Vai al contenuto
Maggio 2024
  • mercoledì

    22/05/2024

  • giovedì

    23/05/2024

  • venerdì

    24/05/2024

  • sabato

    25/05/2024

  • domenica

    26/05/2024

  • lunedì

    27/05/2024

  • martedì

    28/05/2024


17:00
FILMOPERA 2024

Avanti a lui tremava tutta Roma

di Carmine Gallone, 1945, Italia, 98′ – in italiano

INGRESSO: intero 4€, ridotto 3€

Il mestiere di Carmine Gallone, maestro incontrastato del cinema popolare dell’epoca, il più quotato esponente del film-opera e affini, genere che furoreggiò nell’Italia del secondo dopoguerra, non si fa distrarre dal potenziale extra musicale, fortemente legato al momento storico in cui il film fu girato (siamo nel 1946, le macerie del conflitto sono ancora fumanti, la nuova Italia repubblicana è ancora in fasce) e imbastisce un melodramma in piena regola, tormentato e avvincente, salutato da un plausibile happy end e da una clamorosa accoglienza al botteghino che coi suoi 156 milioni si piazza al quinto posto fra gli incassi della stagione 1946-47. Ma se al pubblico piace la critica lo stronca. Però se è vero che il risultato è “approssimativo” lo spunto narrativo è a suo modo geniale. La gelosia di Ada (Anna Magnani, la pasionaria Anna) fa involontariamente scoprire alla Gestapo che Marco (Sinimberghi), il tenore con cui deve interpretare Tosca all’Opera di Roma, davanti ai generali del Reich, nasconde un soldato inglese nella sua villa. Alla fine della recita i tedeschi vorrebbero arrestarli ma i macchinisti del teatro (core de Roma) si mettono in mezzo e li aiutano a fuggire attraverso una botola del palcoscenico mentre già si sentono arrivare gli americani. Sintetizza il Mereghetti: “Curiosa ‘opera parallela’ (il sottogenere più potenzialmente cinematografico, immaginifico e competitivo, ndr) che aggiorna situazioni e personaggi di Puccini in una sorta di rilettura popolare dei temi della resistenza antinazista”. La vicenda si svolge a cavallo del 4 giugno 1944 quando la Città eterna fu liberata. Gallone risveglia, attraverso il filtro del melodramma, il sentimento e le passioni di un paese che assapora le prime sorsate di libertà. Se Tito Gobbi canta da par suo come Cavaradossi alla Magnani che fa Tosca presta la voce Renata Tebaldi. (G.Rizza)

Interpreti: Anna Magnani, Tito Gobbi, Gino Sinimberghi, Hans Hinrich, Edda Albertini, Ave Ninchi, Carlo Duse, Tino Scotti.
Introduce il critico Gabriele Rizza


19:00
LA COMPAGNIA CULT – I CAPOLAVORI DEL XX SECOLO

Baby Face

di A. E. Green, USA, 1933, 71’ - v.o. sott. ita

INGRESSO: 5€ intero/4€ ridotto

La carriera senza scrupoli di una giovane donna dei bassifondi che riesce con la seduzione e l’inganno a scalare tutti i piani di un istituto bancario. Baby Face, uno dei titoli di punta nella carriera di Barbara Stanwyck, è tra i primi ritratti di donna spietata che divennero il tratto distintivo dell’attrice e uno dei film scandalo che portarono al
codice Hays, il codice di autocensura dei produttori fortemente voluto dalle associazioni cattoliche d’America.


21:00
SGUARDI DISTORTI, CORPI INQUIETI – IL CINEMA DI CRONENBERG

La promessa dell’assassino

di David Cronenberg, Canada, UK, USA, 2007, 100’ - v.o. sot. ita

INGRESSO: 6€ /5€ ridotto

Anna Chitrova è un'ostetrica inglese di origine russa, che svolge la sua professione a Londra. Presso la sua clinica assiste alla tragica morte di una quattordicenne, avvenuta dopo aver dato alla luce una bambina. L’identità della giovanissima madre è ignota e Anna cerca di scoprirla tramite il diario che questa ha lasciato. Tra le sue pagine trova un biglietto di un ristorante chiamato Trans-Siberian, dove si reca per cercare notizie. Il ristorante è gestito dal cordiale Semën: un anziano apparentemente cordiale e innocuo, che si rivela essere invece un uomo estremamente pericoloso.

