novembre 2017
  • venerdì

    03/11/2017

  • sabato

    04/11/2017

  • domenica

    05/11/2017

  • lunedì

    06/11/2017

  • martedì

    07/11/2017

  • mercoledì

    08/11/2017

  • giovedì

    09/11/2017


17.00
Al cinema con Šostakovič

Nuova Babilonia

di Grigorij Kozincev e Leonid Trauberg, Urss 1929; b/n; 95 min.; did. in russo, sott. it.

Una tragica storia d’amore sule barricate della Comune di Parigi, il primo tentativo della classe operaia volto alla conquista del potere. Lei, commessa ai grandi magazzini Nuova Babilonia, è attiva nel campo dei Comunardi. Lui, un ex contadino, milita dall’atra parte. Alla fine, il sacrificio dell’amata sull’altare della rivoluzione, gli farà aprire gli occhi sulla verità di quei tragici fatti.


19.00
PROGRAMMAZIONE

Manifesto

di Julian Rosefeldt, 2015, Germania/Australia, 95'

Il manifesto del Partito Comunista raccontato da un senzatetto, i motti dadaisti interpretati da una vedova durante un’orazione funebre, Dogma 95 spiegato da una maestra ai suoi allievi. Dodici personaggi (più uno) celebrano i movimenti artistici all’interno di altrettanti ambienti, attraverso un sorprendente collage di famosi manifesti del Novecento scritto da Julian Rosefeldt e interpretato dall’attrice australiana Cate Blanchett, vincitrice dell’Oscar.

Tra gli autori citati nel film: Filippo Tommaso Marinetti, Tristan Tzara, Kazimir Malevich, André Breton, Claes Oldenburg, Yvonne Reiner, Sturtevant, Adrian Piper, Sol LeWitt e Jim Jarmusch.

 


INGRESSO: intero 6€ / ridotto 5€

versione originale con sott. ita.


21.00
PROGRAMMAZIONE

Manifesto

di Julian Rosefeldt, 2015, Germania/Australia, 95'

Il manifesto del Partito Comunista raccontato da un senzatetto, i motti dadaisti interpretati da una vedova durante un’orazione funebre, Dogma 95 spiegato da una maestra ai suoi allievi. Dodici personaggi (più uno) celebrano i movimenti artistici all’interno di altrettanti ambienti, attraverso un sorprendente collage di famosi manifesti del Novecento scritto da Julian Rosefeldt e interpretato dall’attrice australiana Cate Blanchett, vincitrice dell’Oscar.

Tra gli autori citati nel film: Filippo Tommaso Marinetti, Tristan Tzara, Kazimir Malevich, André Breton, Claes Oldenburg, Yvonne Reiner, Sturtevant, Adrian Piper, Sol LeWitt e Jim Jarmusch.

 


INGRESSO: intero 6€ / ridotto 5€

versione originale con sott. ita.


15.00
PROGRAMMAZIONE

Manifesto

di Julian Rosefeldt, 2015, Germania/Australia, 95'

Il manifesto del Partito Comunista raccontato da un senzatetto, i motti dadaisti interpretati da una vedova durante un’orazione funebre, Dogma 95 spiegato da una maestra ai suoi allievi. Dodici personaggi (più uno) celebrano i movimenti artistici all’interno di altrettanti ambienti, attraverso un sorprendente collage di famosi manifesti del Novecento scritto da Julian Rosefeldt e interpretato dall’attrice australiana Cate Blanchett, vincitrice dell’Oscar.

Tra gli autori citati nel film: Filippo Tommaso Marinetti, Tristan Tzara, Kazimir Malevich, André Breton, Claes Oldenburg, Yvonne Reiner, Sturtevant, Adrian Piper, Sol LeWitt e Jim Jarmusch.

 


INGRESSO: intero 6€ / ridotto 5€

versione originale con sott. ita.


17.00
Evento

Presentazione progetto NiCeR

Presentazione al pubblico e alla stampa dei risultati del progetto NiCeR: laboratori teatrali, percorsi creativi e partecipati di inclusione e cooperazione tra rifugiati e comunità locali realizzato in 7 città europee.


