Vai al contenuto
Giugno 2024
  • sabato

    01/06/2024

  • domenica

    02/06/2024

  • lunedì

    03/06/2024

  • martedì

    04/06/2024

  • mercoledì

    05/06/2024

  • giovedì

    06/06/2024

  • venerdì

    07/06/2024


15:00
PROGRAMMAZIONE

Chien de la casse

di Jean-Baptiste Durand, 2023, Francia, 93' - v.o. francese sott. ita

INGRESSO: 6€ intero / 5€ ridotto

In un villaggio del Sud della Francia, Dog e Mirales, due inseparabili amici d’infanzia, trascorrono la maggior parte del tempo vagando per le vie del borgo. Per ammazzare il tempo, Mirales ha preso l’abitudine di prendere in giro Dog più del dovuto. Quando una ragazza, Elsa, arriva nel villaggio e nasce una storia d’amore con Dog, la loro amicizia viene messa a dura prova. Mirales, tormentato dalla gelosia, dovrà liberarsi del suo passato per crescere e finalmente trovare il suo posto.


17:00
FILMOPERA 2024

Tosca

di Luigi Magni, 1973, Italia, 103′ – pellicola 35 mm in italiano concessa da CSC – Cineteca Nazionale

INGRESSO: intero 4€, ridotto 3€

Il melodramma diventa commedia musicale, il tono da tragico si fa ironico, il clima da retorico sfuma nel grottesco, l’ambiente da aulico sfocia nel plebeo, la retorica si confonde con l’umorismo. In questo caso trasteverino. Denudata da ogni orpello e drappeggio mèlo, La Tosca di Luigi Magni si appropria della musica di Puccini, delle sue immortali melodie, come della drammaturgia di Sardou, e con spirito iconoclasta e anticlericale le consegna “rugantinescamente” (non dimentichiamo che Magni aveva collaborato con Garinei e Giovannini alla “sceneggiatura” del celeberrimo “Rugantino”) allo spassoso birignao e ai couplets romaneschi di un cast quant’altri esuberante, un ensemble vocale alto e basso, colto e popolare, inclito e grezzo, un cast di straordinario spessore metafisico e sublime equilibrio vernacolare. “Luigi Magni – scrive nella sua Storia del cinema Giampiero Brunetta – mette in scena l’anima schietta, lo spirito laico di un popolo che riesce a difendere la propria identità e la propria vitalità, che cede alle tentazioni della carne senza preoccuparsi troppo dell’inferno né desiderare la beatitudine del paradiso promesso dagli eserciti del papa”. L’operazione imbastita da Magni, alimentata da una vena gaglioffa e divertita, si colora dei toni della parodia, sfiora la caricatura, spinge fino in fondo il pedale dell’ironia, l’enfasi del melodramma viene rovesciata come un guanto in versione rivistaiola “Roma nun fa la stupida stasera” o per meglio dire in ottica da opera buffa: un terreno sempre fertile dove scattano volutamente, con pochissimo sforzo, i riferimenti alla nostra epoca. La critica si divide ma lo spettacolo è vincente. Il bello è che nel film, inizialmente pensato come una commedia musicale da portare in giro per i palcoscenici della penisola, non scorre neanche una nota di Puccini. La gustosa girandola di trovate e i dialoghi spesso in rima (“dall’acceso chiaroscuro dialettale” annota Guglielmo Biraghi sul Messaggero) vengono solleticati dalla colonna sonora e dalle canzoni di Armando Trovajoli, che contaminano lo stornello popolaresco con la strimpellata folk, Beethoven e Paisiello con il “Ça ira” e la banda paesana. (G.Rizza)

Interpreti: Monica Vitti, Gigi Proietti, Umberto Orsini, Vittorio Gassman, Aldo Fabrizi, Fiorenzo Fiorentini, Gianni Bonagura, Ninetto Davoli, Marisa Fabbri


Introduce il critico Gabriele Rizza


19:00
PROGRAMMAZIONE

Superluna

di Federico Bondi, Italia, 2024, 101' - v.o. in italiano

INGRESSO: 6€ intero/ 5€ ridotto

Un terremoto colpisce una piccola comunità, costringendo tutti a lasciare le proprie case. Mentre gli adulti faticano a trovare un equilibrio nella precarietà, la piccola Viola, una bambina di dieci anni, immagina il sisma come un amico che la obbliga a stare fuori, insieme agli altri, e scopre così il mondo dei grandi, l’amicizia e una natura fino a quel momento inesplorata.


