dal 22 Dicembre 2021

I corti di Sentiero Film Factory [Autoritratto con Arma]

In programma a La Compagnia una selezione di cortometraggi a cura di Sentiero Film Factory.

L’appuntamento, che ci accompagnerà per tutto il 2022, è stato organizzato in collaborazione con Sentiero Film Factory e prevede, ogni mese, la proiezione di un differente cortometraggio selezionato con l’intento di promuovere e valorizzare il territorio e i giovani autori di talento.

Sarà possibile acquistare il biglietto d’ingresso solo in combinazione con il film seguente.
Intero: 6€ / Ridotto: 5€

La programmazione completa la trovate su questa pagina e sul nostro calendario online!


Sentiero Film Factory è il festival fiorentino che vuole integrare, all’interno della propria programmazione, incontri industry, un pitch per sceneggiature e una residenza artistica. Dedicata principalmente al cortometraggio, con l’obiettivo di valorizzare i giovani talenti e le produzioni indipendenti, la Factory mira a integrare nel circuito fiorentino e toscano un servizio di promozione e valorizzazione del territorio tramite il talento di giovani autori e l’ospitalità di realtà cinematografiche internazionali. Questo progetto nasce per dare una continuità alle attività svolte all’interno del festival per diventare un polo attrattivo di formazione, sviluppo e produzione di progetti cortometraggio nazionali e internazionali.


AUTORITRATTO CON ARMA | 26 gennaio 2022

REGIA: Giovanni Ortoleva
ANNO: 2021
PAESE: Italia
DURATA: 11 minuti
DISTRIBUITO DA: Berta Film

PROIEZIONI: mercoledì 26 gennaio, ore 20.00 (a seguire “Il potere del cane” di Jane Campion) /  giovedì 27 gennaio, ore 21.00 (a seguire “Ispettore Callaghan: Il caso scorpio è tuo” di Don Siegel)

Autoritratto con arma è un cortometraggio coming-of-age ambientato nella campagna marchigiana all’inizio degli anni Duemila. Un padre di famiglia porta a forza il figlio quattordicenne alla sua prima battuta di caccia. Quel giorno il ragazzo dovrà scegliere se continuare ad obbedire ai suoi imperativi o ribellarsi a lui per la prima volta.

NOTE DI REGIA
“Autoritratto con arma è una storia autobiografica, anche se non lo è. Non ho mai vissuto nelle Marche, non sono mai stato svegliato alle cinque di mattina per andare a una battuta di caccia, non ho mai impugnato un fucile carico. Ma ho vissuto quel momento della vita, per cui tutti prima o poi passiamo, in cui ho dovuto decidere se seguire la strada che mi era stata messa di fronte o se virare e disegnarne una mia. Autoritratto con arma parla esattamente di questo: del momento in cui smettiamo di essere figli e diventiamo persone.” (Giovanni Ortoleva)

Alla proiezione di Autoritratto con arma del 26 gennaio interverranno: Stefano Mutolo (produttore), Carolina Pezzini (creative producer) e Bartolomeo Pampaloni (Direttore della fotografia).


OFELIA | 22 e 23 dicembre 2021

REGIA: Pierfrancesco Bigazzi
ANNO: 2021
PAESE: Italia
DURATA: 12 minuti
DISTRIBUITO DA: Sayonara Film

PROIEZIONI: mercoledì 22 dicembre, ore 20.30 (a seguire “Titane” di Julia Ducournau) / giovedì 23 dicembre, ore 19.30 (a seguire “Petite maman” di Céline Sciamma)

Ofelia è una donna di 92 anni, è sempre stata una donna come le piace dire “tutta di un pezzo”. Una lavoratrice, una viaggiatrice, una mamma e una nonna. Ha cresciuto per molti anni da sola i due figli, Giampiero e Giancarlo. Vive in un grande appartamento, in un condominio di una cittadina della provincia toscana. Ha sempre abitato in quella zona. Passa le giornate davanti alla finestra e alla tv, in camera a rimettere a posto indumenti e asciugamani, cambiando continuamente il posto. Quando il tempo è clemente e temperato si affaccia dalla terrazza osservando la vita nella strada sottostante. Mangia spesso gelati, prevalentemente cornetti con panna e qualche volta con cioccolato o, più raramente, amarena. Trova sollievo nelle piccole cose, come piegare uno a uno i fogli dello scottex, che usa in quantità industriale come fazzoletti o tovaglioli. La compagnia del nipote e dei suoi due figli le allevia leggermente il dolore della solitudine. Ofelia sente il tempo scorrere inesorabile, sta perdendo la memoria. Spesso non si ricorda i nomi dei due mariti, né dei figli e dei nipoti. Non si ricorda dei tanti viaggi che ha fatto. Dei lavori svolti. Trova dolore in tutto questo. Io ci parlo e cerco di farle ricordare qualcosa, di lavorare sulle emozioni. E qualche volta funziona. Ofelia si trasforma, gioca insieme a me. Un po’ come quel personaggio femminile di Shakespeare cerca la felicità, rincorre la libertà e la consapevolezza, arrabbiata dai troppi anni che gli hanno portato via tanto. 

NOTE DI REGIA
“Si tratta di un racconto intimo e personale anche se il mio intento di base era creare una storia che potesse facilmente arrivare a tutti. Una riflessione sul tempo, sulla memoria, sul passato e sulla caducità, creando con intimità un dialogo universale, da lasciare come testamento della meravigliosa e mai abbastanza ricordata figura dei nonni.” (Pierfrancesco Bigazzi) 

Alla proiezione di Ofelia del 22 dicembre interverranno il produttore e organizzatore di Sentiero Film LAB, Matteo Laguni, ed il regista, Pierfrancesco Bigazzi.

FacebookTwitterWhatsAppEmail

SPETTACOLI | VAI AL PROGRAMMA

[AUTORITRATTO CON ARMA]
MERCOLEDÌ 26 GENNAIO, ore 20.00
GIOVEDÌ 27 GENNAIO, ore 21.00