 

 


19:00
IN CAMPO – TRE DOCUMENTARI SUL CALCIO E SUL MONDO CHE GLI GIRA ATTORNO

Copa 71

di James Erskine, Rachel Ramsay, UK, 2023, 90' - v.o. sott. ita

INGRESSO: 6€ intero / 5€ ridotto / 3€ con tessera Firenze al Cinema (sugli spettacoli segnalati nella newsletter di Firenze al Cinema) e abbonati L’Ultimo Uomo

È l’agosto 1971. Le nazionali di Inghilterra, Argentina, Messico, Francia, Danimarca e Italia si ritrovano nell’assolato stadio Azteca di Città del Messico. La portata del torneo è monumentale: sponsor sontuosi, ampia copertura televisiva, merchandising a ogni angolo di strada e folle di oltre 100.000 tifosi scatenati che partita dopo partita trasformano il mitico stadio in un inferno. I media sono in adorazione e l’atmosfera evoca i più grandi momenti della storia del calcio internazionale. Ma questo torneo è diverso da tutti i precedenti: in campo sono tutte donne, e probabilmente non ne avrete mai sentito parlare. È l’incredibile storia di Copa 71, la prima Coppa del Mondo femminile non ufficiale. Disconosciuto dalla FIFA e da tutte le federazioni calcistiche nazionali, il torneo è stato completamente cancellato dalla storia. Fino a oggi.


21:30
PROGRAMMAZIONE

Chien de la casse

di Jean-Baptiste Durand, 2023, Francia, 93' - v.o. francese sott. ita

INGRESSO: 6€ intero / 5€ ridotto

In un villaggio del Sud della Francia, Dog e Mirales, due inseparabili amici d’infanzia, trascorrono la maggior parte del tempo vagando per le vie del borgo. Per ammazzare il tempo, Mirales ha preso l’abitudine di prendere in giro Dog più del dovuto. Quando una ragazza, Elsa, arriva nel villaggio e nasce una storia d’amore con Dog, la loro amicizia viene messa a dura prova. Mirales, tormentato dalla gelosia, dovrà liberarsi del suo passato per crescere e finalmente trovare il suo posto.


15:00
LA COMPAGNIA CULT – I CAPOLAVORI DEL XX SECOLO

Seduto alla sua destra

di Valerio Zurlini, Italia 1968, 88’

INGRESSO: 5€ intero/4€ ridotto

Gli ultimi giorni di vita di un leader politico africano, arrestato dalla polizia militare sotto falsi pretesti. L’uomo si rifiuta di firmare il documento che imporrebbe con il suo beneplacito il totale disarmo della popolazione. Vagamente ispirato alla tragica figura del leader democratico congolese Patrice Lumumba, l’affascinante film di Zurlini, sparito da decenni, viene ora ripresentato al pubblico per la prima volta.


17:00
PROGRAMMAZIONE

Il mio amico robot

di Pablo Berger, Spagna, Francia, 2023, 90' - v.o. senza dialoghi

INGRESSO: 6€ intero / 5€ ridotto / 4€ con tessera Firenze al Cinema (sugli spettacoli segnalati nella newsletter di Firenze al Cinema)

Tra i lungometraggi animati più belli, innovativi e audaci degli ultimi anni Il mio amico robot racconta la storia di DOG, che vive a Manhattan e, stanco di stare sempre solo, decide di costruirsi un robot. Sulle note degli Earth, Wind and Fire e della travolgente musica newyorkese degli anni Ottanta, la loro amicizia sboccia e si fa sempre più profonda. Finché una sera d’estate DOG si trova costretto ad abbandonare ROBOT sulla spiaggia. Riusciranno i due amici a ritrovarsi?


