dal 25 Maggio 2022

I corti di Sentiero Film Factory [Supereroi senza superpoteri]

In programma a La Compagnia una selezione di cortometraggi a cura di Sentiero Film Factory.

L’appuntamento, che ci accompagnerà per tutto il 2022, è stato organizzato in collaborazione con Sentiero Film Factory e prevede, ogni mese, la proiezione di un differente cortometraggio selezionato con l’intento di promuovere e valorizzare il territorio e i giovani autori di talento.

Sarà possibile acquistare il biglietto d’ingresso solo in combinazione con il film seguente.
Intero: 6€ / Ridotto: 5€

La programmazione completa la trovate su questa pagina e sul nostro calendario online!


Sentiero Film Factory è il festival fiorentino che vuole integrare, all’interno della propria programmazione, incontri industry, un pitch per sceneggiature e una residenza artistica. Dedicata principalmente al cortometraggio, con l’obiettivo di valorizzare i giovani talenti e le produzioni indipendenti, la Factory mira a integrare nel circuito fiorentino e toscano un servizio di promozione e valorizzazione del territorio tramite il talento di giovani autori e l’ospitalità di realtà cinematografiche internazionali. Questo progetto nasce per dare una continuità alle attività svolte all’interno del festival per diventare un polo attrattivo di formazione, sviluppo e produzione di progetti cortometraggio nazionali e internazionali.


IL CORTO DEL MESE

SUPEREROI SENZA SUPERPOTERI | dal 12 al 15 giugno 2022

REGIA: Beatrice Baldacci
ANNO: 2019
PAESE: Italia
DURATA: 13 minuti

Qualcuno inserisce una VHS in un videoregistratore. La cassetta va in play, sullo schermo compaiono immagini televisive di ogni tipo, consumate dal tempo, spesso irriconoscibili. Sono i ricordi d’infanzia di Beatrice. Una narrazione intima, per provare a ritrovare ciò che aveva perduto.

La prima proiezione (12 giugno, ore 21.00) sarà introdotta dalla regista e dallo staff di Sentiero Film Factory.


EVENTI PASSATI

OFELIA | 22 e 23 dicembre 2021

REGIA: Pierfrancesco Bigazzi
ANNO: 2021
PAESE: Italia
DURATA: 12 minuti
DISTRIBUITO DA: Sayonara Film

Ofelia è una donna di 92 anni, è sempre stata una donna come le piace dire “tutta di un pezzo”. Una lavoratrice, una viaggiatrice, una mamma e una nonna. Ha cresciuto per molti anni da sola i due figli, Giampiero e Giancarlo. Vive in un grande appartamento, in un condominio di una cittadina della provincia toscana. Ha sempre abitato in quella zona. Passa le giornate davanti alla finestra e alla tv, in camera a rimettere a posto indumenti e asciugamani, cambiando continuamente il posto. Quando il tempo è clemente e temperato si affaccia dalla terrazza osservando la vita nella strada sottostante. Mangia spesso gelati, prevalentemente cornetti con panna e qualche volta con cioccolato o, più raramente, amarena. Trova sollievo nelle piccole cose, come piegare uno a uno i fogli dello scottex, che usa in quantità industriale come fazzoletti o tovaglioli. La compagnia del nipote e dei suoi due figli le allevia leggermente il dolore della solitudine. Ofelia sente il tempo scorrere inesorabile, sta perdendo la memoria. Spesso non si ricorda i nomi dei due mariti, né dei figli e dei nipoti. Non si ricorda dei tanti viaggi che ha fatto. Dei lavori svolti. Trova dolore in tutto questo. Io ci parlo e cerco di farle ricordare qualcosa, di lavorare sulle emozioni. E qualche volta funziona. Ofelia si trasforma, gioca insieme a me. Un po’ come quel personaggio femminile di Shakespeare cerca la felicità, rincorre la libertà e la consapevolezza, arrabbiata dai troppi anni che gli hanno portato via tanto. 

NOTE DI REGIA
“Si tratta di un racconto intimo e personale anche se il mio intento di base era creare una storia che potesse facilmente arrivare a tutti. Una riflessione sul tempo, sulla memoria, sul passato e sulla caducità, creando con intimità un dialogo universale, da lasciare come testamento della meravigliosa e mai abbastanza ricordata figura dei nonni.” (Pierfrancesco Bigazzi) 

Alla proiezione di Ofelia del 22 dicembre interverranno il produttore e organizzatore di Sentiero Film LAB, Matteo Laguni, ed il regista, Pierfrancesco Bigazzi.


AUTORITRATTO CON ARMA | dal 26 al 30 gennaio 2022

REGIA: Giovanni Ortoleva
ANNO: 2021
PAESE: Italia
DURATA: 11 minuti
DISTRIBUITO DA: Berta Film

Autoritratto con arma è un cortometraggio coming-of-age ambientato nella campagna marchigiana all’inizio degli anni Duemila. Un padre di famiglia porta a forza il figlio quattordicenne alla sua prima battuta di caccia. Quel giorno il ragazzo dovrà scegliere se continuare ad obbedire ai suoi imperativi o ribellarsi a lui per la prima volta.

NOTE DI REGIA
“Autoritratto con arma è una storia autobiografica, anche se non lo è. Non ho mai vissuto nelle Marche, non sono mai stato svegliato alle cinque di mattina per andare a una battuta di caccia, non ho mai impugnato un fucile carico. Ma ho vissuto quel momento della vita, per cui tutti prima o poi passiamo, in cui ho dovuto decidere se seguire la strada che mi era stata messa di fronte o se virare e disegnarne una mia. Autoritratto con arma parla esattamente di questo: del momento in cui smettiamo di essere figli e diventiamo persone.” (Giovanni Ortoleva)

Alla proiezione di Autoritratto con arma del 26 gennaio interverranno: Stefano Mutolo (produttore), Carolina Pezzini (creative producer) e Bartolomeo Pampaloni (Direttore della fotografia).


