18-21 giugno 2020

[L’archivio del Festival dei Popoli presenta: Prime visioni] Il passaggio della linea di Pietro Marcello

CONTINUANO GLI appuntamenti, proposti dall’Archivio del Festival dei Popoli, con documentari realizzati a inizio carriera da registi oggi famosi.

Evento in sala virtuale Più Compagnia

Vera palestra per molti esordienti, passione mai rinnegata anche da autori che si sono successivamente cimentati in altri generi cinematografici, il documentario si conferma autentica prova per organizzare in racconto le infinite suggestioni fornite dalla realtà.

Vedere, o riscoprire, queste opere ci permette non solo di proporre al pubblico odierno opere di elevata qualità, ma anche di verificare se sia vero che nelle opere d’esordio sono presenti gli elementi costitutivi di una poetica approfondita nelle produzioni più mature.

Selezione a cura di Alberto Lastrucci (Archivio del Festival dei Popoli)

 


[ L’Autore ] Pietro Marcello (Caserta, 1976) con Bella e perduta (2015) e Martin Eden (2019), in concorso alla 76ª Mostra di Venezia, si è affermato come uno dei cineasti contemporanei più interessanti e innovativi.

[ I film ]
La baracca di Pietro Marcello, Italia, 2005, 26 min
Nel centro di Napoli, Maurizio ha deciso di costruire una baracca proprio sulle scale che conducono a corso Vittorio Emanuele. Il senzatetto non suscita pietà perché riesce a combattere ogni giorno contro la povertà, le resiste cercando di sopravvivere al meglio. Raccoglie tutti gli oggetti che la società consumista getta via, tutto quello che viene eliminato per far posto a novità più tecnologiche e comode. Così l’interno della sua baracca assomiglia in tutto e per tutto ad una vera casa.

Il passaggio della linea di Pietro Marcello, Italia, 2007, 57 min
A bordo dei treni espressi che attraversano giorno e notte la penisola in un eterno andirivieni, il tempo del viaggio coincide con quello dell’attesa: una sospensione esistenziale tra ciò che si è lasciato dietro e quello che ci attende all’arrivo. Pietro Marcello elabora la materia filmica (immagini, suono, musica) per trasformare un’azione di per sé banale come prendere un treno in un’esperienza multisensoriale ed onirica

I film saranno preceduti da una presentazione a cura di Alberto Lastrucci (Archivio del Festival dei Popoli)

BIGLIETTO: €3,99

 

FacebookTwitterWhatsAppEmail

SPETTACOLI | VAI AL PROGRAMMA

GIOVEDÌ 18 GIUGNO, ORE 21.00
DOMENICA 21 GIUGNO, ORE 21.00 (replica)