19:00
PROGRAMMAZIONE

L’odio

di Mathieu Kassovitz, 1995, Francia, 98' - v.o. sott. ita

INGRESSO: 6€ intero / 5€ ridotto

Ventiquattr’ore nella vita di Vinz, Hubert e Saïd, tre amici della banlieue parigina all’indomani degli scontri tra forze dell’ordine e civili dopo i quali un ragazzo del quartiere, Abdel, si ritrova in fin di vita a causa dei soprusi violenti della polizia. I tre, carichi di rabbia e con una pistola tra le mani, meditano su come vendicarsi. Tre protagonisti dai caratteri opposti, tre modi di affrontare la vita, tre modi di essere incazzati e una sempre personalissima idea di rivalsa. Una vicenda che ancora oggi è cronaca quasi quotidiana, raccontata in modo tanto accattivante da ricevere il premio per la miglior regia al Festival di Cannes nel 1995 e diventare punto di riferimento della cultura urban da lì a venire.


21:00
EVENTO SPECIALE

Amarcord

di Federico Fellini, Italia,1973, 127' - v.o. cinese sott. ita

INGRESSO: unico 5€

Il capolavoro di Federico Fellini torna eccezionalmente in lingua originale sottotitolata in cinese, in collaborazione con YFCA.

In quest’opera senza tempo, il regista ricorda gli anni della sua infanzia (gli anni Trenta) al suo paese. Amarcord infatti, in dialetto romagnolo, significa “mi ricordo” e il film ripercorre il quotidiano di quel tempo: le parate fasciste, la scuola, la ragazza “che va con tutti”, la prostituta sentimentale, la visita dell’emiro dalle cento mogli, lo zio perdigiorno che si fa mantenere, la Mille Miglia, il papà antifascista che si fa riempire d’olio di ricino, il paese intero che in mare, sotto la luna, attende il passaggio del transatlantico Rex.
Un film che sa incantare con colori, sensazioni e sogni a occhi aperti.


15:00
PROGRAMMAZIONE

L’odio

di Mathieu Kassovitz, 1995, Francia, 98' - v.o. sott. ita

INGRESSO: 6€ intero / 5€ ridotto

Ventiquattr’ore nella vita di Vinz, Hubert e Saïd, tre amici della banlieue parigina all’indomani degli scontri tra forze dell’ordine e civili dopo i quali un ragazzo del quartiere, Abdel, si ritrova in fin di vita a causa dei soprusi violenti della polizia. I tre, carichi di rabbia e con una pistola tra le mani, meditano su come vendicarsi. Tre protagonisti dai caratteri opposti, tre modi di affrontare la vita, tre modi di essere incazzati e una sempre personalissima idea di rivalsa. Una vicenda che ancora oggi è cronaca quasi quotidiana, raccontata in modo tanto accattivante da ricevere il premio per la miglior regia al Festival di Cannes nel 1995 e diventare punto di riferimento della cultura urban da lì a venire.


17:00
PROGRAMMAZIONE

L’odio

di Mathieu Kassovitz, 1995, Francia, 98' - v.o. sott. ita

INGRESSO: 6€ intero / 5€ ridotto

Ventiquattr’ore nella vita di Vinz, Hubert e Saïd, tre amici della banlieue parigina all’indomani degli scontri tra forze dell’ordine e civili dopo i quali un ragazzo del quartiere, Abdel, si ritrova in fin di vita a causa dei soprusi violenti della polizia. I tre, carichi di rabbia e con una pistola tra le mani, meditano su come vendicarsi. Tre protagonisti dai caratteri opposti, tre modi di affrontare la vita, tre modi di essere incazzati e una sempre personalissima idea di rivalsa. Una vicenda che ancora oggi è cronaca quasi quotidiana, raccontata in modo tanto accattivante da ricevere il premio per la miglior regia al Festival di Cannes nel 1995 e diventare punto di riferimento della cultura urban da lì a venire.


