luglio 2019
  • venerdì

    19/07/2019

  • sabato

    20/07/2019

  • domenica

    21/07/2019

  • lunedì

    22/07/2019

  • martedì

    23/07/2019

  • mercoledì

    24/07/2019

  • giovedì

    25/07/2019


15.00
IL CINEMA ITALIANO OGGI, TRA REALTÀ E FINZIONE

Stop the Pounding Heart

di Roberto Minervini (Belgio/Italia/USA 2013, 98 min)

INGRESSO: 5€ intero/ 4€ ridotto

In Texas, la diciassettenne Sara, figlia di allevatori e con una madre fervente religiosa, passa le giornate a sbrigare i doveri di casa in compagnia delle sorelle, finché l’incontro con il coetaneo Colby non la spingerà a ripensare il proprio futuro. Il film dell’affermazione critica internazionale è anche quello con il quale si affina ulteriormente l’originale pratica del regista.


17.00
IL CINEMA ITALIANO OGGI, TRA REALTÀ E FINZIONE

Il treno va a Mosca

di Federico Ferrone, Michele Manzolini (Italia 2013, 70 min)

INGRESSO: 5€ intero/ 4€ ridotto

La fine di un mondo attraverso lo sguardo e i filmati 8mm del barbiere comunista Sauro Ravaglia. È il 1957 ad Alfonsine, uno dei tanti paesini della Romagna “rossa” distrutti dalla guerra. Sauro e i suoi amici sognano un mondo di pace, fratellanza, uguaglianza: sognano l’Unione Sovietica. Arriva l’occasione di una vita: visitare Mosca durante il Festival mondiale della gioventù socialista. Sauro e compagni si armano di cinepresa per filmare il grande viaggio. Ma cosa succede quando si parte per filmare l’utopia e ci si trova di fronte la realtà?


19.30
IL CINEMA ITALIANO OGGI, TRA REALTÀ E FINZIONE

Io sto con la sposa

di Antonio Augugliaro, Gabriele Del Grande, Khaled Soliman Al Nassiry, (Italia/Palestina 2014, 89 min)

INGRESSO: 5€ intero/ 4€ ridotto

Un poeta palestinese siriano e un giornalista italiano incontrano a Milano cinque palestinesi e siriani sbarcati a Lampedusa in fuga dalla guerra, e decidono di aiutarli a proseguire il loro viaggio clandestino verso la Svezia. Per evitare di essere arrestati come contrabbandieri però, decidono di mettere in scena un finto matrimonio coinvolgendo un’amica palestinese che si travestirà da sposa, e una decina di amici italiani e siriani che si travestiranno da invitati.