18.00
Evento

Three of us

di Mauro Maugeri, 2017, 52'

Keita vive a Roma ma è ivoriano. Hava viene dal Kosovo, ma la sua casa oggi è a Berlino. Ali è un rifugiato politico siriano a Timisoara, in Romania. Tre storie di viaggio nell’Europa dalle alterne Frontiere, tre riflessioni sull’Alterità e sulla complessità del nostro tempo di diritti pretesi e violati. Un giorno ipotetico, dall’alba al tramonto, nel cuore di tre città: tre mondi che si intrecciano, tra realtà e messa in scena, per provare a raccontare cosa vuol dire essere stranieri in terra straniera.


21.00
PROGRAMMAZIONE

Lievito madre – Le ragazze del secolo scorso

di Concita De Gregorio, Esmeralda Calabria, Italia, 2017, 60 min

La politica, il sesso, il lavoro, i sogni: in ‘Lievito madre’ (presentato all’ultima Mostra del cinema di Venezia) Concita De Gregorio raccoglie le voci di 15 donne. Che ci hanno fatto crescere.
Un progetto che viene da lontano. Ore e ore di interviste a moltissime donne, un progetto web su Repubblica.it (Cosa pensano le ragazze) e oggi un film che dopo la prima veneziana si vedrà in tv su RaiTre.
“Un racconto intimo delle donne che ci hanno preceduto e formato” raccontano le registe.

 


Biglietto intero 6€ / ridotto 5€


15.30
Festival internazionale di Cinema e Donne 2017

Onikuma

di Alessia Cecchet, Italia/Usa, 2016, 13’

Okinuma è uno yokai (demone del folclore giapponese) che appare sotto forma di orso bipede noto per dare la caccia ai cavalli. Circondate da un paesaggio misterioso, due donne iniziano un percorso che le porterà a comprendere che i demoni possono apparire sotto molteplici forme.


A seguire
Festival internazionale di Cinema e Donne 2017

Mohamed, le prenom

di Malika Zairi, Francia/Marocco, 2016, 15’

Mohamed è uno dei più diffusi nomi nel mondo ma non è un nome facile da portare. Per il piccolo Mohamed di dieci anni è una continua fonte di problemi e confusione. Con grande leggerezza ed efficacia si affrontano i problemi dell’incontro e dell’accoglienza che si confrontano con il desiderio diffuso di rifiutare e non voler capire.


A seguire
Festival internazionale di Cinema e Donne 2017

The incredible elastic man

di Karolina Specht, Polonia, 2013, 5’

Le evoluzioni di un personaggio destrutturato che forse cerca di darsi una forma ma la sua estrema flessibilità gli fa temere incontri. Ma si può davvero vivere completamente separati dagli altri e dalla realtà?


A seguire
Festival internazionale di Cinema e Donne 2017

Mais qu’est-ce qu’elles veulent?

di Coline Serreau, Francia, 1975, 90’

Coline Serreau realizza questo storico documentario da sola, senza équipe. Otto donne le parlano del loro vissuto, del loro destino, di ciò che sperano e vogliono... Sono operaie, contadine, madri di famiglia e si interrogano sulla loro vita e sul loro ruolo nella società. Cinema diretto e modello di un modo di documentare, al femminile, molto libero ed efficace.


A seguire
Festival internazionale di Cinema e Donne 2017

Initiation aux Musiques ed Danses Amazigh

di Farida Benlyazid, Marocco, 2016, 25'

Scopriamo che la musica e le danze Amazigh/Berbere sono millenarie e gelosamente custodite in cinque regioni del Marocco. Farida Benlyazid propone un viaggio cinematografico che attraversa paesaggi e ambienti di straordinaria diversità.


A seguire
FESTIVAL INTERNAZIONALE DI CINEMA E DONNE 2017

Noi siamo cultura – Monuments Women

di Giuseppe Carrieri, Italia, 2017, 22'

Noi siamo cultura”, è un viaggio lungo l’Italia alla scoperta dell’imprenditorialità culturale indipendente. Storie di “lavoratori culturali”, dove tra ricchezza storica, bellezze artistiche e architettoniche ed economie locali, si sviluppano startup, progetti sociali ed imprese creative del territorio. Produzione laeffe- La TV di Feltrinelli.


