16-18 febbraio 2019

Festival del cinema russo contemporaneo

Una rassegna, promossa da N.I.C.E. Festival in collaborazione con Centro dei Festival cinematografici e Programmi Internazionali di Mosca, dedicata alle principali novità del panorama cinematografico russo. Un’occasione stimolante di immergerci per alcuni giorni nelle atmosfere e nelle tradizioni di un paese sterminato e foriero di storia e fascino.
Tutti i film sono in lingua originale con sottotitoli in italiano.

INGRESSO LIBERO

 

PROGRAMMA

 

sabato 16

16.30
Evento Universita’ degli Studi di Firenze – Dipartimento Cinema | Ingresso libero
Corti: Progetto“Filmare l‘aterità”
Per chi viene da altri paesi le periferie urbane di Firenze e dei comuni limitrofi sono spazi dell’alterità con cui confrontarsi: l’altro siamo noi. Nel corso di questa sessione verranno proiettati i video realizzati dal Dipartimento SAGAS dell’Università degli Studi di Firenze, con il sostegno di SIAE e MiBAC, nell’ambito del progetto Filmare l’Alterità. Concorso di immagini migranti nel paesaggio urbano fiorentino che ha coinvolto ragazze e ragazzi stranieri under 35 che hanno espresso il proprio punto di vista sulla città di Firenze. Al termine delle proiezioni i migliori cinque video selezionati saranno premiati da una giuria di docenti e professionisti.

19.30
GHIACCIO di Oleg Trofim Russia, 2018. Durata: 113‘ – Drammatico – Alla presenza del regista
Sin dall’infanzia Nadia crede ai miracoli: immagina di entrare nell’arena di ghiaccio tra l’ovazione del pubblico e di ballare la sua danza più bella. Passano gli anni e grazie alla fede e perseveranza, Nadia diventa una pattinatrice famosa. Ma quando i suoi sogni di vittoria e di una dolce vita con un principe azzurro sembrano realizzarsi, il destino le propone una vera sfida. Per superla, dovrà di nuovo, come nell’infanzia, credere nei miracoli.

21.30
NEVOD (La rete) di Aleksandra Streljanaja – Russia, 2017. Durata:75‘ – Drammatico – Alla presenza della regista
Un giovane arriva in un villaggio sul Mar Bianco, alla ricerca di una ragazza scappata dalla città senza salutarlo. Un anziano abitante del luogo gli mostra la strada.


domenica 17

17.30
GHIACCIO di Oleg Trofim Russia, 2018. Durata: 113‘ – Drammatico
Sin dall’infanzia Nadia crede ai miracoli: immagina di entrare nell’arena di ghiaccio tra l’ovazione del pubblico e di ballare la sua danza più bella. Passano gli anni e grazie alla fede e perseveranza, Nadia diventa una pattinatrice famosa. Ma quando i suoi sogni di vittoria e di una dolce vita con un principe azzurro sembrano realizzarsi, il destino le propone una vera sfida. Per superla, dovrà di nuovo, come nell’infanzia, credere nei miracoli.

19.30
ARITMIJA di Boris Chlebnikov – Russia, Finlandia, Germania, 2017. Durata:116‘ – Drammatico
Una giovane coppia di paramedici,fra interventi d’emergenza, pause lavorative ad alto tasso alcolico e un sistema sanitario in continua evoluzione, lotta per trovare la forza di rimanere assieme.

21.30
BOLSHOY di Valerij Todorovskij Russia 2017. Durata: 132‘ – Drammatico
Julia è una giovane ballerina russa incredibilmente talentuosa. Può diventare una grande ballerina che lotta per il suo posto al Bolshoy di Mosca. Ma per perseguire questo scopo deve rinunciare a tutto: gli interessi della famiglia, il suo primo amore, l’amicizia. Più volte l’eroina dovrà affrontare una scelta complessa tra il sogno della bellezza e la vita reale.


 

LUNEDì 18

17.00
NEVOD (La rete) di Aleksandra Streljanaja – Russia, 2017. Durata:75‘ – Drammatico
Un giovane arriva in un villaggio sul Mar Bianco, alla ricerca di una ragazza scappata dalla città senza salutarlo. Un anziano abitante del luogo gli mostra la strada.

19.30
IL SACCO SENZA FONDO di Rustam Khamdamo Russia, 2017. Durata:104 ‘ – Drammatico
Si svolge in Russia, nei tempi del regno dell’Imperatore russo Aleksandr II. Una Dama di Corte racconta al granduca Aleksandr una fiaba la quale si svolge nel XIII secolo e gli racconta dell’assassinio mistico dello Zarevich (figlio dello zar) nel bosco. I partecipanti di questa storia, i testimoni di questo delitto, raccontano le varie versioni dell’incidente. Le loro versioni si distinguono da quello che avviene in realtà.

21.30
IL VIAGGIO DI VITJA DETTO “AGLIO” PER ACCOMPAGNARE LEKHA DETTO “GANGHERO” ALL’OSPIZIO di Aleksandr Chant – Russia 2017. Durata: 90’ – Drammatico
Avvincente road-movie à la russe che racconta il classico conflitto generazionale padri/figli ma in chiave “pulp”. L’azione di svolge in un anonimo paese della provincia russa. Protagonista il ventissettenne Vitja detto ”Aglio” con alle spalle un’infanzia passata in orfanotrofio e il sogno di abbandonare moglie e figlio perchè “gli tolgono l’ossigeno”. Vitja è stato un bambino privato di affetto e a sua volta ha un cuore inaridito e conduce un’esistenza basica tra sballi e desideri di “sbancare”. La vita fa sì che incontri suo padre, un uomo dal passato malavitoso ed in più invalido. Vitja decide di portarlo all’ospizio, del tutto ignaro delle avventure e dei rischi che lo attendono lungo questo viaggio.



 

Gli ospiti

Aleksandra Streljanaja

(San Pietroburgo) Nel 2005 si laurea presso l’Università di cinemae televisione, specializzandosi come operatore di ripresa (con D. Dolinin). In seguito si diplomain regia nella stessa Università (con V. Semenjuk e V. Aksenov).
È regista, sceneggiatrice e direttore della fotografia .I suoi film hanno ottenuto importanti riconoscimenti in Russia e all’estero.

Filmografia
2005: «Addio» (cortometraggio)
2007: «Lo scamiviato» (doc.)
2010: «Pane per uccellini» (doc.)
2011: «Valle asciutta»
2012: «Mare» (cortometraggio)
2016: «La volpe più rossa»
2017: «La rete»


Oleg Trofim

Laureato nel 2011 presso l’Università del cinema e della televisione di San Pietroburgo. Lavora con successo come regista dei clip pubblicitari con i noti brand come Coca Cola, Nike, Google, Yandex, Adidas, Visa, Yota, Nokia. «Il Ghiaccio» è il suo debutto nel lungometraggio.

FacebookTwitterWhatsAppEmail