aprile 2018
  • domenica

    08/04/2018

  • lunedì

    09/04/2018

  • martedì

    10/04/2018

  • mercoledì

    11/04/2018

  • giovedì

    12/04/2018

  • venerdì

    13/04/2018

  • sabato

    14/04/2018


15.00
PROGRAMMAZIONE

Caravaggio – L’anima e il sangue

Jesus Garces Lambert, Italia 2018 90'

Artista geniale contraddittorio, che più di ogni altro ha raccolto in sé luci e ombre, genio e sregolatezza, generando opere sublimi. Un excursus narrativo e visivo attraverso i luoghi in cui l’artista ha vissuto e quelli che ancora oggi custodiscono alcune tra le sue opere più note: Milano, Firenze, Roma, Napoli e Malta. Con interventi di esperti come il prof. Claudio, la prof.ssa Mina Gregori e la dott.ssa Rossella Vodret. La voce dell’io interiore di Caravaggio è quella di Manuel Agnelli, che traduce il moto continuo degli stati d’animo dell’artista, riproducendo le sfumature del suo carattere, aiutando lo spettatore ad entrare in contatto con il suo animo e la sua mente.

Una delle prime produzioni in Italia realizzate in 8K.


17.00
PROGRAMMAZIONE

My Generation

di David Batty, 2017, Gran Bretagna, 85 Min.

Basato su racconti personali e su splendide riprese d'archivio, questo documentario vede Caine viaggiare nel tempo e dialogare con i Beatles, Twiggy, David Bailey, Mary Quant, i Rolling Stones, David Hockney e altre celebrità. Il film è stato meticolosamente assemblato negli ultimi sei anni e racconta la nascita della cultura pop a Londra attraverso gli occhi del giovane Michael Caine: “Per la prima volta nella storia, i giovani della classe operaia lottavano per se stessi e dicevano: siamo qui, questa società è anche nostra e non vogliamo andarcene!”. My Generation integra l’audio delle conversazioni di Caine con le altre celebrità con materiale inedito d’archivio per riportare il pubblico nel cuore degli anni sessanta. In una struggente sequenza, vediamo Caine guidare nella Piccadilly Circus di oggi in sovrapposizione a riprese originali degli anni sessanta, a creare un singolare effetto di viaggio nel tempo.
Distribuito da I WONDER Pictures.


INGRESSO: Intero 8€/ ridotto €6
v.o. inglese sot ita.


19.00
PROGRAMMAZIONE

Caravaggio – L’anima e il sangue

Jesus Garces Lambert, Italia 2018 90'

Artista geniale contraddittorio, che più di ogni altro ha raccolto in sé luci e ombre, genio e sregolatezza, generando opere sublimi. Un excursus narrativo e visivo attraverso i luoghi in cui l’artista ha vissuto e quelli che ancora oggi custodiscono alcune tra le sue opere più note: Milano, Firenze, Roma, Napoli e Malta. Con interventi di esperti come il prof. Claudio, la prof.ssa Mina Gregori e la dott.ssa Rossella Vodret. La voce dell’io interiore di Caravaggio è quella di Manuel Agnelli, che traduce il moto continuo degli stati d’animo dell’artista, riproducendo le sfumature del suo carattere, aiutando lo spettatore ad entrare in contatto con il suo animo e la sua mente.

Una delle prime produzioni in Italia realizzate in 8K.


21.00
PROGRAMMAZIONE

Rumble – Il grande spirito del rock

Catherine Bainbridge, Alfonso Maiorana, Canada 2017, 103'

SII FIERO DI ESSERE UN INDIANO, MA ATTENTO A CHI LO RACCONTI
Che ruolo hanno avuto i nativi americani nella storia della musica popolare? Due registi canadesi, Catherine Bainbridge e Alfonso Maiorana, ricostruiscono le vite di alcune delle figure più rilevanti della scena rock legate da una comune appartenenza alle tradizioni dei “pellerossa”. Da Jimi Hendrix, nelle cui vene scorreva sangue Cherokee, a Link Wray senza il quale probabilmente non avremmo avuto il garage rock, il punk e, soprattutto, il titolo del documentario. Super premiato in America – Miglior documentario canadese e Miglior documentario a Hot Docs e World Cinema Award al Sundance – ha stupito anche il pubblico italiano del Biografilm che gli ha conferito il Biografic Music Award.

