gennaio 2018
  • venerdì

    05/01/2018

  • sabato

    06/01/2018

  • domenica

    07/01/2018

  • lunedì

    08/01/2018

  • martedì

    09/01/2018

  • mercoledì

    10/01/2018

  • giovedì

    11/01/2018


15.00
PROGRAMMAZIONE

Loving Vincent

di Dorota Kobiela, Hugh Welchman, 2017, Regno Unito/Polonia, 95'

Loving Vincent è il primo lungometraggio interamente dipinto a mano, realizzato da un nutrito team composto da 125 artisti che, fotogramma per fotogramma, ci raccontano la storia di Armand Roulin. Sì perché il protagonista delle vicende narrate non è il più famoso pittore della storia, ma un giovane scapestrato che è stato inviato dal padre a consegnare una lettera a Theo Van Gogh, fratello di Vincent.


Biglietto intero 8,00 € 


17.00
PROGRAMMAZIONE

Nothingwood party

Sonia Kronlund, 2017, Francia / Germania, 85 Min

Salim Shaheen fa cinema. Anzi, fa tanto cinema: con oltre 110 film all’attivo, quasi tutti girati nella molteplice veste di regista, produttore e attore, è uno dei più prolifici cineasti dell’Afghanistan. Dalla sua, ha due punti di forza: una passione viscerale per tutto quello che fa e un cast – sempre lo stesso – composto da attori eccentrici e totalmente fuori controllo! Questa originale comitiva, questa armata Brancaleone del cinema di serie Z è in cammino per presentare alcuni dei propri film e, nel mentre, ottimizza i tempi girandone uno durante il viaggio. Ma quanta forza ci vuole per sognare quando fuori scoppiano le bombe? Per più di trent’anni Salim ha cercato incessantemente di esaudire il proprio desiderio di bambino: diventare un creatore di storie in una terra perennemente in guerra che sicuramente non è né Hollywood, né Bollywood. Ma, tutto sommato, ci si può anche accontentare di essere il principe di Nothingwood…


INGRESSO: 8€ / ridotto €6
V.originale con sott. ita.


19.00
PROGRAMMAZIONE

Dancer

Steven Cantor, 2016, Gran Bretagna/Russia/Ucraina/USA, 85 Min

Diretto dal regista candidato all’Oscar Steven Cantor, Dancer racconta la vita e la carriera di Sergei Polunin, il James Dean della danza, partendo dalle immagini da bambino, passando per i tanti successi, i tatuaggi, l’amore con Natalia Osipova. Il ballerino più dotato della sua generazione secondo il New York Times, classe 1989, origini ucraine, di quell’est Europa dove la danza classica è più popolare del calcio anche tra i ragazzi, Polunin si colloca suo malgrado come diretto discendente del terzo millennio di quella stirpe di geniali, sensuali, mefistofelici danzatori che partendo da Nijinsky e passando per Nureyev, ha infiammato i palcoscenici dei teatri, i cuori di milioni di fan e le riviste di gossip ai livelli delle rockstar. Realizzato in quattro anni durante i quali la produzione ha seguito Polunin nei suoi molteplici spostamenti, è stato nominato come miglior documentario ai British Independent Film Awards 2016. Il fotografo e artista David LaChapelle, autore del video di Take Me to.


21.00
PROGRAMMAZIONE

Il senso della bellezza

di Valerio Jalongo, Svizzera, Italia, 75'

Quattro anni dopo la sensazionale scoperta del “Bosone di Higgs”, il CERN è alla vigilia di un nuovo, eccezionale esperimento. L’esperimento è insieme un viaggio nel tempo più lontano e nello spazio più piccolo che possiamo immaginare. Così, l’infinitamente piccolo e la vastità dell’universo schiudono le porte di un territorio invisibile, dove gli scienziati sono guidati da qualcosa che li accomuna agli artisti. Tra scienziati che hanno perso l’immagine della Natura, e artisti che hanno smarrito la tradizionale idea di bellezza, attraverso macchinari che assomigliano a opere d’arte e istallazioni artistiche che assomigliano ad esperimenti, emerge un ritratto di attività scientifiche e artistiche come indagine, come immaginazione, come autentico esercizio di libertà.