IO|OI (Riflessi) | dal 18 al 22 febbraio 2022

REGIA: Francesco Lorusso (Collettivo BROGA’S)
ANNO: 2021
PAESE: Italia
DURATA: 9 minuti
DISTRIBUITO DA: Robin Studio

Come può un uomo cambiare il mondo che ha intorno? È l’arte uno degli strumenti più importanti che l’essere umano ha per cambiare il pensiero, per muovere ciò che sembra sedimentato, statuario, una realtà pietrificata. In IO|OI, con un gioco di scambi e riflessi, l’uomo e la sua creazione danzano insieme all’interno di una cattedrale post-industriale. In un gioco di ruoli l’opera d’arte e il suo creatore si guidano un passo dopo l’altro scambiandosi le parti e lasciandosi dietro più domande che risposte, una su tutte: siamo il creato o il creatore?

NOTE DI REGIA
“Nel momento in cui un uomo, un artista, crea un’opera d’arte (una scultura, un quadro, un monumento etc.) sta al contempo producendo un potenziale ordigno culturale, un oggetto che andrà a influenzare il pensiero e la società. Pensiamo ad esempio alle opere di Leonardo o Modigliani o Pollock, la loro deflagrazione non si ferma semplicemente alla forza estetica, ma traccia un solco nella determinazione delle future espressioni artistiche e culturali. Queste opere minano le certezze e amplificano i dubbi degli uomini, ne modificano le decisioni e le traiettorie. In termini performativi crediamo che il concetto possa essere rappresentato dal meccanismo della personificazione dell’opera d’arte: una statua che prende vita mossa dalla danza di un uomo – l’uomo che modella la cultura – ma a sua volta anche l’uomo è mosso dall’opera d’arte – la cultura che influenza. La domanda che ci si pone è: “è l’uomo a determinare la cultura o è la cultura a determinare l’uomo?” Nel processo di realizzazione, questo breve film non si è fermato però al mero utilizzo di nuove tecnologie come la motion capture, ma ci si è spesso interrogati su di esse e sul valore culturale che possono aggiungere all’opera audiovisiva, oggi.”

Alla proiezione di IO|OI del 18 febbraio interverranno: Francesco Lorusso (regista) ed Emilio Maria Costa (direttore della fotografia).


IN HER SHOES | dal 24 al 31 marzo 2022
Evento in collaborazione con CinematograFi
ca e parte della rassegna MAI MUTE.

REGIA: Maria Iovine
ANNO: 2017
PAESE: Italia
DURATA: 19 minuti
DISTRIBUITO DA: AAMOD

In un mondo distopico in cui le donne ricoprono ruoli di potere e gli uomini si occupano della famiglia, Domenico si racconta alla figlia a partire da un tenero ricordo. In una lettera rivive la gioia della sua nascita, la sua infanzia, i sogni di una famiglia felice, ma anche le rinunce dolorose di padre e marito che hanno soffocato le sue reali aspirazioni e desideri. Attraverso immagini d’archivio, In Her Shoes riscrive la Storia: gli uomini uniti in un movimento di liberazione. Le immagini del nostro passato non raccontano più chi siamo, ma ci lanciano una sfida: cosa avrebbero fatto gli uomini se si fossero trovati nella posizione delle donne? Si sarebbero uniti per far sentire le loro voci? E le donne sarebbero state a guardare o avrebbero preso coscienza del loro privilegio?

Ospiti della prima proiezione (giovedì 24 marzo, ore 20.30) la regista Maria Iovine e lo staff di CinematograFica.


TECHNO, MAMA | dal 23 aprile al 4 maggio 2022

REGIA: Saulius Baradinskas
ANNO: 2021
PAESE: Lituania
DURATA: 18 minuti
DISTRIBUITO DA: Lights On

Nikita ama ascoltare musica techno e sogna di andare a Berlino e visitare il famoso club Berghain. Sua madre Irena non conosce i sogni di suo figlio e presto le loro reciproche aspettative si scontreranno.

La prima proiezione (sabato 23 aprile, ore 18.00) sarà anticipata da un videosaluto del regista ed introdotta dallo staff di Sentiero Film Factory.

 


B-52 | dal 25 al 30 maggio 2022

REGIA: Flavio Nani
ANNO: 2021
PAESE: Italia
DURATA: 8 minuti
PRODOTTO DA: The Big Angle. Under the patronage of Amnesty International Italia.

In un futuro prossimo una nuova tecnologia ci rende ancora più alienati e iperconnessi. Marco, schiacciato da una vita ripetitiva e monotona, è alla ricerca del suo posto nel mondo. Quando incontra Nico al bancone di un bar, pensa finalmente di averlo trovato. Ma finirà per diventare una pedina di un gioco più grande di lui.

La prima proiezione (25 maggio, ore 21.00) sarà introdotta del regista e dallo staff di Sentiero Film Factory.

FacebookTwitterWhatsAppEmail

SPETTACOLI | VAI AL PROGRAMMA

[Supereroi senza superpoteri]
DOMENICA 12 GIGUNO, ORE 21.00 + a seguire "La tana"
LUNEDì 13 GIUGNO, ORE 19.00 + a seguire "Nel mio nome"
MARTEDì 14 GIUGNO, ORE 17.00 + a seguire "Nel mio nome"
MERCOLEDì 15 GIUGNO, ORE 15.00 + a seguire "Nel mio nome"