Rumble non racconta solo la storia di rockstar che hanno parentele con qualche tribù di nativi americani – tra questi Jimi Hendrix e il bluesman Charley Patton – ma prova a tracciare un percorso che valorizzi il contributo degli indiani d’America all’evoluzione della musica statunitense. Fino ad affascinanti quanto improbabili tentativi di riscontrare queste origini nel blues di New Orleans. (Emanuele Sacchi, Mymovies.it)


21.00
MIDDLE EAST NOW 2018

The Best Life – Apertura festival

di Meqdad Al-Kout (Kuwait, 2016, 6’) v.o: arabo, sottotitoli: inglese, italiano

Durante la giornata un uomo è incollato allo smartphone per seguire la sua guru del mondo virtuale, e al contempo cerca di sopportare la sua routine quotidiana. “The Best Life” offre uno spaccato divertente sull’ossessione contemporanea dell’essere connessi.
Over the course of a day, a man is glued to his smartphone, following his favorite social-media celebrity guru as he tries to cope with his mundane routine. “The Best Life” is an amusing take on the contemporary obsession for online living. Anteprima Europea, alla presenza del regista.

Con la partecipazione dell'attrice Laura Croce che leggerà brani del poeta palestinese Mahmoud Darwish.


A seguire
MIDDLE EAST NOW 2018

Wajib

di Annemarie Jacir (Palestina, Francia, Germany, Colombia, Norway, Qatar, United Arab Emirates 2017, 96’) v.o: arabo, sottotitoli: inglese, italiano

Shadi, suo figlio architetto, arriva da Roma dopo anni di assenza, per aiutare suo padre a onorare il suo “wajib”: consegnare a mano le partecipazioni al matrimonio di sua sorella, secondo la tradizione palestinese. Quando padre e figlio, ormai estranei, passeranno la giornata assieme, le tensioni del loro rapporto riaffioreranno, mettendo a dura prova le loro vite così diverse.
Abu Shadi is a divorced father and a school teacher in his mid-60s living in Nazareth. Shadi, his architect son, arrives from Rome after years abroad to help his father in hand delivering the wedding invitations as per local Palestinian custom (‘wajib’). As the estranged pair spend the day together, the tense details of their relationship come to a head challenging their fragile and very different lives.

Anteprima italiana alla presenza della regista, dell’attore protagonista Saleh Bakri e del produttore Ossama Bawardi.


16.15
MIDDLE EAST NOW 2018

Sans Bruit, Les Figurants du Desert

di COLLECTIF MML (Michał Mądracki, Maciej Mądracki, Gilles Lepore) durata 64', v.o: arabo, berbero, inglese, francese, sottotitoli: inglese, italiano

Alle porte del deserto, nel sud del Marocco, c’è la piccola città di Ouarzazate, dove il cinema (“l’occhio dell’Ovest”) e la cultura del luogo condividono una storia comune da più di un secolo. La gente del deserto, ora, è la gente del cinema, e i confini tra realtà e finzione si confondono.
At the doors of the desert, in the south of Morocco lies a small town Ouarzazate, where the cinema – “the Western eye” – and the native culture share an over century-long mutual history. Borders between fiction and reality fade away. People of the desert are now the people of the cinema.
Anteprima italiana, presenta Michele Galardini, critico cinematografico.


17.30
MIDDLE EAST NOW 2018

Will Go With the Wind

di Hassan Ahmadi (Iran, 2017, 19’) v.o: persiano, sottotitoli: inglese, italiano

Uscito dal prigione dopo anni, un uomo scopre che sua moglie ha dato alla luce una figlia. Suo cognato vorrebbe che la prendesse, ma lui nega la propria paternità.
Released from prison after years, a man finds out that his wife has given to birth a baby. His brother-in-law wants to give him the baby, but he denies the fatherhood.
Anteprima mondiale


A seguire
MIDDLE EAST NOW 2018

20th Suspect Circuit

di Hesam Eslami (Iran, 2017, 90’) v.o.: persiano, sottotitoli: inglese, italiano

Un’improbabile amicizia si instaura tra il regista ed Ehsan, il capo di una gang criminale giovanile iraniana che tenta di rubare la sua auto. Nei sei anni successivi, il regista segue la gang nelle loro scatenate scorribande per le strade di Teheran, mentre cercano di rubare auto, fare rapine e scontrarsi con le altre bande.
An unlikely friendship between the director and Ehsan, the leader of the Iranian youth gang that breaks into his car. Over the next six years, the director follows the gang in this gritty, nail-biting ride as they run wild in the streets of Tehran, breaking into cars, committing robberies and fighting in the streets. 