Biglietto intero 6€ / ridotto 5€

 


15.00
PROGRAMMAZIONE

Dancer

Steven Cantor, 2016, Gran Bretagna/Russia/Ucraina/USA, 85 Min

Diretto dal regista candidato all’Oscar Steven Cantor, Dancer racconta la vita e la carriera di Sergei Polunin, il James Dean della danza, partendo dalle immagini da bambino, passando per i tanti successi, i tatuaggi, l’amore con Natalia Osipova. Il ballerino più dotato della sua generazione secondo il New York Times, classe 1989, origini ucraine, di quell’est Europa dove la danza classica è più popolare del calcio anche tra i ragazzi, Polunin si colloca suo malgrado come diretto discendente del terzo millennio di quella stirpe di geniali, sensuali, mefistofelici danzatori che partendo da Nijinsky e passando per Nureyev, ha infiammato i palcoscenici dei teatri, i cuori di milioni di fan e le riviste di gossip ai livelli delle rockstar. Realizzato in quattro anni durante i quali la produzione ha seguito Polunin nei suoi molteplici spostamenti, è stato nominato come miglior documentario ai British Independent Film Awards 2016. Il fotografo e artista David LaChapelle, autore del video di Take Me to.


18.30
TOSCANA MOVIE NIGHTS

Stili ribelli

18:30 – 21:00 // Evento Speciale CNA Federmoda in collaborazione con CNA Cinema Toscana, Pitti Immagine e Toscana Film Commission

Una serata all’insegna delle eccellenze artigianali del Made in Italy

Stili Ribelli- Preview
Anteprima Teaser della serie Tv per SKY ARTE Stili Ribelli
Stili Ribelli – Live Performance
I capi icona della moda che hanno influenzato la cultura e il costume italiano
Stili Ribelli – Talk
modera Myrta Merlino
“Cinema e Moda: i cult del saper fare italiano”
Stili Ribelli – Cocktail + Dj & Visual Set


Ingresso solo con prenotazione: info@cnatoscana.it


19.00
PROGRAMMAZIONE

Nothingwood party

Sonia Kronlund, 2017, Francia / Germania, 85 Min

Salim Shaheen fa cinema. Anzi, fa tanto cinema: con oltre 110 film all’attivo, quasi tutti girati nella molteplice veste di regista, produttore e attore, è uno dei più prolifici cineasti dell’Afghanistan. Dalla sua, ha due punti di forza: una passione viscerale per tutto quello che fa e un cast – sempre lo stesso – composto da attori eccentrici e totalmente fuori controllo! Questa originale comitiva, questa armata Brancaleone del cinema di serie Z è in cammino per presentare alcuni dei propri film e, nel mentre, ottimizza i tempi girandone uno durante il viaggio. Ma quanta forza ci vuole per sognare quando fuori scoppiano le bombe? Per più di trent’anni Salim ha cercato incessantemente di esaudire il proprio desiderio di bambino: diventare un creatore di storie in una terra perennemente in guerra che sicuramente non è né Hollywood, né Bollywood. Ma, tutto sommato, ci si può anche accontentare di essere il principe di Nothingwood…


INGRESSO: 8€ / ridotto €6
V.originale con sott. ita.


21.00
PROGRAMMAZIONE

Il senso della bellezza

di Valerio Jalongo, Svizzera, Italia, 75'

Quattro anni dopo la sensazionale scoperta del “Bosone di Higgs”, il CERN è alla vigilia di un nuovo, eccezionale esperimento. L’esperimento è insieme un viaggio nel tempo più lontano e nello spazio più piccolo che possiamo immaginare. Così, l’infinitamente piccolo e la vastità dell’universo schiudono le porte di un territorio invisibile, dove gli scienziati sono guidati da qualcosa che li accomuna agli artisti. Tra scienziati che hanno perso l’immagine della Natura, e artisti che hanno smarrito la tradizionale idea di bellezza, attraverso macchinari che assomigliano a opere d’arte e istallazioni artistiche che assomigliano ad esperimenti, emerge un ritratto di attività scientifiche e artistiche come indagine, come immaginazione, come autentico esercizio di libertà.