21:00
SGUARDI DISTORTI, CORPI INQUIETI – IL CINEMA DI CRONENBERG

Cosmopolis

di David Cronenberg, Canada, Francia, Italia, Portogallo, 2012, 109’ - v.o. sot. ita

INGRESSO: 6€ /5€ ridotto

Il miliardario Eric Packer, reduce da una disastrosa giornata a Wall Street, decide di attraversare Manhattan a bordo della sua limousine per raggiungere la bottega del suo barbiere di fiducia. New York è completamente bloccata e la macchina procede a passo d’uomo. La visita del presidente degli Stati Uniti d’America, il funerale di un celebre rapper e una manifestazione di anarchici contribuiscono alla paralisi del traffico. La sua scelta di itinerario è quindi bizzarra, ma Eric trasforma il viaggio in una specie di scommessa con se stesso, ed è assolutamente determinato a vincere.

 

 


17:00
PROGRAMMAZIONE

Superluna

di Federico Bondi, Italia, 2024, 101' - v.o. in italiano

INGRESSO: 6€ intero/ 5€ ridotto

Un terremoto colpisce una piccola comunità, costringendo tutti a lasciare le proprie case. Mentre gli adulti faticano a trovare un equilibrio nella precarietà, la piccola Viola, una bambina di dieci anni, immagina il sisma come un amico che la obbliga a stare fuori, insieme agli altri, e scopre così il mondo dei grandi, l’amicizia e una natura fino a quel momento inesplorata.


19:00
IN CAMPO – TRE DOCUMENTARI SUL CALCIO E SUL MONDO CHE GLI GIRA ATTORNO

The home game

di Smari GunnLogi Sigursveinsson, Isalnda, 2023, 79' - v.o. sot. ita

INGRESSO: 6€ intero / 5€ ridotto / 3€ con tessera Firenze al Cinema (sugli spettacoli segnalati nella newsletter di Firenze al Cinema) e abbonati L’Ultimo Uomo

Venticinque anni fa, in un piccolo villaggio di pescatori in Islanda, un uomo costruì da solo un campo da calcio ai piedi di un vulcano, sognando di fondare una squadra per giocare in casa una partita della coppa nazionale. Il sorteggio decise invece che avrebbero giocato in trasferta, persero 10-0, e nessuno mise mai più piede sul quel campo. Venticinque anni dopo, Kari Vidarsson resuscita il sogno del padre: giocare almeno una partita di coppa in casa, e perdere con meno di dieci gol di scarto. Kari adotta la filosofia paterna e arruola chiunque voglia di giocare, compresi un pescatore e suo figlio, un riluttante parroco protestante, e una madre di tre figli. Ma proprio l’inclusione di una donna mette a rischio la storica partita, perché le squadre miste non sono accettate dalla federazione islandese.

 


21:00
LA COMPAGNIA CULT – I CAPOLAVORI DEL XX SECOLO

La fiamma del peccato

di B. Wilder. USA 1944, 107’ - v.o. sott. ita

INGRESSO: 5€ intero/4€ ridotto

Un agente assicurativo si infatua di una donna sposata che lo convince a commettere il delitto perfetto.
Tratta da un romanzo di James Cain, la sceneggiatura scritta da Wilder in collaborazione con Raymond Chandler fece tremare non pochi addetti ai lavori terrorizzati all’idea che una storia così nera avrebbe tenuto il pubblico
lontano. Ma Wilder riuscì a convincere la Paramount e gli attori a girare quello che sarebbe stato il primo noir della storia del cinema e un capolavoro immortale.