Anteprima italiana, alla presenza del regista


19.30
MIDDLE EAST NOW 2018

Il punto delle 19:30

#SYRIA: raccontare la vita nonostante la guerra

A sette anni dall’inizio di una drammica guerra, tutt’ora in atto, il festival vuole dare voce a chi con il suo lavoro racconta le realtà della popolazione siriana, oltre i sentimentalismi mediatici e gli equilibri geopolitici. In un dibattito aperto al pubblico, intervegono Talal Derki, regista del film “Of Fathers and Sons”, Emad Najm Husso, fotografo e attivista, Mohammed Albakkar, portavoce dell’Aleppo Media Center (AMC), e Filippo Mancini, coordinatore del progetto fotografico Life in Syria.

 Modera l’incontro Giuseppe Alizzi, autore del libro Sham Sham e profondo conoscitore di Siria.


20.45
MIDDLE EAST NOW 2018

The Day we Left Aleppo

di Hassan Kattan (Aleppo Media Center) (Siria, 2018, 9’) v.o: arabo, sottotitoli: inglese, italiano

Saleh ha 26 anni e Marwa 24, entrambi adorano Aleppo. Il film racconta la storia dolorosa dell’ultimo giorno trascorso nella loro città, prima di essere costretti a lasciarla. Tanta sofferenza e stanchezza, ma anche tanto amore a unirli in questo giorno così difficile.
Saleh and Marwa love Aleppo. They tell their painful story on their last day in Aleppo. The amount of suffering and fatigue matched by the amount of love that brings them together and this very difficult day. It is the story of love in wartime.

Anteprima Europea


A seguire
MIDDLE EAST NOW 2018

Of Fathers and Sons

di Talal Derki (Germania, Siria, Libano, Qatar, 2017, 98’ ) v.o: arabo , sottotitoli: inglese, italiano

Il regista siriano Talal Derki, che sconvolse il mondo con il suo Return to Homs, torna in patria stavolta fingendosi un fotoreporter filo-jihadista che realizza un documentario sull’ascesa del califfato. Il risultato è un ritratto crudo e senza filtri del generale Abu Osama – leader islamista radicale di Al-Nusra, braccio siriano di Al-Qaeda – e del branco di giovani ragazzi che lo idolatra. Il loro capo è il figlio di Osama – che si chiama come l’eroe personale di papà, Osama bin Laden – e il film segue la loro crescita in un campo di addestramento.
Syrian director Talal Derki returns to his homeland where he gains the trust of a radical Islamist family, sharing their daily life for over two years. His camera focuses on Osama and his younger brother Ayman, providing an extremely rare insight into what it means to grow up in an Islamic Caliphate.
Anteprima italiana alla presenza del regista, introduce Giuseppe Alizzi autore del libro Sham Sham e profondo conoscitore di Siria.


17.00
MIDDLE EAST NOW 2018

Focus sul Kuwait

Selezione di cortometraggi di giovani registi

The Best Life di Meqdad Al-Kout
(Kuwait, 2016, 6’) v.o: arabo, sottotitoli: inglese, italiano

Men’s Barbershop di Mishal Al Hulail
(Kuwait, 2012, 14’) v.o: arabo, sottotitoli: inglese, italiano

Our Neighbor Bu Hamad di Meshal Alhulail
(Kuwait, 2017, 33’) v.o: arabo, sottotitoli: inglese, italiano

Sandarah di Yousef Al Bagshi
(Kuwait, 2014, 7’) no dialoghi


18.15
MIDDLE EAST NOW 2018

Palestinian, Us first

di Moran Ifergan (Israele, 2017, 70’) v.o: arabo, sottotitoli: inglese, italiano

La regista segue tre giovani – Firas Khoury, Khader Abu-Seif e Bissan Tibi, della terza generazione dalla Naqba – che accettano di farla entrare nelle loro vite con la macchina da presa, parlando direttamente, senza filtri, della loro complessa identità all’interno della società israeliana in cui vivono, sotto occupazione. Tre voci di  giovani palestinesi che non hanno paura di alzare la testa ed esprimere il loro punto di vista, su ipocrisie, razzismo, violenze, fallimenti, come in uno scomodo specchio.
The film follows three young Palestinians, all three are third generation of the Naqba, and agreed to let the director into their homes with her camera. They speak directly, without boundaries, about their complex identity inside the divided Jewish society in Israel, which they are forced to be a part of, under occupation.
Anteprima europea alla presenza della regista, introduce Marcella Simoni (docente Università di Venezia)


19.30
MIDDLE EAST NOW 2018

Il punto delle 19:30

#FOOD #SYRIA: Presentazione del libro “OUR SYRIA. RECIPES FROM HOME”