19.00
Festival internazionale di Cinema e Donne 2017

Incontro con le registe presenti

21.00
Festival internazionale di cinema e donne 2017

Consegna del Sigillo della Pace del Comune di Firenze

Consegna del Sigillo della Pace del Comune di Firenze


A seguire
Festival internazionale di Cinema e Donne 2017

Saint-Jacques… La Mecque

di Coline Serreau, Francia, 2005, 112'

Tutto inizia da tre fratelli che per incassare la cospicua eredità della mamma sono obbligati a fare a piedi il pellegrinaggio che porta a Santiago de Compostela. Sono una professoressa laica, un ricco imprenditore e un alcolizzato filosofeggiante. Si detestano cordialmente. Camminano con un gruppo di altre sei persone tra le quali un immigrato mussulmano molto giovane che crede di andare alla Mecca. Un fuoco d'artificio di invenzioni narrative e visive. Profondo, divertente, onirico e realistico. Incanto musicale e splendidi paesaggi. Esilarante e commovente.


15.30
Festival internazionale di Cinema e Donne 2017

Don’t lose your head

di Karolina Specht, Polonia, 2015, 4’

Corto animato che mostra come sia facile “perdere la testa”. La narrazione si svolge esclusivamente sul piano visivo. Da composizioni semplici si passa a scene piene di colore e caledoscopiche.


A seguire
Festival internazionale di Cinema e Donne 2017

Swallows

di Sofia Bost, Portogallo, 2015, 15’

Sara è arrivata a Londra dal Portogallo per cercare lavoro come grafica ma è finita, come tanti, a lavorare in cucina. Per lei è il momento delle decisioni: tornare e rendere reale il contatto virtuale che la fa sentire vicina agli affetti lasciati a casa o andare avanti e provare a realizzare i suoi progetti?


A seguire
Festival internazionale di Cinema e Donne 2017

Musique Amazigh d’Hier et d’Aujourd’hui

di Farida Benlyazid, Marocco, 2016, 25'

La tradizione berbera mette insieme poesia e musica affidando agli strumenti a corda un ruolo fondamentale. Compositori e interpreti compiono percorsi iniziatici omaggiando i loro maestri e declinandone gli insegnamenti anche con strumenti contemporanei.


A seguire
Festival internazionale di Cinema e Donne 2017

Beti Bezperako Koplak (Versi di una notte senza mattino)

di Begoña Vicario, Spagna, 2016, 5'53''

Animazione dal segno potente. Nei Paesi Baschi alla vigilia di Sant’Agata i bersolaris, vanno di casa in casa cantando versi e accompagnandosi con il ritmo dei bastoni. La bersolari Maialen Lujanbio, con i suoi versi, fa una cruda denuncia alla violenza di genere.


A seguire
Festival internazionale di Cinema e Donne 2017

Tambours battant

di Izza Génini, Francia/Marocco, 1999, 52'

Il battito dei tamburi battenti si propaga nello spazio e lo satura nelle ricorrenze religiose e non, nelle feste, nei raduni di musicisti. Ce ne sono di enormi e di minuscoli, come quelli che volteggiavano sotto le nostre finestre a Casablanca quando ero bambina.


A seguire
Festival internazionale di Cinema e Donne 2017

Film scelti da Mariann Lewinsky

A seguire
Festival internazionale di cinema e donne

Ella Maillart – Double Journey

Mariann Lewinsky e Antonio Bigini, SVIZZERA/ITALIA, 2015, 40’

Nel 1936 due donne si allontanano dall’Europa dove il nazismo trionfa e la guerra si avvicina. Ella Maillart, scrittrice di viaggio, fotografa e sportiva a tutto campo, dalla vela all' hockey su ghiaccio, parte con Annemarie Schwarzenbach scrittrice e viaggiatrice anche lei. Quel viaggio diventa un mito. Nel libro che ne trae, Ella Maillart parla di due cineprese, ma si pensava che i filmati non esistessero più. Mariann Lewinsky li ha ritrovati.


19.00
Festival internazionale di Cinema e Donne 2017

Mariann Lewinsky: ricerca, cura e restauro del cinema

Incontro con le registe presenti.


21.00
Festival internazionale di Cinema e Donne 2017

Corniche Kennedy

di Dominique Cabrera, Francia, 2016, 94'

A Marsiglia, una banda di ragazzi provenienti da quartieri nord, in fuga da esclusione e miseria ha conquistato un lembo di territorio sulle rocce che formano la Corniche, la famosa passeggiata sul mare, una zona di ricchi. Si sfidano in pericolosissimi tuffi dall’alto e la regista filma i voli nel vuoto, le danze sott’acqua. Ma il rischio più grande per i ragazzi non viene dalla sfida all’abisso.