15:00
PROIEZIONI DISTURBATE

Gloria!

di Margherita Vicario, Italia, 2024, 105' v.o. ita

INGRESSO: € 3,50 unico /  €3 per i clienti di Studiootto* e Lilà Toys** e per le mamme presentate da Mondo Doula/ gratuito per bambini.

Ambientato in un istituto femminile nella Venezia di fine ‘700, Gloria! racconta la storia di Teresa, una giovane dal talento visionario, che, insieme a un gruppetto di straordinarie musiciste, scavalca i secoli e sfida i polverosi catafalchi dell’Ancien Régime inventando una musica ribelle, leggera e moderna. Pop!


17:00
LA COMPAGNIA CULT – I CAPOLAVORI DEL XX SECOLO

Il terrore scorre sul filo

di A. Litvak, USA 1948, 90’ - v.o. sott. ita

INGRESSO: 5€ intero/4€ ridotto

Una donna invalida scopre durante una telefonata la trama di un omicidio. Cerca in ogni modo di sventare il crimine, quando in realtà scopre che la vittima designata è proprio lei. Tratto da un popolare radiodramma, Il terrore corre sul filo è un precursore del thriller a suspense e una rara occasione per vedere Stanwyck nei panni di una vittima indifesa. Con questo film, l’attrice conquistò la quarta e ultima candidatura all’Oscar.  Che non abbia mai vinto la statuetta è considerato dai cinefili e fans tuttora un errore imperdonabile.


21:00
LA COMPAGNIA CULT – I CAPOLAVORI DEL XX SECOLO

Ricorda quella notte

di M. Leisen, USA 1940, 94’ - v.o. sott. ita

INGRESSO: 5€ intero/4€ ridotto

La prima commedia romantica di Barbara Stanwyck nei panni di una ladra in attesa di condanna “costretta” a passare il Natale con il procuratore distrettuale che la prende in custodia prima della sentenza. Il nascere dell’amore e il perfetto equilibrio tra commedia e mélo in un film natalizio che fonde la scrittura eversiva di Preston Sturges e la magia registica di Mitchell Leisen. Stanwyck e MacMurray in stato di grazia.


15:00
PROGRAMMAZIONE

Superluna

di Federico Bondi, Italia, 2024, 101' - v.o. in italiano

INGRESSO: 6€ intero/ 5€ ridotto

Un terremoto colpisce una piccola comunità, costringendo tutti a lasciare le proprie case. Mentre gli adulti faticano a trovare un equilibrio nella precarietà, la piccola Viola, una bambina di dieci anni, immagina il sisma come un amico che la obbliga a stare fuori, insieme agli altri, e scopre così il mondo dei grandi, l’amicizia e una natura fino a quel momento inesplorata.


19:00
PROGRAMMAZIONE

Chien de la casse

di Jean-Baptiste Durand, 2023, Francia, 93' - v.o. francese sott. ita

INGRESSO: 6€ intero / 5€ ridotto

In un villaggio del Sud della Francia, Dog e Mirales, due inseparabili amici d’infanzia, trascorrono la maggior parte del tempo vagando per le vie del borgo. Per ammazzare il tempo, Mirales ha preso l’abitudine di prendere in giro Dog più del dovuto. Quando una ragazza, Elsa, arriva nel villaggio e nasce una storia d’amore con Dog, la loro amicizia viene messa a dura prova. Mirales, tormentato dalla gelosia, dovrà liberarsi del suo passato per crescere e finalmente trovare il suo posto.


21:00
PROGRAMMAZIONE

Superluna

di Federico Bondi, Italia, 2024, 101' - v.o. in italiano

INGRESSO: 6€ intero/ 5€ ridotto

Un terremoto colpisce una piccola comunità, costringendo tutti a lasciare le proprie case. Mentre gli adulti faticano a trovare un equilibrio nella precarietà, la piccola Viola, una bambina di dieci anni, immagina il sisma come un amico che la obbliga a stare fuori, insieme agli altri, e scopre così il mondo dei grandi, l’amicizia e una natura fino a quel momento inesplorata.