Una raccolta di ricette della cucina siriana tradizionale, dal kibbeh al kebab di amarena, ma non solo un libro di cucina. Piuttosto una ricerca di storie e tradizioni, un generoso ed intimo racconto di resilienza, di donne che ripartono dalla cucina per dimenticare la paura, per ricominciare altrove, per lottare con pentole e padelle contro la distruzione della loro case e della loro cultura.
Conversazione con Silvia Chiarantini (esperta di cucina mediorientale, autrice del libro “Pop Palestine”)


20.00
middle east now 2018

INSTAFOOD: quello che piace alla rete

# EATING MIDDLE EAST – Aperitivo

Dalla rete al piatto: un viaggio gastronomico attraverso i piatti che popolano i social networks, instagram, facebook, google. Una selezione delle ricette del Medio oriente più ricercate in rete, dei piatti più fotografati, di quelli più amati dai follower.
A cura del Ristorante La Valle dei Cedri
Degustazione + proiezione del film a seguire: 15 euro
Prenotazione con prevendita direttamente alla cassa del Cinema La Compagnia
Per informazioni: info@middleastnow.it


20.45
middle east now 2018

Kurdistan TV SPOT

di Mohammed Sina (durata tot 7’)

Selezione di 6 spot pubblicitari girati per la TV in Kurdistan a tema culinary e con un pizzico di ironia!
Traditional Tea House, Azad Rice, Altunsa Milk, Cihan Tea, Cihan Rice, Cihan Rice – Backstage


A seguire
Middle East Now 2018

Soufra

di Thomas A. Morgan (USA, Libano, 2017, 73’) v.o: arabo, sottotitoli: inglese, italiano

Soufra racconta l’avventura avvincente di un’imprenditrice sociale, Mariam Shaar, rifugiata palestinese che ha trascorso tutta la sua vita nel campo profughi di Burl El Barajneh in Libano. Nonostante il suo status di rifugiata, per questo esclusa dai lavori migliori a Beirut, Mariam assieme a un gruppo di donne gestisce con successo la società di catering Soufra (“tavolo pieno di delizie” in arabo), e lotta per espandere le attività al di fuori del campo grazie all’acquisto di un food truck.
Soufra follows the story of intrepid social entrepreneur, Mariam Shaar – a refugee who has spent her entire life in the Burl El Barajneh refugee camp in Lebanon. The film follows Mariam and a team of refugee women who set out to change their fate by launching a catering company, “Soufra”. Together, they heal the wounds of war through the unifying power of food while taking their future into their own hands.
Anteprima Italiana alla presenza del regista, introduce Silvia Chiarantini esperta di cucina Middle East


22.15
middle east now 2018

Life Sometimes

di Cem Hakverdi (Turchia, 2017, 85’) v.o: turco , sottotitoli: inglese, italiano

La vita in città è dura. Gli abitanti delle città di tutto il mondo sognano di fuggire in campagna. Merve e Haluk sono di Istanbul e fanno molto di più che sognare. Li seguiamo lungo due anni della loro vita, mentre affrontano le mille sorprese della transizione dalla città alla vita in campagna, da una dimensione caotica della vita al mondo ideale che stanno costruendo per sé stessi.
City life is tough. City dwellers all around the world dream of escaping to the country. Istanbul’s Merve and Haluk do more than just dream. We follow them for two years as they experience many surprises as they transition from city to country life.

Anteprima Italiana alla presenza del regista.


15.00
middle east now 2018

Focus Siria in short

Selezione di cortometraggi, durata complessiva 62'

Dopo sette anni di guerra, il festival propone un focus per portare sullo schermo immagini vive e potenti sulla situazione attuale del paese.

One Day in Aleppo di Ali Alibrahim
(Siria, 2017, 24’) no dialoghi

The Painter di Mojaed Abo Al-Jood (Aleppo Media Center)
(Siria, 2018, 6’) v.o: arabo, sottotitoli: inglese, italiano

Letter to S. di Layla Abyad
(Siria, Svizzera, 2015, 12’) v.o: inglese e arabo, sottotitoli: inglese, italiano

Captain Diaa di Yusuf Aljundi
(Siria, 2017, 12’) v.o: arabo, sottotitoli: inglese, italiano

Sons (Figli) di Antonio Chiavacci e Benedetto Ferrara
(2017, Siria, Italia, 15’) v.o: arabo, sottotitoli: italiano

Introduce e accompagna lo spettatore durante il focus Giuseppe Alizzi autore del libro Sham Sham e profondo conoscitore della Siria.


