01 Giugno 2021

Il caso Braibanti – In collaborazione con Florence Queer Festival

Intellettuale, partigiano e poeta. Nella sua vita Aldo Braibanti si è occupato di arte, cinema, politica, teatro e letteratura ma, nonostante ciò, viene principalmente ricordato per il processo a cui fu sottoposto con l’accusa di aver plagiato il suo giovane amante rendendolo omosessuale.

Proiezione unica, martedì 1° giugno, ore 19.30.

Il film, presentato all’ultima edizione del Florence Queer Festival e selezionato nella short list della 66° edizione dei David di Donatello, ripercorre la storia di Aldo Braibanti attraverso i racconti del nipote Ferruccio, di Piergiorgio Bellocchio, Lou Castel, Giuseppe Loteta, Dacia Maraini, Maria Monti, Elio Pecora, Stefano Raffo e Alessandra Vanzi.

In un mondo che tende all’amnesia politica e sociale ogni giorno di più non è solo importante ma addirittura necessario che ci sia chi, come Giardina e Palmese, tolga qualsiasi alibi all’oblio riproponendo vicende che i meno giovani hanno vissuto e dovrebbero (il condizionale è d’obbligo) ricordare e che i giovani hanno il diritto di conoscere. (Mymovies)


Inoltre se volete saperne di più sul making of di Il caso Braibanti, gratuitamente su Più Compagnia, trovate un’intervista esclusiva ai due registi.


 

REGIA: Carmen Giardina e Massimiliano Palmese
ANNO: 2020
PAESE: Italia
DURATA: 64 min
LINGUA: v.o. ita

INGRESSO: 6€ intero/ 5€ ridotto/ 4€ tessera Firenze al Cinema 

FacebookTwitterWhatsAppEmail

SPETTACOLI | VAI AL PROGRAMMA

MARTEDì 1 GIUGNO, ore 19.30