15 Settembre 2021

Annalisa Cuzzocrea, in dialogo con Sergio Staino, presenta “Che fine hanno fatto i bambini”

Un incontro parte della rassegna letteraria Intemporanea, che presenta un ciclo di incontri con autori e autrici di spicco del mondo della cultura.

Con anteprime assolute, conferenze e reading la manifestazione si svolge diffusamente in vari luoghi culturali della città di Firenze, fra i quali il Cinema La Compagnia, durante tutto il mese di settembre.

15 SETTEMBRE, ORE 18.00 | In sala
ANNALISA CUZZOCREA, in dialogo con Sergio Staino, presenta Che fine hanno fatto i bambini (Piemme, 2021)
Letture di Paolo Hendel
Incontro realizzato nell’ambito dell’Estate Fiorentina, in collaborazione con Cinema la Compagnia.
Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria QUI

Si ricorda che per accedere alla sala sarà necessario presentare all’ingresso del cinema il Green Pass. La certificazione deve attestare: di aver effettuato la prima dose o il vaccino monodose da 15 giorni; di aver completato il ciclo vaccinale; di essere risultati negativi a un tampone molecolare o rapido nelle 48 ore precedenti; di essere guariti da COVID-19 nei sei mesi precedenti. Per rendere la lettura del Green Pass più veloce si consiglia di averlo in formato digitale.

Per tutta la durata dell’evento sarà inoltre obbligatorio indossare la mascherina chirurgica o FFP2.


«Che fine hanno fatto i bambini?» chiedevano alcuni striscioni comparsi in diverse città italiane durante il primo lockdown, quando le scuole erano chiuse e i ragazzi erano spariti dal discorso pubblico. Quando il presidente del Consiglio e il comitato scientifico avevano dimenticato di decidere se un bambino, accompagnato, potesse fare almeno un giro intorno al palazzo, capire che il mondo non era scomparso, avere un’idea di quel che stava accadendo davvero. Sarà questa la domanda che Sergio Staino e Paolo Hendel porranno all’autrice Annalisa Cuzzocrea, inviata di Repubblica e madre di Carlo e Chiara, che nel suo ultimo libro-inchiesta indaga sul perché bambini e ragazzi non siano stati visti dal governo alle prese con l’emergenza Covid-19. Perché siano serviti mesi prima di rendersi conto di quanto pesante sarebbe stata la conseguenza dell’isolamento nelle case, soprattutto per i più fragili e per chi vive in contesti difficili. Attraverso il dialogo con psicologi, scrittori, economisti, demografi, sociologi, registi, insegnanti, genitori, nel viaggio che la porta fino ai Quartieri spagnoli di Napoli e dentro la sezione nido del carcere di Rebibbia, l’autrice scopre le ragioni di fondo dell’invisibilità di infanzia e adolescenza nel nostro Paese.

ANNALISA CUZZOCREA è inviata de «la Repubblica» per cui si occupa soprattutto di politica. È nata a Reggio Calabria, ma vive a Roma da quasi trent’anni. Laureata alla Sapienza in Lingue e Letterature straniere, ha cominciato la sua carriera giornalistica a Radio Capital nel 2000, per poi passare alla web tv del sito de «la Repubblica» e infine alla carta stampata. Tiene un corso di “Giornalismo politico al tempo dei social” alla Luiss di Roma. È sposata e ha due figli.


FacebookTwitterWhatsAppEmail

SPETTACOLI | VAI AL PROGRAMMA

MERCOLEDÌ 15 SETTEMBRE, ore 18.00