Biglietto intero 6€ / ridotto 5€

 


15.00
PROGRAMMAZIONE

Il senso della bellezza

di Valerio Jalongo, Svizzera, Italia, 75'

Quattro anni dopo la sensazionale scoperta del “Bosone di Higgs”, il CERN è alla vigilia di un nuovo, eccezionale esperimento. L’esperimento è insieme un viaggio nel tempo più lontano e nello spazio più piccolo che possiamo immaginare. Così, l’infinitamente piccolo e la vastità dell’universo schiudono le porte di un territorio invisibile, dove gli scienziati sono guidati da qualcosa che li accomuna agli artisti. Tra scienziati che hanno perso l’immagine della Natura, e artisti che hanno smarrito la tradizionale idea di bellezza, attraverso macchinari che assomigliano a opere d’arte e istallazioni artistiche che assomigliano ad esperimenti, emerge un ritratto di attività scientifiche e artistiche come indagine, come immaginazione, come autentico esercizio di libertà.


Biglietto intero 6€ / ridotto 5€

 


17.00
PROGRAMMAZIONE

Nothingwood party

Sonia Kronlund, 2017, Francia / Germania, 85 Min

Salim Shaheen fa cinema. Anzi, fa tanto cinema: con oltre 110 film all’attivo, quasi tutti girati nella molteplice veste di regista, produttore e attore, è uno dei più prolifici cineasti dell’Afghanistan. Dalla sua, ha due punti di forza: una passione viscerale per tutto quello che fa e un cast – sempre lo stesso – composto da attori eccentrici e totalmente fuori controllo! Questa originale comitiva, questa armata Brancaleone del cinema di serie Z è in cammino per presentare alcuni dei propri film e, nel mentre, ottimizza i tempi girandone uno durante il viaggio. Ma quanta forza ci vuole per sognare quando fuori scoppiano le bombe? Per più di trent’anni Salim ha cercato incessantemente di esaudire il proprio desiderio di bambino: diventare un creatore di storie in una terra perennemente in guerra che sicuramente non è né Hollywood, né Bollywood. Ma, tutto sommato, ci si può anche accontentare di essere il principe di Nothingwood…


INGRESSO: 8€ / ridotto €6
V.originale con sott. ita.


19.00
PROGRAMMAZIONE

Dancer

Steven Cantor, 2016, Gran Bretagna/Russia/Ucraina/USA, 85 Min

Diretto dal regista candidato all’Oscar Steven Cantor, Dancer racconta la vita e la carriera di Sergei Polunin, il James Dean della danza, partendo dalle immagini da bambino, passando per i tanti successi, i tatuaggi, l’amore con Natalia Osipova. Il ballerino più dotato della sua generazione secondo il New York Times, classe 1989, origini ucraine, di quell’est Europa dove la danza classica è più popolare del calcio anche tra i ragazzi, Polunin si colloca suo malgrado come diretto discendente del terzo millennio di quella stirpe di geniali, sensuali, mefistofelici danzatori che partendo da Nijinsky e passando per Nureyev, ha infiammato i palcoscenici dei teatri, i cuori di milioni di fan e le riviste di gossip ai livelli delle rockstar. Realizzato in quattro anni durante i quali la produzione ha seguito Polunin nei suoi molteplici spostamenti, è stato nominato come miglior documentario ai British Independent Film Awards 2016. Il fotografo e artista David LaChapelle, autore del video di Take Me to.


21.30
PROGRAMMAZIONE

Uninvited – Marcelo Burlon

di Mattia Colombo, 2017, Italia, 90 Min.

Ritratto pubblico e privato di Marcelo Burlon, oggi direttore creativo dell’azienda County of Milan: una delle personalità più affascinanti e influenti del panorama della moda attuale, personaggio amato e odiato allo stesso tempo. Un documentario che, attraverso la vita di una figura così sincera e diretta, e i luoghi che lo hanno accolto, riesce a raccontare il sistema della moda nella sua complessità, e riesce a farlo da una prospettiva totalmente diversa rispetto all’idea standardizzata che si ha di questo mondo.

