh cinesi. È il paesaggio umano del quartiere di Dafen, nella metropoli cinese di Shenzhen, dove si lavora a ritmi incessanti per fabbricare riproduzioni esatte dei quadri di Van Gogh, molto richieste sul mercato internazionale. Ma a Zhao Xiaoyong, ex contadino divenuto pittore, questa dimensione oggettivante, che sottrae alla forma il suo contenuto, non basta più. Vuole capire meglio Van Gogh, toccare il cuore di ciò che non può essere riprodotto: l’anima di un artista e della sua opera. E vuole conquistare la propria.

Il suo viaggio dalla Cina ad Amsterdam è la storia di una scoperta di sé nella scoperta dell’Arte e una metafora potente dei travagli di una Cina in profonda transizione e di un Occidente che rischia di sperperare il tesoro della propria identità.


INGRESSO: intero 8€, ridotto 6€
v.o. Mandarino con sottotitoli in italiano


19.00
PROGRAMMAZIONE

The Hate Destroyer

di Vincenzo Caruso, Italia, 2016, 52 Min.

Chi è Irmela Mensah-Schramm? Una signora berlinese di settantadue anni che una mattina del 1985, andando al lavoro, ha visto su un muro un adesivo razzista, e la sera ha preso le chiavi di casa e lo ha staccato. Da allora continua a cancellare ogni giorno dai muri scritte omofobe e razziste, dopo averle fotografate. È sola, rischia grosso: ma Irmela ha già sconfitto il cancro e un passato difficile, e rifiuta di piegarsi. Questa è la sua storia ed è anche la nostra: quella di un’Europa che si sveglia ogni giorno più violenta, ma in cui la caparbietà semplice e rivoluzionaria di chi si alza in piedi e dichiara il suo “no” può ancora fare la differenza.


INGRESSO: intero6 € / ridotto 5€
Oltre alle normali riduzioni, ingresso ridotto anche per gli studenti del Deutschs Institut Florenz


20.30
TOSCANA MOVIE NIGHTS

Musica e nuove generazioni

Una serata all’insegna della buona musica, con la partecipazione straordinaria di Leo Boni, tra i Rolling Stones e un’imprevedibile orchestra Jazz,  un’avventura abilmente raccontata all’interno di un riuscitissimo film documentario che riappacifica con il paese simbolo dell’arte.

Anteprima speciale: Teaser Stones in Lucca
Proiezione Quest’Italia suona il Jazz
Di Marco Guelfi (film doc, ’74, Solaria Film e Teatro  Puccini in collaborazione con Cinecittà Luce).
125 talenti di tutta Italia in gara per partecipare alla composizione dell’Orchestra Nazionale Jazz Giovani Talenti.  Venticinque persone che all’unisono proveranno a dare seguito al proprio sogno: vivere suonando. Un film che diventa l’occasione per raccontare il presente e il futuro del nostro paese.


Ingresso
6€ (intero), 5€ (ridotto)
Cinema + Aperitivo: 12€


15.00
PROGRAMMAZIONE

Alla ricerca di Van Gogh

di Yu Haibo, Yu Tianqi Kiki, 2017, Cina/Paesi Bassi, 82 min

Un esercito di Van Gogh cinesi. È il paesaggio umano del quartiere di Dafen, nella metropoli cinese di Shenzhen, dove si lavora a ritmi incessanti per fabbricare riproduzioni esatte dei quadri di Van Gogh, molto richieste sul mercato internazionale. Ma a Zhao Xiaoyong, ex contadino divenuto pittore, questa dimensione oggettivante, che sottrae alla forma il suo contenuto, non basta più. Vuole capire meglio Van Gogh, toccare il cuore di ciò che non può essere riprodotto: l’anima di un artista e della sua opera. E vuole conquistare la propria.

Il suo viaggio dalla Cina ad Amsterdam è la storia di una scoperta di sé nella scoperta dell’Arte e una metafora potente dei travagli di una Cina in profonda transizione e di un Occidente che rischia di sperperare il tesoro della propria identità.


