09 Luglio-07 Agosto 2021

Le donne nell’arte

Sei documentari per celebrare l’arte al femminile e onorare sei grandi artiste del passato e del presente, dalle pitture di Artemisia Gentileschi fino alle performance provocatorie di Marina Abramović.

Ad Apriti Cinema, una rassegna di sei titoli dedicati a grandi artiste, con particolare attenzione al contemporaneo. Pippa Bacca, Carmengloria Morales, Kusama, Marina Abramović, Peggy Guggenheim e Artemisia Gentileschi sono protagoniste assolute della storia dell’arte, che si tratti di pittura, performance, scultura o collezionismo; con le loro opere, di cui i loro corpi sono spesso parte integrante, hanno riflettuto sul senso di comunità, sulla fratellanza, sulle perverse logiche sociali e sul ruolo della donna all’interno del mondo (non solo dell’arte). A partire dal 9 luglio le loro storie risuoneranno nel cortile degli Uffizi, museo che ospita uno dei dipinti più celebri proprio di Artemisia Gentileschi,Giuditta decapita Oloferne (1620 ca.).


D’ora in poi non devi più prenotare il tuo posto in arena!

L’accesso è ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.
A chi si fosse prenotato online precedentemente ricordiamo che il posto assegnato è comunque garantito. 


programma

VENERDÌ 9 LUGLIO ● ore 21.30

SONO INNAMORATO DI PIPPA BACCA
di Simone Manetti, Italia/Turchia, 2019, 76’, v.o. ita

Un viaggio fino a Gerusalemme attraverso i paesi sconvolti dalle guerre. 6000 km da percorrere in autostop, per celebrare il matrimonio tra i popoli e dimostrare che dando fiducia al prossimo si riceve solo bene. Questo era l’intento di Pippa Bacca e Silvia Moro, quando l’8 marzo del 2008, sono partite da Milano con l’obiettivo di mettere in scena una performance nel segno della pace. Il film è il racconto di questo straordinario viaggio che fu interrotto 23 giorni dopo il suo inizio in modo tragico e straziante.


DOMENICA 1 AGOSTO ● ore 21.30

ENTIERRO
di Maura Morales Bergmann, Italia/Cile, 2019, 67’ v.o. sott. ita

Manuela Martelli, attrice cilena con origini italiane, è la narratrice di un viaggio alla scoperta della pittrice cilena Carmengloria Morales. Mossa da curiosità personale verso un’artista compatriota inizia a viaggiare sulle sue tracce, dopo aver scoperto il materiale di un documentario interrotto di nome Destierro. L’artista sembra essere svanita nel nulla, e con lei tutto quello che riguarda la sua vita, dopo che un incendio le ha portato via la casa e tutti i suoi averi.


LUNEDÌ 2 AGOSTO ● ore 21.30

KUSAMA: INFINITY
di Heather Lenz, USA, 2018, 76’, v.o. sott. ita

Yayoi Kusama ha quasi 90 anni. Dopo 30 anni vissuti in un istituto psichiatrico in Giappone – fin da bambina soffre di allucinazioni, manie ossessive-compulsive e depressione – e dopo almeno un ventennio di anonimato, l’artista giapponese è oggi considerata una delle maggiori figure della scena contemporanea mondiale. Il film si sviluppa tra le interviste agli amici, ai collaboratori, agli studiosi e colleghi del mondo dell’arte, e contiene numerosi estratti dal suo diario e dalle sue lettere, comprese quelle che da giovanissima inviò alla grande artista americana Georgia O’Keeffe.


MERCOLEDÌ 4 AGOSTO ● ore 21.30

ARTEMISIA GENTILESCHI, PITTRICE GUERRIERA
di Jordan River, Italia, 2020, 60′, v.o. ita sott. ing

Nel 1618, a 23 anni, Artemisia Gentileschi è la prima donna a essere ammessa in un’Accademia di disegno. Artemisia è stata inoltre la prima donna artista italiana ad avere una carriera internazionale. Stringe importanti contatti con i maggiori ingegni dell’epoca, tra cui Caravaggio. Il documentario ripercorre tutta la vita dell’artista, simbolo del femminismo mondiale per il suo carattere e la strenua difesa della propria dignità professionale, che emergono dalla corrispondenza con collezionisti e personalità dell’epoca, tra cui
Galileo Galilei.


VENERDÌ 6 AGOSTO ● ore 21.30

PEGGY GUGGENHEIM: ART ADDICT
di Lisa Immordino Vreeland, USA, 2015, 80’, v.o. sott. ita

Erede delle ricchissime famiglie Guggenheim e Seligman, Peggy Guggenheim (1898-1979), nei suoi avventurosi ottantuno anni, vissuti a cavallo tra Stati Uniti ed Europa, ha frequentato e supportato (quando non rivelato al mondo, come nel caso di Jackson Pollock) svariati artisti e intellettuali: Man Ray, Costantin Brancusi, Salvador Dalì, Pablo Picasso, Jean Cocteau, Samuel Beckett, Vasilij Kandinskij, Pete Mondrian e Alexander Calder.


SABATO 7 AGOSTO ● ore 21.30

THE SPACE IN BETWEEN: MARINA ABRAMOVIĆ AND BRAZIL
di Marco Del Fiol, Brasile, 2016, 97′, v.o. sott. ita

In viaggio in Brasile alla ricerca di nuovi stimoli creativi, Marina Abramović, pioniera della performance art, intraprende un percorso di guarigione spirituale. Tra cerimonie di purificazione e trip psichedelici, Marina riflette sulle affinità tra performance artistiche e rituali e si mette totalmente a nudo, in un tragitto anche interiore nei meandri del suo passato difficile. Un film autenticamente “in between”, sospeso tra arte e vita, tra road movie e spiritual thriller, tra diario intimo e osservazione antropologica.

FacebookTwitterWhatsAppEmail

SPETTACOLI | VAI AL PROGRAMMA

VENERDÌ 9 LUGLIO ● ore 21.30 // SONO INNAMORATO DI PIPPA BACCA
DOMENICA 1 AGOSTO ● ore 21.30 // ENTIERRO
LUNEDÌ 2 AGOSTO ● ore 21.30 // KUSAMA: INFINITY
MERCOLEDÌ 4 AGOSTO ● ore 21.30 // ARTEMISIA GENTILESCHI, PITTRICE GUERRIERA
VENERDÌ 6 AGOSTO ● ore 21.30 // PEGGY GUGGENHEIN: ART ADDICT
SABATO 7 AGOSTO ● ore 21.30 // THE SPACE IN BETWEEN: MARINA ABRAMOVIĆ AND BRAZIL