A seguire
Festival internazionale di Cinema e Donne 2017

In Between

di Tatiana Forese, Marocco, 2017, 67’

Cinque donne italiane occupate in modo diverso, con storie e provenienze diverse, che condividono le fatiche e le opportunità della vita di un paese che non è il loro e ci raccontano un nuovo modo di emigrare.


15.00
PROGRAMMAZIONE

Hokusai dal British Museum

di Patricia Wheatley, 2017, Stati Uniti, 90'

Questo film fa parte dei TOP DOC 

Hokusai, classe 1760, è l’artista giapponese che più di ogni altro ha rivoluzionato la storia dell’arte moderna occidentale.
La sua opera più conosciuta, La Grande Onda, è così famosa da essere stata copiata e riprodotta quanto la Monna Lisa di Leonardo. Con La Grande Onda e la serie delle 100 viste del Monte Fuji, Hokusai ha infatti ispirato artisti come MonetVan Gogh e Picasso e, con i suoi emoji, è stato e rimane a tutti gli effetti il padre del manga moderno, oltre che un’inesauribile fonte di spunti per gli artisti di oggi.

Hokusai dal British Museum è il primo documentario inglese dedicato al celebre Katsushika Hokusai (1760-1849). Al nostro fianco per guidarci nella scoperta del pittore ci saranno studiosi appassionati e artisti che hanno subito l’influenza di questo grande maestro, tra cui David Hockneye il pittore giapponese Ideguchi Yuki. Dopo una prima parte dedicata alla vita del pittore, il film evento guiderà lo spettatore in una visita esclusiva attraverso le sale della grande mostra del British Museum Hokusai: beyond the Great Wave (aperta sino al 13 agosto). Presentato dallo storico dell’arte Andrew Graham-Dixon con gli artisti Grayson PerryKate Malone e Maggi Hambling, il tour è stato creato appositamente per il pubblico del cinema.


Biglietto intero 8,00 € / ridotto 6,50 € 


17.00
PROGRAMMAZIONE

Lievito madre – Le ragazze del secolo scorso

di Concita De Gregorio, Esmeralda Calabria, Italia, 2017, 60 min

La politica, il sesso, il lavoro, i sogni: in ‘Lievito madre’ (presentato all’ultima Mostra del cinema di Venezia) Concita De Gregorio raccoglie le voci di 15 donne. Che ci hanno fatto crescere.
Un progetto che viene da lontano. Ore e ore di interviste a moltissime donne, un progetto web su Repubblica.it (Cosa pensano le ragazze) e oggi un film che dopo la prima veneziana si vedrà in tv su RaiTre.
“Un racconto intimo delle donne che ci hanno preceduto e formato” raccontano le registe.

 


Biglietto intero 6€ / ridotto 5€


19.00
PROGRAMMAZIONE

Evviva Giuseppe

di Stefano Consiglio, 2017, Italia, 90'

Giuseppe Bertolucci: regista di cinema, teatro, televisione, scrittore, poeta, autore del cult Berlinguer ti voglio bene. Raccontato attraverso la voce del padre Attilio (che evoca il doloroso privilegio dell’essere fratello minore); quella del fratello maggiore Bernardo (che racconta con struggente dolcezza la sua nascita); le testimonianze di amici e colleghi: Lidia Ravera, Mimmo Rafele, Marco Tullio Giordana, Nanni Moretti; i ricordi di alcune tra le sue attrici predilette: Stefania Sandrelli, Laura Morante e Sonia Bergamasco.

Con Gian Luca Farinelli (direttore della Cineteca di Bologna); la partecipazione di Fabrizio Gifuni, Emanuele Trevi, Aldo Nove (in certi testi del quale si trovano alcune riflessioni di Giuseppe) e il monologo finale di Roberto Benigni che recita un testo scritto in omaggio all’amico di sempre, ormai scomparso.
Il film è stato presentato alla 74. MOSTRA INTERNAZIONALE D’ARTE CINEMATOGRAFICA DI VENEZIA.


Biglietto intero 6€ / ridotto 5€


21.00
PROGRAMMAZIONE

Manifesto

di Julian Rosefeldt, 2015, Germania/Australia, 95'

Il manifesto del Partito Comunista raccontato da un senzatetto, i motti dadaisti interpretati da una vedova durante un’orazione funebre, Dogma 95 spiegato da una maestra ai suoi allievi. Dodici personaggi (più uno) celebrano i movimenti artistici all’interno di altrettanti ambienti, attraverso un sorprendente collage di famosi manifesti del Novecento scritto da Julian Rosefeldt e interpretato dall’attrice australiana Cate Blanchett, vincitrice dell’Oscar.