INGRESSO: intero 8€, ridotto 6€
v.o. Mandarino con sottotitoli in italiano


17.00
PROGRAMMAZIONE

Il senso della bellezza

di Valerio Jalongo, Svizzera, Italia, 75'

Quattro anni dopo la sensazionale scoperta del “Bosone di Higgs”, il CERN è alla vigilia di un nuovo, eccezionale esperimento. L’esperimento è insieme un viaggio nel tempo più lontano e nello spazio più piccolo che possiamo immaginare. Così, l’infinitamente piccolo e la vastità dell’universo schiudono le porte di un territorio invisibile, dove gli scienziati sono guidati da qualcosa che li accomuna agli artisti. Tra scienziati che hanno perso l’immagine della Natura, e artisti che hanno smarrito la tradizionale idea di bellezza, attraverso macchinari che assomigliano a opere d’arte e istallazioni artistiche che assomigliano ad esperimenti, emerge un ritratto di attività scientifiche e artistiche come indagine, come immaginazione, come autentico esercizio di libertà.


Biglietto intero 6€ / ridotto 5€

 


19.00
PROGRAMMAZIONE

Loving Vincent

di Dorota Kobiela, Hugh Welchman, 2017, Regno Unito/Polonia, 95'

Loving Vincent è il primo lungometraggio interamente dipinto a mano, realizzato da un nutrito team composto da 125 artisti che, fotogramma per fotogramma, ci raccontano la storia di Armand Roulin. Sì perché il protagonista delle vicende narrate non è il più famoso pittore della storia, ma un giovane scapestrato che è stato inviato dal padre a consegnare una lettera a Theo Van Gogh, fratello di Vincent.


Biglietto intero 8,00 € 


21.00
PROGRAMMAZIONE

Dancer

Steven Cantor, 2016, Gran Bretagna/Russia/Ucraina/USA, 85 Min

Diretto dal regista candidato all’Oscar Steven Cantor, Dancer racconta la vita e la carriera di Sergei Polunin, il James Dean della danza, partendo dalle immagini da bambino, passando per i tanti successi, i tatuaggi, l’amore con Natalia Osipova. Il ballerino più dotato della sua generazione secondo il New York Times, classe 1989, origini ucraine, di quell’est Europa dove la danza classica è più popolare del calcio anche tra i ragazzi, Polunin si colloca suo malgrado come diretto discendente del terzo millennio di quella stirpe di geniali, sensuali, mefistofelici danzatori che partendo da Nijinsky e passando per Nureyev, ha infiammato i palcoscenici dei teatri, i cuori di milioni di fan e le riviste di gossip ai livelli delle rockstar. Realizzato in quattro anni durante i quali la produzione ha seguito Polunin nei suoi molteplici spostamenti, è stato nominato come miglior documentario ai British Independent Film Awards 2016. Il fotografo e artista David LaChapelle, autore del video di Take Me to.


15.00
PROGRAMMAZIONE

Il senso della bellezza

di Valerio Jalongo, Svizzera, Italia, 75'

Quattro anni dopo la sensazionale scoperta del “Bosone di Higgs”, il CERN è alla vigilia di un nuovo, eccezionale esperimento. L’esperimento è insieme un viaggio nel tempo più lontano e nello spazio più piccolo che possiamo immaginare. Così, l’infinitamente piccolo e la vastità dell’universo schiudono le porte di un territorio invisibile, dove gli scienziati sono guidati da qualcosa che li accomuna agli artisti. Tra scienziati che hanno perso l’immagine della Natura, e artisti che hanno smarrito la tradizionale idea di bellezza, attraverso macchinari che assomigliano a opere d’arte e istallazioni artistiche che assomigliano ad esperimenti, emerge un ritratto di attività scientifiche e artistiche come indagine, come immaginazione, come autentico esercizio di libertà.


Biglietto intero 6€ / ridotto 5€

 


17.00
PROGRAMMAZIONE

Alla ricerca di Van Gogh

di Yu Haibo, Yu Tianqi Kiki, 2017, Cina/Paesi Bassi, 82 min

Un esercito di Van Gogh cinesi. È il paesaggio umano del quartiere di Dafen, nella metropoli cinese di Shenzhen, dove si lavora a ritmi incessanti per fabbricare riproduzioni esatte dei quadri di Van Gogh, molto richieste sul mercato internazionale. Ma a Zhao Xiaoyong, ex contadino divenuto pittore, questa dimensione oggettivante, che sottrae alla forma il suo contenuto, non basta più. Vuole capire meglio Van Gogh, toccare il cuore di ciò che non può essere riprodotto: l’anima di un artista e della sua opera. E vuole conquistare la propria.

Il suo viaggio dalla Cina ad Amsterdam è la storia di una scoperta di sé nella scoperta dell’Arte e una metafora potente dei travagli di una Cina in profonda transizione e di un Occidente che rischia di sperperare il tesoro della propria identità.