Proiezione speciale in occasione di Pitti Immagine Uomo 93
Introduce Lapo Cianchi, Direttore Comunicazione e Eventi Speciali
Alla presenza di MARCELO BURLON


INGRESSO: 8€ / ridotto €6
V.italiana con sott. ing.


11.00
DISNEY VINTAGE STORIES

Un Maggiolino tutto matto

di Robert Stevenson, 1968, Usa, durata: 104 min

Jim si ritrova proprietario di una Volkswagen che parla, pensa ed è piena di emozioni: insomma, ha un'anima. Jim e il maggiolino formano un'accoppiata vincente in ogni gara di corsa fino a quando un altro pilota tenta di separarli.


15.00
PROGRAMMAZIONE

Il senso della bellezza

di Valerio Jalongo, Svizzera, Italia, 75'

Quattro anni dopo la sensazionale scoperta del “Bosone di Higgs”, il CERN è alla vigilia di un nuovo, eccezionale esperimento. L’esperimento è insieme un viaggio nel tempo più lontano e nello spazio più piccolo che possiamo immaginare. Così, l’infinitamente piccolo e la vastità dell’universo schiudono le porte di un territorio invisibile, dove gli scienziati sono guidati da qualcosa che li accomuna agli artisti. Tra scienziati che hanno perso l’immagine della Natura, e artisti che hanno smarrito la tradizionale idea di bellezza, attraverso macchinari che assomigliano a opere d’arte e istallazioni artistiche che assomigliano ad esperimenti, emerge un ritratto di attività scientifiche e artistiche come indagine, come immaginazione, come autentico esercizio di libertà.


Biglietto intero 6€ / ridotto 5€

 


17.00
PROGRAMMAZIONE

Loving Vincent

di Dorota Kobiela, Hugh Welchman, 2017, Regno Unito/Polonia, 95'

Loving Vincent è il primo lungometraggio interamente dipinto a mano, realizzato da un nutrito team composto da 125 artisti che, fotogramma per fotogramma, ci raccontano la storia di Armand Roulin. Sì perché il protagonista delle vicende narrate non è il più famoso pittore della storia, ma un giovane scapestrato che è stato inviato dal padre a consegnare una lettera a Theo Van Gogh, fratello di Vincent.


Biglietto intero 8,00 € 


19.00
PROGRAMMAZIONE

All These Sleepless Nights

di Michal Marczak, Polonia / Regno Unito, 2016, 100 Min.

Tutti noi ci ricordiamo cosa significa avere vent’anni - liberi da responsabilità, convinti di essere immortali, alla continua ricerca di modi per reinventarci.
Il film evoca visceralmente questo sentimento, documentando un’estate a Varsavia di due compagni di classe della scuola d’arte, Kris e Michal, pronti a spingere le loro vite al limite. Chi incontreranno e cosa impareranno sulle relazioni e su loro stessi? Quali dilemmi esistenziali li ostacoleranno?

INGRESSO: €8intero /6€ ridotto
v. o. sot ita.


21.00
PROGRAMMAZIONE

Dancer

Steven Cantor, 2016, Gran Bretagna/Russia/Ucraina/USA, 85 Min

Diretto dal regista candidato all’Oscar Steven Cantor, Dancer racconta la vita e la carriera di Sergei Polunin, il James Dean della danza, partendo dalle immagini da bambino, passando per i tanti successi, i tatuaggi, l’amore con Natalia Osipova. Il ballerino più dotato della sua generazione secondo il New York Times, classe 1989, origini ucraine, di quell’est Europa dove la danza classica è più popolare del calcio anche tra i ragazzi, Polunin si colloca suo malgrado come diretto discendente del terzo millennio di quella stirpe di geniali, sensuali, mefistofelici danzatori che partendo da Nijinsky e passando per Nureyev, ha infiammato i palcoscenici dei teatri, i cuori di milioni di fan e le riviste di gossip ai livelli delle rockstar. Realizzato in quattro anni durante i quali la produzione ha seguito Polunin nei suoi molteplici spostamenti, è stato nominato come miglior documentario ai British Independent Film Awards 2016. Il fotografo e artista David LaChapelle, autore del video di Take Me to.


