Firenze Archeofilm: incontro con Brando Quilici, nel ricordo del padre Folco

Si è chiusa col ricordo di Folco Quilici da parte del figlio Brando la prima edizione del Firenze Archeofilm, il festival organizzato da Archeologia Viva dedicato al mondo antico. Molta la commozione nel ripercorrere le tappe umane e artistiche del grande documentarista recentemente scomparso con aneddoti di vita familiare inediti svelati al pubblico proprio dal figlio nella sua prima uscita pubblica dopo la morte del padre.

Dei 70 film arrivati da tutto il mondo anche il pubblico ha potuto esprimere un giudizio in qualità di giuria popolare: alla fine il punteggio più alto arrivato dagli spettatori è andato al film di Pascal Guérin  Il misterioso vulcano del Medioevo mentre il Premio Università di Firenze è stato consegnato direttamente dal magnifico rettore Luigi Dei nelle mani del siciliano Lorenzo Daniele, regista del film L’hangar dei dirigibili di Augusta. Un ex equo è arrivato dalla giuria del Premio Museo di Preistoria che ha decretato vincitore il film francese Arte al tempo dei dinosauri? di Jean-Luc Bouvret e François-Xavier Vives e la pellicola di Andrea Fenu Ercole Contu e la scoperta della tomba dei Vasi tetrapodi

La manifestazione si è conclusa con la proiezione del film capolavoro di Folco Quilici L’impero di Marmo, dedicato alle straordinarie pietre che arrivarono da ogni parte dell’impero per rendere splendida Roma.

FacebookTwitterWhatsAppEmail