INGRESSO: intero 8€, ridotto 6€
v.o. Mandarino con sottotitoli in italiano


19.00
PROGRAMMAZIONE

All These Sleepless Nights

di Michal Marczak, Polonia / Regno Unito, 2016, 100 Min.

Tutti noi ci ricordiamo cosa significa avere vent’anni - liberi da responsabilità, convinti di essere immortali, alla continua ricerca di modi per reinventarci.
Il film evoca visceralmente questo sentimento, documentando un’estate a Varsavia di due compagni di classe della scuola d’arte, Kris e Michal, pronti a spingere le loro vite al limite. Chi incontreranno e cosa impareranno sulle relazioni e su loro stessi? Quali dilemmi esistenziali li ostacoleranno?

INGRESSO: €8intero /6€ ridotto
v. o. sot ita.


21.00
100 anni dall'indipendenza della Finlandia

Kaisa’s Enchanted Forest

di Katja Gauriloff, 2016, Finlandia, 81 Min.

Kaisa’s Enchanted Forest è un viaggio poetico alla scoperta dell’amicizia fra Kaisa, un narratore leggendario appartenente alla popolazione di Skolt Sámi, e lo scrittore svizzero Robert Crottet. È un percorso fra la verità e finzione, che intreccia le antiche leggende dei Sámi insieme al destino di quel popolo, plasmato dalla Seconda guerra mondiale. Anche se ambientato nel passato, le tematiche del film risultano ad oggi attualissime. Il film è stato presentato in anteprima a Hot Docs e alla 67a Berlinale di cinema ed è poi approdato in Italia grazie al Trento Film Festival e a Terre di Confine Film Festival.

In collaborazione con Una finestra sul Nord


INGRESSO: 6€ / ridotto €5
v.o francese e sami con sot. ita. e ing.


21.00
PROGRAMMAZIONE

Alla ricerca di Van Gogh

di Yu Haibo, Yu Tianqi Kiki, 2017, Cina/Paesi Bassi, 82 min

Un esercito di Van Gogh cinesi. È il paesaggio umano del quartiere di Dafen, nella metropoli cinese di Shenzhen, dove si lavora a ritmi incessanti per fabbricare riproduzioni esatte dei quadri di Van Gogh, molto richieste sul mercato internazionale. Ma a Zhao Xiaoyong, ex contadino divenuto pittore, questa dimensione oggettivante, che sottrae alla forma il suo contenuto, non basta più. Vuole capire meglio Van Gogh, toccare il cuore di ciò che non può essere riprodotto: l’anima di un artista e della sua opera. E vuole conquistare la propria.

Il suo viaggio dalla Cina ad Amsterdam è la storia di una scoperta di sé nella scoperta dell’Arte e una metafora potente dei travagli di una Cina in profonda transizione e di un Occidente che rischia di sperperare il tesoro della propria identità.


INGRESSO: intero 8€, ridotto 6€
v.o. Mandarino con sottotitoli in italiano


21.00
PROGRAMMAZIONE

Il senso della bellezza

di Valerio Jalongo, Svizzera, Italia, 75'

Quattro anni dopo la sensazionale scoperta del “Bosone di Higgs”, il CERN è alla vigilia di un nuovo, eccezionale esperimento. L’esperimento è insieme un viaggio nel tempo più lontano e nello spazio più piccolo che possiamo immaginare. Così, l’infinitamente piccolo e la vastità dell’universo schiudono le porte di un territorio invisibile, dove gli scienziati sono guidati da qualcosa che li accomuna agli artisti. Tra scienziati che hanno perso l’immagine della Natura, e artisti che hanno smarrito la tradizionale idea di bellezza, attraverso macchinari che assomigliano a opere d’arte e istallazioni artistiche che assomigliano ad esperimenti, emerge un ritratto di attività scientifiche e artistiche come indagine, come immaginazione, come autentico esercizio di libertà.


Biglietto intero 6€ / ridotto 5€

 


10.30
DOMENICHE IN COMPAGNIA

Brutti e cattivi – Solo persone (né abili né disabili)

Proiezione del film di Cosimo Gomez Brutti e cattivi (Italia, 2017, 87 Min.)

La proiezione sarà introdotta e commentata dal regista Cosimo Gomez e dal critico cinematografico Gabriele Rizza.

Una commedia dissacrante e divertente, finalmente non “politicamente corretta”, che ci presenta senza falsi buonismi un gruppetto di disabili avidi e cattivi. Bravissimi tutti gli interpreti della strampalata banda di rapinatori: a cominciare da Claudio Santamaria, il capo, Sara Serraiocco. la bella del capo, e  Marco d’Amore, il tossico.