15.00
PROGRAMMAZIONE

Dancer

Steven Cantor, 2016, Gran Bretagna/Russia/Ucraina/USA, 85 Min

Diretto dal regista candidato all’Oscar Steven Cantor, Dancer racconta la vita e la carriera di Sergei Polunin, il James Dean della danza, partendo dalle immagini da bambino, passando per i tanti successi, i tatuaggi, l’amore con Natalia Osipova. Il ballerino più dotato della sua generazione secondo il New York Times, classe 1989, origini ucraine, di quell’est Europa dove la danza classica è più popolare del calcio anche tra i ragazzi, Polunin si colloca suo malgrado come diretto discendente del terzo millennio di quella stirpe di geniali, sensuali, mefistofelici danzatori che partendo da Nijinsky e passando per Nureyev, ha infiammato i palcoscenici dei teatri, i cuori di milioni di fan e le riviste di gossip ai livelli delle rockstar. Realizzato in quattro anni durante i quali la produzione ha seguito Polunin nei suoi molteplici spostamenti, è stato nominato come miglior documentario ai British Independent Film Awards 2016. Il fotografo e artista David LaChapelle, autore del video di Take Me to.


17.00
DISNEY VINTAGE STORIES

Il cowboy con il velo da sposa

di David Swift, 1961, Usa, durata: 124 min

Due gemelle straordinariamente somiglianti non si sono mai viste e nemmeno conoscono uno dei due genitori. Le ragazze un giorno si incontrano per caso, simpatizzano e decidono di riunire la famiglia.


19.00
PROGRAMMAZIONE

Nothingwood party

Sonia Kronlund, 2017, Francia / Germania, 85 Min

Salim Shaheen fa cinema. Anzi, fa tanto cinema: con oltre 110 film all’attivo, quasi tutti girati nella molteplice veste di regista, produttore e attore, è uno dei più prolifici cineasti dell’Afghanistan. Dalla sua, ha due punti di forza: una passione viscerale per tutto quello che fa e un cast – sempre lo stesso – composto da attori eccentrici e totalmente fuori controllo! Questa originale comitiva, questa armata Brancaleone del cinema di serie Z è in cammino per presentare alcuni dei propri film e, nel mentre, ottimizza i tempi girandone uno durante il viaggio. Ma quanta forza ci vuole per sognare quando fuori scoppiano le bombe? Per più di trent’anni Salim ha cercato incessantemente di esaudire il proprio desiderio di bambino: diventare un creatore di storie in una terra perennemente in guerra che sicuramente non è né Hollywood, né Bollywood. Ma, tutto sommato, ci si può anche accontentare di essere il principe di Nothingwood…


INGRESSO: 8€ / ridotto €6
V.originale con sott. ita.


21.00
PROGRAMMAZIONE

All These Sleepless Nights

di Michal Marczak, Polonia / Regno Unito, 2016, 100 Min.

Tutti noi ci ricordiamo cosa significa avere vent’anni - liberi da responsabilità, convinti di essere immortali, alla continua ricerca di modi per reinventarci.
Il film evoca visceralmente questo sentimento, documentando un’estate a Varsavia di due compagni di classe della scuola d’arte, Kris e Michal, pronti a spingere le loro vite al limite. Chi incontreranno e cosa impareranno sulle relazioni e su loro stessi? Quali dilemmi esistenziali li ostacoleranno?

INGRESSO: €8intero /6€ ridotto
v. o. sot ita.


