‘Cocoon’ di Leonie Krippendorff : miglior film in concorso al Florence Queer Festival

Un’edizione ricca di contenuti: dodici film in concorso, dieci corti per il concorso Videoqueer provenienti da otto paesi diversi e cinque incontri di approfondimento sulle tematiche LGBTQIA+.

Si è conclusa domenica 26 settembre la diciannovesima edizione del Florence Queer Festival, con la direzione artistica di Bruno Casini e Roberta Vannucci, che anche nel 2021 ha presentato una ricca programmazione di cinematografia internazionale a tematica LGBTQIA+, mostre, incontri ed eventi.

I premi della diciannovesima edizione


Vince il concorso lungometraggi: Cocoon di Leonie Krippendorff, con la seguente motivazione della giuria, composta da Dante Bigagli (Il Corriere Nazionale), Andrea Ferrari (presidente Mix Festival Milano) e Chiara Checcaglini (Il Sole 24 Ore):
Un film di formazione che racconta lo sbocciare di Nora, timida ragazza berlinese, colta nel suo affacciarsi alla vita e alla sessualità. Al di là della metafora del bruco che diventa farfalla il film intreccia il viaggio personale e sentimentale di Nora con le sfaccettature della sua vita familiare. Una regia coinvolgente rintraccia nella vicenda un percorso che impagina lacrime e sorrisi, dove la delusione e la gioia diventano tappe della crescita di un’adolescente della Berlino di oggi.”

Menzione speciale a: Poppy Field di Eugen Jebeleanu
Per la capacità di affrontare un tema delicato come quello dell’omofobia nel difficile contesto socio culturale rumeno, senza cadere nella retorica.”


Vince il concorso Videoqueer, votato dal pubblico Da giorno finché sera di Alessandro Gattuso.

FacebookTwitterWhatsAppEmail