16.30
middle east now 2018

Wall

di Moran Ifergan (Israele, 2017, 64’) v.o: ebraico, sottotitoli: inglese, italiano

Una donna decide di interrompere il suo matrimonio e fugge nel più grande confessionale del mondo, il Muro del Pianto a Gerusalemme, e vi rimane per un anno. “Hakir” (Wall) segue la storia del divorzio della regista, attraverso le telefonate e i messaggi registrati tra lei e le donne importanti della sua vita: sua madre, sua sorella maggiore e la sua migliore amica.
A woman who decided to break-up her marriage, fled to the biggest confessional in the world, the Western Wall in Jerusalem and stayed there for a year. “Hakir” (Wall) follows the divorce story of the director, entirely through her phone calls and recorded messages to and from the important women in her life: her mother, her older sister, and her best friend.
Anteprima italiana, alla presenza della regista.


17.45
middle east now 2018

Rope

di Azaar Manssori (Kurdistan, 2017, 7’) animazione, senza dialoghi

Il cappio rappresenta le “false” paure degli abitanti della città. Man mano che crescono sentono l’avvicinarsi del collo alla corda, per questo misurano continuamente la distanza del proprio collo dal cappio. La propaganda del potere li convince che per sfuggire al cappio bisogna accorciarsi, offrendo un servizio a pagamento per tagliarsi le ossa delle gambe.
The Rope represents the “false” fears of the inhabitants of the city. As they grow they feel the approach of the neck to the rope, so they continuously measure the distance. The propaganda convinces them that to escape from the rope it is necessary to shorten, offering a paid service to cut the bones of the legs.
Anteprima Italiana


A seguire
middle east now 2018

Mirrors of Diaspora

di Kasim Abid (Iraq, Regno Unito, 2017, 88’) v.o: arabo , sottotitoli: inglese, italiano

“Mirrors of Diaspora” è un film sull’esilio, l’alienazione, i ricordi, la creatività, l’identità della propria patria, la sopravvivenza e la guerra, attraverso le vite di sette artisti iracheni della diaspora da più di quarant’anni. Le loro sfide, i fallimenti e i successi, sia come artisti che come esseri umani, dai tempi in cui frequentavano le scuole d’arte negli anni Settanta, e lavoravano come artisti di strada nelle piazze di Roma e Firenze, fino a diventare artisti famosi. Cosa significa essere in esilio per la maggior parte della vita? 
“Mirrors of Diaspora” is a film about exile, alienation, memories, creativity, identity homeland, survivals, and war, throughout of seven Iraqi artists living in diaspora for more than forty years. It explores their challenges, failures and successes, both as artists and in their private emotional lives. The central question is: what does it mean to be, for the most of your life, in exile?

Anteprima italiana, alla presenza del regista e dei protagonisti


19.30
middle east now 2018

Il punto delle 19:30

#TUNISIA: eccezione mediterranea

Leila El Houssi, docente di Storia dei paesi islamici presso l’Università Padova e di Storia del Medio Oriente presso l’università di Firenze, e Renata Pepicelli, docente di Storia dei paesi islamici e Islamistica all’Università di Pisa, dialogheranno sulla rivoluzione tunisina e le sue conseguenze: giovani e donne in primo piano.


20.45
middle east now 2018

The Unknown Sweet Potato Seller

di Roshdy Ahmed (Egitto, 2017, 12’) v.o: arabo, sottotitoli: inglese, italiano

Cortometraggio realizzato in animazione rotoscopica ispirato a un evento realmente accaduto in Egitto. Un artista di nome Khaled decide di indagare sull’omicidio di un bambino che vendeva patate dolci durante la rivoluzione egiziana, spinto da una serie di sogni e coincidenze legate al ragazzo. Gli eventi evolvono con l’avanzare delle indagini, verso un labirinto di caos in cui la verità sembra completamente persa. Protagonisti dell’animazione sono Ia star egiziana Khaled Abol Naga e l’astro nascente Tara Emad.
A rotoscoping animation film inspired from a true events. An artist named Khaled decides to investigate the murder of a kid who sold sweet potato during the revolution of Egypt after having dreams and synchronicities that has to do with the boy and his murder. Events follow where the investigations leads to a matrix of chaos where the truth is completely lost.
Anteprima Europea, alla presenza della attrice star egiziana Tara Emad


A seguire
middle east now 2018

Before Summer Ends

di Maryam Goormaghtigh (Francia, Iran, 2017, 80’ ) v.o: persiano, francese, sottotitoli: inglese, italiano