15.00
PROGRAMMAZIONE

Nothingwood party

Sonia Kronlund, 2017, Francia / Germania, 85 Min

Salim Shaheen fa cinema. Anzi, fa tanto cinema: con oltre 110 film all’attivo, quasi tutti girati nella molteplice veste di regista, produttore e attore, è uno dei più prolifici cineasti dell’Afghanistan. Dalla sua, ha due punti di forza: una passione viscerale per tutto quello che fa e un cast – sempre lo stesso – composto da attori eccentrici e totalmente fuori controllo! Questa originale comitiva, questa armata Brancaleone del cinema di serie Z è in cammino per presentare alcuni dei propri film e, nel mentre, ottimizza i tempi girandone uno durante il viaggio. Ma quanta forza ci vuole per sognare quando fuori scoppiano le bombe? Per più di trent’anni Salim ha cercato incessantemente di esaudire il proprio desiderio di bambino: diventare un creatore di storie in una terra perennemente in guerra che sicuramente non è né Hollywood, né Bollywood. Ma, tutto sommato, ci si può anche accontentare di essere il principe di Nothingwood…


INGRESSO: 8€ / ridotto €6
V.originale con sott. ita.


15.30
UN SECOLO MOLTO ANIMATO - SALETTA MYMOVIES

Gli anni Cinquanta – Super Bunny in orbita!

di Chuck Jones, Phil Monroe, 1979, USA, 93'

Il Museo Novecento e La Compagnia presentano un ciclo di sette incontri dedicati a questa straordinaria forma d’arte: gli appuntamenti offrono l’occasione di scoprire le principali tecniche di animazione ripercorrendo  la storia del cinema dagli esordi fino agli ultimi decenni del XX secolo grazie a una selezione dei più alti risultati raggiunti nella produzione italiana e internazionale.


17.00
PROGRAMMAZIONE

All These Sleepless Nights

di Michal Marczak, Polonia / Regno Unito, 2016, 100 Min.

Tutti noi ci ricordiamo cosa significa avere vent’anni - liberi da responsabilità, convinti di essere immortali, alla continua ricerca di modi per reinventarci.
Il film evoca visceralmente questo sentimento, documentando un’estate a Varsavia di due compagni di classe della scuola d’arte, Kris e Michal, pronti a spingere le loro vite al limite. Chi incontreranno e cosa impareranno sulle relazioni e su loro stessi? Quali dilemmi esistenziali li ostacoleranno?

INGRESSO: €8intero /6€ ridotto
v. o. sot ita.


19.00
PROGRAMMAZIONE

Il senso della bellezza

di Valerio Jalongo, Svizzera, Italia, 75'

Quattro anni dopo la sensazionale scoperta del “Bosone di Higgs”, il CERN è alla vigilia di un nuovo, eccezionale esperimento. L’esperimento è insieme un viaggio nel tempo più lontano e nello spazio più piccolo che possiamo immaginare. Così, l’infinitamente piccolo e la vastità dell’universo schiudono le porte di un territorio invisibile, dove gli scienziati sono guidati da qualcosa che li accomuna agli artisti. Tra scienziati che hanno perso l’immagine della Natura, e artisti che hanno smarrito la tradizionale idea di bellezza, attraverso macchinari che assomigliano a opere d’arte e istallazioni artistiche che assomigliano ad esperimenti, emerge un ritratto di attività scientifiche e artistiche come indagine, come immaginazione, come autentico esercizio di libertà.


Biglietto intero 6€ / ridotto 5€

 


21.00
PROGRAMMAZIONE

Dancer

Steven Cantor, 2016, Gran Bretagna/Russia/Ucraina/USA, 85 Min

Diretto dal regista candidato all’Oscar Steven Cantor, Dancer racconta la vita e la carriera di Sergei Polunin, il James Dean della danza, partendo dalle immagini da bambino, passando per i tanti successi, i tatuaggi, l’amore con Natalia Osipova. Il ballerino più dotato della sua generazione secondo il New York Times, classe 1989, origini ucraine, di quell’est Europa dove la danza classica è più popolare del calcio anche tra i ragazzi, Polunin si colloca suo malgrado come diretto discendente del terzo millennio di quella stirpe di geniali, sensuali, mefistofelici danzatori che partendo da Nijinsky e passando per Nureyev, ha infiammato i palcoscenici dei teatri, i cuori di milioni di fan e le riviste di gossip ai livelli delle rockstar. Realizzato in quattro anni durante i quali la produzione ha seguito Polunin nei suoi molteplici spostamenti, è stato nominato come miglior documentario ai British Independent Film Awards 2016. Il fotografo e artista David LaChapelle, autore del video di Take Me to.