19:00
PROGRAMMAZIONE

Chien de la casse

di Jean-Baptiste Durand, 2023, Francia, 93' - v.o. francese sott. ita

INGRESSO: 6€ intero / 5€ ridotto

In un villaggio del Sud della Francia, Dog e Mirales, due inseparabili amici d’infanzia, trascorrono la maggior parte del tempo vagando per le vie del borgo. Per ammazzare il tempo, Mirales ha preso l’abitudine di prendere in giro Dog più del dovuto. Quando una ragazza, Elsa, arriva nel villaggio e nasce una storia d’amore con Dog, la loro amicizia viene messa a dura prova. Mirales, tormentato dalla gelosia, dovrà liberarsi del suo passato per crescere e finalmente trovare il suo posto.


21:00
EVENTO SPECIALE

Apnea

di S. Poggioni, C. Cataldi, E. Poggioni, italia, 2023, 63', documentario

INGRESSO LIBERO

Le voci di 14 migranti che lasciano le loro case, attraversano la Libia e raggiungono l'Italia dopo aver attraversato il Mar Mediterraneo, si mescolano in un'unica storia, rappresentando migliaia di altre storie affondate in fondo al mare.

A cura di Oxfam Italia


17:00
PROGRAMMAZIONE

Chien de la casse

di Jean-Baptiste Durand, 2023, Francia, 93' - v.o. francese sott. ita

INGRESSO: 6€ intero / 5€ ridotto

In un villaggio del Sud della Francia, Dog e Mirales, due inseparabili amici d’infanzia, trascorrono la maggior parte del tempo vagando per le vie del borgo. Per ammazzare il tempo, Mirales ha preso l’abitudine di prendere in giro Dog più del dovuto. Quando una ragazza, Elsa, arriva nel villaggio e nasce una storia d’amore con Dog, la loro amicizia viene messa a dura prova. Mirales, tormentato dalla gelosia, dovrà liberarsi del suo passato per crescere e finalmente trovare il suo posto.


17:00
PROGRAMMAZIONE

L’odio

di Mathieu Kassovitz, 1995, Francia, 98' - v.o. sott. ita

INGRESSO: 6€ intero / 5€ ridotto

Ventiquattr’ore nella vita di Vinz, Hubert e Saïd, tre amici della banlieue parigina all’indomani degli scontri tra forze dell’ordine e civili dopo i quali un ragazzo del quartiere, Abdel, si ritrova in fin di vita a causa dei soprusi violenti della polizia. I tre, carichi di rabbia e con una pistola tra le mani, meditano su come vendicarsi. Tre protagonisti dai caratteri opposti, tre modi di affrontare la vita, tre modi di essere incazzati e una sempre personalissima idea di rivalsa. Una vicenda che ancora oggi è cronaca quasi quotidiana, raccontata in modo tanto accattivante da ricevere il premio per la miglior regia al Festival di Cannes nel 1995 e diventare punto di riferimento della cultura urban da lì a venire.


21:00
ELLE ACTIVE GETTING GREENER 2024

Food For Profit

di Paolo D'Ambrosi, Giulia Innocenzi, Italia, 2024, 90'

INGRESSO LIBERO su iscrizione e fino a esaurimento posti.

 

Proiezione del film documentario con introduzione a cura di Elle.

Il primo documentario che mostra il filo che lega l’industria della carne, le lobby e il potere politico. Al centro ci sono i miliardi di euro che l’Europa destina agli allevamenti intensivi, che maltrattano gli animali, inquinano l’ambiente e rappresentano un pericolo per future pandemie. In questo documentario investigativo con approccio cinematografico, Giulia Innocenzi e Pablo D’Ambrosi ci guidano in un viaggio illuminante e scioccante in giro per l’Europa, dove si confronteranno con allevatori, multinazionali e politici.
Con loro una squadra di investigatori che ha lavorato sotto copertura negli allevamenti dei principali paesi europei, svelando la realtà che si cela dietro le eccellenze della produzione di carne e formaggio. A Bruxelles, un lobbista è riuscito a portare con sé una telecamera nascosta là dove le decisioni vengono prese, raccogliendo informazioni sconvolgenti.


Tutto il giorno
ELLE ACTIVE GETTING GREENER 2024

Forum – Invertiamo la rotta

Accesso gratuito su iscrizione e fino a esaurimento posti.

Ore 10.00 / 20.30

Talk, interviste e tavole rotonde moderati dalla redazione di Elle.