Dopo cinque anni di studi a Parigi, Arash decide di tornare a casa in Iran, ma i suoi amici Hossein e Ashkan lo convincono a fare un ultimo viaggio nel sud della Francia. Mentre i tre amici guidano, bevono tante birre e flirtano con un paio di musiciste francesi, che si uniscono al simpatico trio, provano il brivido della nostalgia verso il loro paese.
After five years studying in Paris, Arash has not adjusted to life there and has decided to return to Iran. His two friends Hossein and Ashkan convince him to take a last trip through France, secretly hoping he will change his mind. Their friendship strengthens with the evolving landscapes and their ongoing adventures, and each one’s view of their lives in France changes to the point of overturning their convictions.
Anteprima italiana, alla presenza della regista


22.30
middle east now 2018

When I Saw You

di Annemarie Jacir [DIRECTOR IN FOCUS] (Palestina, Giordania, Grecia, 2012, 93’) v.o: arabo, sottotitoli: inglese, italiano

Nel 1967, mentre nel mondo soffiano nuovi venti di speranza, la sconfitta degli stati arabi riunitisi per liberare la Palestina porta all’occupazione della Cisgiordania e di Gaza da parte dell’esercito israeliano. Decine di migliaia di palestinesi sono costretti a cercar rifugio nei campi profughi dei paesi vicini. L’undicenne Tarek trova ospitalità nel campo di Harir in Giordania, assieme alla madre Ghaydaa, dopo essere stati separati dal padre Ghassan. Inquieto e insofferente di fronte alle miserie della nuova vita, Tarek sogna un giorno di ricongiungersi con il padre, e l’incontro con un gruppo clandestino di combattenti palestinesi lo spinge a una forte presa di posizione.
Jordan, 1967. The world is alive with change, but in Jordan a different kind of change is underway as tens of thousands of refugees pour across the border from Palestine. Having been separated from his father in the chaos of war, Tarek, 11, and his mother Ghaydaa, are amongst this latest wave of refugees. Longing to be reunited with his father, Tarek searches a way out.
Alla presenza della regista, dell’attore Saleh Bakri e del produttore Ossama Baward


11.30
middle east now 2018

#LIBRI: Presentazione del libro “SUFI NETWORK.

Le confraternite islamiche tra globalizzazione e tradizione” di Francesco Leccese (Jouvence Editore)

L’autore analizza il Sufismo moderno e contemporaneo soffermandosi sul ruolo storico delle confraternite islamiche. Tema centrale del saggio è, in particolare, la nascita delle confraternite e delle pratiche sufi all’interno delle società islamiche e occidentali, accanto all’utilizzo di Internet nella creazione di un’identità islamica post-moderna.

Presenta Massimo Campanini (islamologo, docente all’Accademia ambrosiana di Milano e allo IUSS di Pavia).


15.00
middle east now 2018

Iman

di Mia Bittar (Sudan, 2017, 44’) v.o: arabo , sottotitoli: inglese, italiano

La storia ispirata a fatti reali di quattro giovani sudanesi provenienti da diversi background sociali e percorsi di vita, che per circostanze particolari si ritrovano attratti dall’estremismo più radicale. Le loro storie si intrecciano per tutto il film ma i personaggi non si incontrano mai. Il film indaga il volto umano della piaga dell’estremismo violento, le dinamiche e le ragioni che portano a fare scelte di vita estreme. Nel film anche il giovane cantante della famosa band sudanese Aswat Elmadina, Goodwill Ambassadors delle Nazioni Unite.
Based on real events, the film “Iman” presents four intimate stories of the path towards violent extremism and puts a human face to the issue.
Anteprima mondiale


16.00
middle east now 2018

Mr. Gay Siria

di Ayse Toprak (Turchia, Germania, Malta, Francia, 2017, 85’) v.o: arabo , sottotitoli: inglese, italiano

Husein, un barbiere di Istanbul, vive una doppia vita, combattuto tra la sua famiglia conservatrice e la sua identità omosessuale. Mahmoud è il fondatore del movimento omosessuale in Siria, e vive da rifugiato a Berlino. Sono accomunati dal sogno di partecipare a Mr Gay World.
Husein, a barber in Istanbul, lives a double life between his conservative family and his gay identity. Mahmoud is the founder of Syria’s LGBTI movement and is a refugee in Berlin. What brings them together is a dream: to participate in an international beauty contest, both as an escape from the confines of their lives and as an answer to their invisibility.
Anteprima italiana, introduce Sigal Yehuda, direttore di Greenhouse Film Centre


17.30
middle east now 2018

Kabul Dystopian Symphony

di Aboozar Amini (Afghanistan, 2018, 15’ – work in progress ) v.o: , sottotitoli: inglese e italiano