15.00
PROGRAMMAZIONE

Nothingwood party

Sonia Kronlund, 2017, Francia / Germania, 85 Min

Salim Shaheen fa cinema. Anzi, fa tanto cinema: con oltre 110 film all’attivo, quasi tutti girati nella molteplice veste di regista, produttore e attore, è uno dei più prolifici cineasti dell’Afghanistan. Dalla sua, ha due punti di forza: una passione viscerale per tutto quello che fa e un cast – sempre lo stesso – composto da attori eccentrici e totalmente fuori controllo! Questa originale comitiva, questa armata Brancaleone del cinema di serie Z è in cammino per presentare alcuni dei propri film e, nel mentre, ottimizza i tempi girandone uno durante il viaggio. Ma quanta forza ci vuole per sognare quando fuori scoppiano le bombe? Per più di trent’anni Salim ha cercato incessantemente di esaudire il proprio desiderio di bambino: diventare un creatore di storie in una terra perennemente in guerra che sicuramente non è né Hollywood, né Bollywood. Ma, tutto sommato, ci si può anche accontentare di essere il principe di Nothingwood…


INGRESSO: 8€ / ridotto €6
V.originale con sott. ita.


17.00
PROGRAMMAZIONE

Alla ricerca di Van Gogh

di Yu Haibo, Yu Tianqi Kiki, 2017, Cina/Paesi Bassi, 82 min

Un esercito di Van Gogh cinesi. È il paesaggio umano del quartiere di Dafen, nella metropoli cinese di Shenzhen, dove si lavora a ritmi incessanti per fabbricare riproduzioni esatte dei quadri di Van Gogh, molto richieste sul mercato internazionale. Ma a Zhao Xiaoyong, ex contadino divenuto pittore, questa dimensione oggettivante, che sottrae alla forma il suo contenuto, non basta più. Vuole capire meglio Van Gogh, toccare il cuore di ciò che non può essere riprodotto: l’anima di un artista e della sua opera. E vuole conquistare la propria.

Il suo viaggio dalla Cina ad Amsterdam è la storia di una scoperta di sé nella scoperta dell’Arte e una metafora potente dei travagli di una Cina in profonda transizione e di un Occidente che rischia di sperperare il tesoro della propria identità.


INGRESSO: intero 8€, ridotto 6€
v.o. Mandarino con sottotitoli in italiano


19.00
IL MESE DEL DOCUMENTARIO

La convocazione

di Enrico Maisto, Italia, 2017, 56 Min.

Sessanta cittadini, estratti a sorte da un sistema informatico, prendono posto nell’aula in cui si celebrano i processi della II sezione della Corte d’Assise d’Appello. I fortuiti candidati passeranno un giorno intero fra le pareti rivestite d’onice, in attesa di sapere se, aldilà della propria volontà, saranno scelti dal Presidente della Corte per assurgere a un ruolo di cui molti non conoscevano nemmeno l’esistenza, il ruolo di giudice popolare. Il film racconta la cronaca di quella giornata particolare che porta cittadini comuni, uomini e donne che il caso pone sulle stesse panche, a contatto diretto per la prima volta con l’amministrazione della Giustizia.

“Premio MyMovies – Il cinema dalla parte del pubblico” al 58° Festival dei Popoli
In Concorso ufficiale a IDFA 2017


21.00
PROGRAMMAZIONE

Dancer

Steven Cantor, 2016, Gran Bretagna/Russia/Ucraina/USA, 85 Min

Diretto dal regista candidato all’Oscar Steven Cantor, Dancer racconta la vita e la carriera di Sergei Polunin, il James Dean della danza, partendo dalle immagini da bambino, passando per i tanti successi, i tatuaggi, l’amore con Natalia Osipova. Il ballerino più dotato della sua generazione secondo il New York Times, classe 1989, origini ucraine, di quell’est Europa dove la danza classica è più popolare del calcio anche tra i ragazzi, Polunin si colloca suo malgrado come diretto discendente del terzo millennio di quella stirpe di geniali, sensuali, mefistofelici danzatori che partendo da Nijinsky e passando per Nureyev, ha infiammato i palcoscenici dei teatri, i cuori di milioni di fan e le riviste di gossip ai livelli delle rockstar. Realizzato in quattro anni durante i quali la produzione ha seguito Polunin nei suoi molteplici spostamenti, è stato nominato come miglior documentario ai British Independent Film Awards 2016. Il fotografo e artista David LaChapelle, autore del video di Take Me to.