Festival Cinema e Donne, bilancio positivo dell’edizione 40

42 film di registe italiane e straniere, di cui 30 anteprime, 19 ospiti internazionali, oltre 3000 spettatori: sono questi i dati conclusivi della 40esima edizione del Festival Internazionale di Cinema e Donne, che si è tenuto a Firenze dal 21 al 25 novembre al cinema La Compagnia, Palazzo Coppini, Istituto Francese e Istituto Tedesco di Firenze, diretto da Paola Paoli e Maresa D’Arcangelo.

Tra le principali ospiti presenti a Firenze, la regista francese Marie Castille Mention – Schaar e la canadese Léa Pool, insignite del Premio Sigillo della Pace del Comune di Firenze; il Premio Alida Valli è stato assegnato dalla giuria senior al corto “Come la prima volta”, della regista e attrice fiorentina Emanuela Mascherini; il Premio Anna Magnani, assegnato dalla giuria studenti, è andato a “London a float”, di Gloria Aura Bortolini; il Premio “Io sono qui”, concorso per corti girati con lo smartphone da giovani dai 18 ai 25 anni, realizzato in collaborazione con la Città Metropolitana di Firenze, è stato attribuito ex aequo a Federica Quaranta, Ginevra Detti e Andrea Batacchi.

Uno dei principali temi trattati dal festival, la mancata di parità uomo-donna nella produzione e distribuzione dei film: a livello europeo si stima che solo il 10 percento dei film realizzati siano firmati da registe donne e, tra questi, solo pochi trovano poi una distribuzione adeguata. Per questo il festival ha lanciato il progetto di organizzare nella primavera 2019 un meeting, che coinvolga le organizzazioni professionali di settore, per arrivare a formulare una richiesta di parità numerica tra uomini e donne nella produzione e distribuzione di film. Il festival proporrà inoltre che nei festival italiani che ricevono contributo pubblico (statale o degli enti locali), si raggiunga l’obbiettivo del 50% dei film a firma femminile.

FacebookTwitterWhatsAppEmail