Il film ci fa immergere in un viaggio visivo dentro Kabul, attraverso gli occhi dei passanti. Nonostante la confusione e la disperazione causate da una guerra infinita, la gente coltiva ancora tenaci e inestimabili sogni, in una città in cui l’oppio e la vita umana sono i più economici al mondo.
The film takes you on a visual journey of Kabul through the eyes of the passengers. Despite the confusion and desperate caused by the dark shadow of endless war, people carry tiny but persistent and priceless dreams in a city where the opium and human life is the cheapest of the world.
Anteprima assoluta, alla presenza del regista


18.00
middle east now 2018

Stronger Than a Bullet

di Maryam Ebrahimi – Iran, Svezia, Qatar, Francia, 2017, 75’) v.o: farsi, sottotitoli: inglese, italiano

Narratore e personaggio centrale del film è Saeid Sadeghi, fotografo di guerra durante la guerra Iran-Iraq (1980-1988). Molte delle sue foto vennero usate per creare la propaganda di guerra in favore del martirio, e oggi si considera responsabile dell’invio di migliaia di ragazzi nelle loro tombe. Sadeghi attraversa paesaggi pieni di testimoni silenziosi, alla ricerca di persone che ha fotografato all’epoca, sperando di incontrare alcuni dei sopravvissuti.
Saeid Sadeghi photographed the Iran-Iraq war (1980-1988). Many of his photos were used to create war propaganda for martyrdom. Today he views himself as being responsible for sending thousands of boys to their graves. Interspersed with archive footage, this stylishly-composed portrait is also an essay on ideology, propaganda and the power of the image.
Anteprima italiana


19.30
middle east now 2018

Il punto delle 19:30

#IRAN. Presentazione del libro L’Iran al tempo di Trump di Luciana Borsatti

L’arrivo di Trump alla Casa Bianca e la sua politica verso l’Iran, che sembra voler riaprire una nuova stagione di ostilità contrapposta, è stata per gli iraniani una imprevista doccia fredda. Luciana Borsatti, corrispondente Ansa a Tehran, raccoglie in questo volume voci e opinioni diverse nel nuovo clima che si respira a Tehran. Presenta Nicola Pedde, esperto Iran e medio oriente, e Direttore dell’Institute of Global Studies.


20.00
middle east now 2018

#CUCINA #SIRIA #COMEACASA. I piatti della cucina siriana di casa

# Eating Middle East – Aperitivo

Hala, Tahani, Mona, Shaima, sono i nomi di alcune delle donne protagoniste di uno dei bestseller culinari del 2017: “Our Syria. Recipe from Home” di Dina Mousawi e Itab Azzim. Le loro ricette hanno fatto lunghi viaggi: dalla Siria al Libano, arrivando fino in Europa. Sono ricette di famiglia, sono i profumi di una casa che non c’è più, ma ricominciare altrove a cucinare i propri piatti, rappresenta le fondamenta su cui ricostruire una vita, una casa… ed una cucina. A cura di Dina Mousawi e Itab Azzam con il coordinamento di Silvia Chiarantini.
Degustazione + proiezione del film a seguire: 15 euro
Prenotazione con prevendita direttamente alla cassa del Cinema La Compagnia
Per informazioni: info@middleastnow.it


20.45
middle east now 2018

The Scribe

di Loay Fadhl (Iraq, 2017, 4’) v.o. arabo, sottotitoli: italiano, inglese

Cortometraggio di uno dei più talentuosi giovani registi iracheni, basato sulla tradizione irachena di trasmettere le informazioni attraverso la scrittura, ancora oggi in uso a Baghdad attraverso gli scribi. E’ la storia di un uomo che visita quotidianamente uno di questi scriba, nel tentativo di comunicare con la moglie recentemente deceduta. Il presente drammatico dell’Iraq si riunisce con la sua storia antica, di culla della scrittura.
Luay Fadhil’s film is about the Iraqi tradition of the transmission of written information, an archaic practice that continues to exist in Baghdad today. Scribes set up makeshift offices outside public buildings to draw up official documents for visitors and passers-by. The film focuses on a man who visits one of these scribes daily in an attempt to communicate with his recently deceased wife, uniting Iraq’s present with its ancient history as the birthplace of writing.