Tra gli autori citati nel film: Filippo Tommaso Marinetti, Tristan Tzara, Kazimir Malevich, André Breton, Claes Oldenburg, Yvonne Reiner, Sturtevant, Adrian Piper, Sol LeWitt e Jim Jarmusch.

 


INGRESSO: intero 6€ / ridotto 5€

versione originale con sott. ita.


15.00
PROGRAMMAZIONE

Lievito madre – Le ragazze del secolo scorso

di Concita De Gregorio, Esmeralda Calabria, Italia, 2017, 60 min

La politica, il sesso, il lavoro, i sogni: in ‘Lievito madre’ (presentato all’ultima Mostra del cinema di Venezia) Concita De Gregorio raccoglie le voci di 15 donne. Che ci hanno fatto crescere.
Un progetto che viene da lontano. Ore e ore di interviste a moltissime donne, un progetto web su Repubblica.it (Cosa pensano le ragazze) e oggi un film che dopo la prima veneziana si vedrà in tv su RaiTre.
“Un racconto intimo delle donne che ci hanno preceduto e formato” raccontano le registe.

 


Biglietto intero 6€ / ridotto 5€


17.00
PROGRAMMAZIONE

Evviva Giuseppe

di Stefano Consiglio, 2017, Italia, 90'

Giuseppe Bertolucci: regista di cinema, teatro, televisione, scrittore, poeta, autore del cult Berlinguer ti voglio bene. Raccontato attraverso la voce del padre Attilio (che evoca il doloroso privilegio dell’essere fratello minore); quella del fratello maggiore Bernardo (che racconta con struggente dolcezza la sua nascita); le testimonianze di amici e colleghi: Lidia Ravera, Mimmo Rafele, Marco Tullio Giordana, Nanni Moretti; i ricordi di alcune tra le sue attrici predilette: Stefania Sandrelli, Laura Morante e Sonia Bergamasco.

Con Gian Luca Farinelli (direttore della Cineteca di Bologna); la partecipazione di Fabrizio Gifuni, Emanuele Trevi, Aldo Nove (in certi testi del quale si trovano alcune riflessioni di Giuseppe) e il monologo finale di Roberto Benigni che recita un testo scritto in omaggio all’amico di sempre, ormai scomparso.
Il film è stato presentato alla 74. MOSTRA INTERNAZIONALE D’ARTE CINEMATOGRAFICA DI VENEZIA.


Biglietto intero 6€ / ridotto 5€


19.00
PROGRAMMAZIONE

Manifesto

di Julian Rosefeldt, 2015, Germania/Australia, 95'

Il manifesto del Partito Comunista raccontato da un senzatetto, i motti dadaisti interpretati da una vedova durante un’orazione funebre, Dogma 95 spiegato da una maestra ai suoi allievi. Dodici personaggi (più uno) celebrano i movimenti artistici all’interno di altrettanti ambienti, attraverso un sorprendente collage di famosi manifesti del Novecento scritto da Julian Rosefeldt e interpretato dall’attrice australiana Cate Blanchett, vincitrice dell’Oscar.

Tra gli autori citati nel film: Filippo Tommaso Marinetti, Tristan Tzara, Kazimir Malevich, André Breton, Claes Oldenburg, Yvonne Reiner, Sturtevant, Adrian Piper, Sol LeWitt e Jim Jarmusch.

 


INGRESSO: intero 6€ / ridotto 5€

versione originale con sott. ita.


21.00
PROGRAMMAZIONE

Manifesto

di Julian Rosefeldt, 2015, Germania/Australia, 95'

Il manifesto del Partito Comunista raccontato da un senzatetto, i motti dadaisti interpretati da una vedova durante un’orazione funebre, Dogma 95 spiegato da una maestra ai suoi allievi. Dodici personaggi (più uno) celebrano i movimenti artistici all’interno di altrettanti ambienti, attraverso un sorprendente collage di famosi manifesti del Novecento scritto da Julian Rosefeldt e interpretato dall’attrice australiana Cate Blanchett, vincitrice dell’Oscar.

