In Toscana “Sensi Contemporanei” investe sul Cinema

I festival cinematografici, il cinema di qualità e le produzioni cinematografiche internazionali, conosceranno in Toscana un forte sviluppo grazie ad un nuovo piano di investimenti pubblici in arrivo nella regione. Il progetto si chiama Sensi Contemporanei, è stato sperimento ad oggi in sette regioni del Sud Italia e arriva per la prima volta in Toscana grazie ad un Accordo di Programma Quadro siglato dall’Agenzia per la Coesione Territoriale, Direzione Generale Cinema del Mibact e la Regione.

Grazia Sensi Contemporanei si si promuoverà la cultura, si creeeranno opportunità di crescita e nuova occupazione, e saranno sperimantate nuove forme di sviluppo territoriale. Sei le linee di intervento individuate: ampliare la rete regionale dei servizi, formare nuovi pubblici, potenziare le strutture che promuovono il cinema di qualità, sperimentare nuove forme d’impresa e contribuire alla crescita dei processi d’integrazione, conoscenza e sostenibilità.

L’investimento statale complessivo, per interventi tutti ad un elevato livello di esecutività progettuale, ammonta ad euro 13.750.000,00, cui si aggiungono investimenti di privati per circa 15.000.000 di euro. Di queste risorse, euro 5.520.000, sono dedicate ad interventi da realizzarsi nel prossimo triennio gestiti da Regione Toscana per il tramite di Fondazione Sistema Toscana (FST), strumento della Regione per la promozione del cinema di qualità e soggetto di coprogettazione e attuatore. In particolare sulla parte di diretta attuazione della Fondazione Sistema Toscana (euro 5.520.000), saranno realizzati entro il 2016 progetti per un investimento pari ad euro 1.871.000,00.

Tra gli interventi previsti, l’apertura de La Compagnia, la nuova Casa del Cinema della Toscana, dedicata ai festival internazionale al meglio della produzione nel genere documentario; il sostegno ai festival internazionali della 50 Giorni e Primavera Orientale; il varo di due cineporti, Le Manifatture del Cinema a Prato – dove la professionalità nel tessile sarà valorizzata per i nuovi mestieri dell’industria cinematografica – e a Pisa – dove il cinema incontrerà la ricerca scientifica; nuovi incentivi per i set che scelgono di girare in Toscana; attività di Formazione che rafforzeranno gli interventi del progetto Lanterne magiche e il rilancio di Mediateca 2.0.

I prodotti audiovisivi realizzati grazie a Sensi Contemporanei e altri interventi di comunicazione digitale, riguarderanno la salvaguardia e la trasmissione di una tragica pagina della storia toscana, quella dell’alluvione del 1966.

FacebookTwitterWhatsAppEmail