A seguire
middle east now 2018

The Journey

di Mohamed Jabarah Al-Daradji (Iraq, Canada, UK, Francia, Qatar, Paesi Bassi, 2017, 82’) v.o: arabo, sottotitoli: inglese, italiano

Baghdad 2006. Sara entra alla stazione nel giorno della cerimonia di riapertura con il proposito di farsi esplodere. Mentre si prepara a mettere in atto il suo piano, incontra il giovane ferroviere Salam. Ostaggio del proposito della donna, Salam cerca di farle cambiare idea facendo appello alla sua umanità. Accomunati da paura e confusione, Sara e Salam si trovano costretti a riesaminare le loro convinzioni, da lati radicalmente opposti della politica e della società.
On a night in December 2006, a young woman, Sara, enters Baghdad Central Station: she has made the decision to weaponize her body in a suicide attack. But this becomes complicated after her intentions are discovered at the station by the fast-talking and flirtatious Salam. Sara takes Salam hostage, though the limits of her own agency soon come into question.
Anteprima italiana alla presenza dell’attrice protagonista


22.30
middle east now 2018

Muhi – Generally Temporary

di Rina Castelnuovo-Hollander, Tamir Elterman (Israele, Germania, 2017, 89’) v.o: ebreo, arabo, sottotitoli: inglese, italiano

La storia emozionante di Muhi, ragazzino di Gaza vivace e coraggioso, che ha vissuto tutta la sua vita in un ospedale israeliano, accolto da piccolissimo a causa di una grave malattia autoimmune. Per salvargli la vita, i medici gli hanno amputato braccia e gambe. Intrappolato tra due patrie e due popoli, Muhi non è in grado di tornare a Gaza e suo nonno decide di restare con lui.
For the past seven years Muhi, a brave and spirited boy from Gaza has been living in an Israeli hospital, the only home he has ever known. Caught between two homes and two peoples, Muhi is unable to return to Gaza. He is saved and raised by those considered enemy by his people, in paradoxical circumstances that transcend identity, religion and the conflict that divides his world. His time at the hospital is running out and Muhi now faces the most critical choices of his life.
Anteprima italiana alla presenza di Joelle Alexis, montatrice del film


16.00
C'ERA UNA VOLTA

Harry Potter e la camera dei segreti

Chris Columbus, UK / USA / Ger, 2002, 161'

Harry ignora gli avvertimenti di non tornare a Hogwarts ma trova la scuola colpita da una serie di attacchi misteriosi. Contemporaneamente, una strana voce lo perseguita.


19.00
45 ANNI DA “F FOR FAKE”

Silvan, Orson Welles e la Magia Italiana

 di Valeria E. Russo, 2017, 27 min

Orson Welles è stato non solo il regista geniale che tutti conosciamo. L’autore di un capolavoro assoluto come “Quarto Potere”. L’eccelso attore shakespeariano. E’ stato anche un grande appassionato di illusionismo fin da quando era piccolo (e Harry Houdini è stato, negli anni Venti, il suo primo maestro di magia). E’ stato il protagonista di un grandioso varietà magico per le truppe americane nel 1943 (il “Mercury Wonder Magic Show” ) e amava esibirsi come mago sia in televisione che sul grande schermo in film come “Follow the Boys” “Cagliostro”, “Magic Trick” ,“F for Fake”. La sua ultima opera (incompiuta) a cui lavorava nei giorni precedenti alla sua morte, avvenuta nel 1985, era uno special televisivo intitolato proprio “Orson Welles’ Magic Show”. Come ha sottolineato Silvan, la personalità di Welles era tale che lui non recitava la parte del mago, un grande mago lo era davvero. In questo documentario viene presentata una testimonianza finora poco nota (e assolutamente preziosa) di come Orson Welles abbia incontrato Silvan e la Magia italiana negli anni in cui era nel nostro Paese.

 


19.30
45 ANNI DA “F FOR FAKE”

F for Fake

(v.restaurata in 4k) di Orson Welles, Italia, 2017, 89 min

Il film, interpretato dallo stesso Orson Welles, è una lunga riflessione – tramite aneddoti, ricordi autobiografici e alcune interviste a noti falsari – sul rapporto che esiste tra la verità e l’arte. Interrogandosi su cosa sia la verità nell’arte e nella vita, Welles pone una serie di interrogativi e riflessioni anche sull’estetica e sul valore dei critici d’arte (spesso messi alla berlina nel film), che molte volte incensano e fanno aumentare il valore economico di quadri falsi, scambiandoli per veri. Orson Welles era del resto molto sensibile su questo tema della verità e menzogna: il suo primo successo, la trasposizione radiofonica della Guerra dei Mondi parlava di una invasione aliena e che aveva scatenato fenomeni di isteria collettiva negli USA era un evidente falso scambiato per vero. La trasmissione stessa viene citata all’interno del film. (Da Wikipedia)