Tra gli autori citati nel film: Filippo Tommaso Marinetti, Tristan Tzara, Kazimir Malevich, André Breton, Claes Oldenburg, Yvonne Reiner, Sturtevant, Adrian Piper, Sol LeWitt e Jim Jarmusch.

 


INGRESSO: intero 6€ / ridotto 5€

versione originale con sott. ita.


15.00
PROGRAMMAZIONE

Evviva Giuseppe

di Stefano Consiglio, 2017, Italia, 90'

Giuseppe Bertolucci: regista di cinema, teatro, televisione, scrittore, poeta, autore del cult Berlinguer ti voglio bene. Raccontato attraverso la voce del padre Attilio (che evoca il doloroso privilegio dell’essere fratello minore); quella del fratello maggiore Bernardo (che racconta con struggente dolcezza la sua nascita); le testimonianze di amici e colleghi: Lidia Ravera, Mimmo Rafele, Marco Tullio Giordana, Nanni Moretti; i ricordi di alcune tra le sue attrici predilette: Stefania Sandrelli, Laura Morante e Sonia Bergamasco.

Con Gian Luca Farinelli (direttore della Cineteca di Bologna); la partecipazione di Fabrizio Gifuni, Emanuele Trevi, Aldo Nove (in certi testi del quale si trovano alcune riflessioni di Giuseppe) e il monologo finale di Roberto Benigni che recita un testo scritto in omaggio all’amico di sempre, ormai scomparso.
Il film è stato presentato alla 74. MOSTRA INTERNAZIONALE D’ARTE CINEMATOGRAFICA DI VENEZIA.


Biglietto intero 6€ / ridotto 5€


17.00
PROGRAMMAZIONE

Lievito madre – Le ragazze del secolo scorso

di Concita De Gregorio, Esmeralda Calabria, Italia, 2017, 60 min

La politica, il sesso, il lavoro, i sogni: in ‘Lievito madre’ (presentato all’ultima Mostra del cinema di Venezia) Concita De Gregorio raccoglie le voci di 15 donne. Che ci hanno fatto crescere.
Un progetto che viene da lontano. Ore e ore di interviste a moltissime donne, un progetto web su Repubblica.it (Cosa pensano le ragazze) e oggi un film che dopo la prima veneziana si vedrà in tv su RaiTre.
“Un racconto intimo delle donne che ci hanno preceduto e formato” raccontano le registe.

 


Biglietto intero 6€ / ridotto 5€


19.00
PROGRAMMAZIONE

Manifesto

di Julian Rosefeldt, 2015, Germania/Australia, 95'

Il manifesto del Partito Comunista raccontato da un senzatetto, i motti dadaisti interpretati da una vedova durante un’orazione funebre, Dogma 95 spiegato da una maestra ai suoi allievi. Dodici personaggi (più uno) celebrano i movimenti artistici all’interno di altrettanti ambienti, attraverso un sorprendente collage di famosi manifesti del Novecento scritto da Julian Rosefeldt e interpretato dall’attrice australiana Cate Blanchett, vincitrice dell’Oscar.

Tra gli autori citati nel film: Filippo Tommaso Marinetti, Tristan Tzara, Kazimir Malevich, André Breton, Claes Oldenburg, Yvonne Reiner, Sturtevant, Adrian Piper, Sol LeWitt e Jim Jarmusch.

 


INGRESSO: intero 6€ / ridotto 5€

versione originale con sott. ita.


21.00
PROGRAMMAZIONE

Manifesto

di Julian Rosefeldt, 2015, Germania/Australia, 95'

Il manifesto del Partito Comunista raccontato da un senzatetto, i motti dadaisti interpretati da una vedova durante un’orazione funebre, Dogma 95 spiegato da una maestra ai suoi allievi. Dodici personaggi (più uno) celebrano i movimenti artistici all’interno di altrettanti ambienti, attraverso un sorprendente collage di famosi manifesti del Novecento scritto da Julian Rosefeldt e interpretato dall’attrice australiana Cate Blanchett, vincitrice dell’Oscar.

Tra gli autori citati nel film: Filippo Tommaso Marinetti, Tristan Tzara, Kazimir Malevich, André Breton, Claes Oldenburg, Yvonne Reiner, Sturtevant, Adrian Piper, Sol LeWitt e Jim Jarmusch.

 


INGRESSO: intero 6€ / ridotto 5€

versione originale con sott. ita.